Logan, in quale universo siamo?

Wolverine nell’ultimo film non indossa la famosa tuta da combattimento gialla e nera. Questa scelta non è una decisione presa a caso. Nel mondo dell’ultimo film esistono i fumetti della Marvel e quindi troviamo sullo stesso piano i mutanti finti e i mutanti veri. Logan in più occasione afferma che gli eventi dei fumetti sono solamente delle storie inventate che non appartengono alla vera storia degli X-men.

logan_2017_posterIl regista James Mangold ha creato una pellicola molto diversa dai cinecomic che abbiamo visto precedentemente. Lo spin-off degli X-men si concentra sull’aspetto umano del mutante furioso che si trova, per un breve periodo, a diventare una specie di padre: proteggere una bambina e accudire un anziano malato.

Uno Hugh Jackman invecchiato, stanco e malandato mi ha fatto impressione perché mi ha fatto capire che i mutanti non sono degli idoli immortali ma degli esseri che soffrono e vivono come il resto dell’umanità. L’anziano che ho citato poco fa è un inedito Professor X, Charles Xavier, che ha perso la personalità austera e accademica a causa dell’Alzheimer. La sua malattia è estremamente pericolosa per tutti perché il cervello di Xavier è stato classificato come arma di distruzione di massa: con una crisi può uccidere tutti gli esseri umani nelle vicinanze.

La bambina è Laura, o meglio conosciuta come X-23, una mutante concepita in laboratorio che possiede il patrimonio genetico di Wolverine. L’undicenne Laura è incredibilmente simile a Logan, sia per carattere che per forza.

wolverine-modificato

Anteprima al cinema Arcadia

L’atmosfera del film è molto western a partire dal luogo in cui vive Logan con il Professor X e il mutante Calibano. Questi tre personaggi dimorano in una specie di industria abbandonata sul confine americano con il Messico.

Il Logan del 2029 fa l’autista ed è depresso: tutti i suoi amici sono morti e lui è gravemente malato (tossisce spesso, ci vede poco, e le nocche sono coperte dal pus). Il suo crepuscolo esistenziale verrà momentaneamente interrotto da un manipolo di tiepidi antagonisti: una milizia di cyborg e uno scienziato pazzo che vogliono catturare la piccola X-23.

Per concludere, dico che il film non mi ha entusiasmato come speravo perché, secondo me, rappresenta una “pellicola ponte” per aprire una nuova finestra nel mondo degli X-men. Logan è un’introduzione ai Nuovi Mutanti. Avanzo inoltre un’altra critica: gli antagonisti sono deboli e non hanno identità, sono insipidi. L’unico nemico di Logan è Wolverine.

Capirete questa mia ultima affermazione quando vedrete il film in sala.

nepbctpbbkoesw_2_b

X-23

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...