Tempo curvo a Krems di Claudio Magris

Un fiume di ricordi scorre in questa raccolta. Se ci specchiamo nel flusso di Magris possiamo scorgere l’esistenza umana

Annunci
copertina di Tempo curvo a Krems di Claudio Magris, pubblicato da Garzanti

Non è facile recensire Tempo curvo a Krems, compendio di 5 racconti, dello scrittore Claudio Magris. I testi si legano tra di loro sull’argomento del tempo e del ricordo. Cos’è un uomo? Il suo futuro, il suo presente o il suo passato?

Nel primo racconto, intitolato Il custode, il protagonista è un imprenditore che decide di fare il portinaio. Vicenda strana, densa di significato morale. Episodio che elabora certamente il messaggio secondo cui “tutta la vecchiaia, del resto, è un avanzare per indietreggiare”. Siamo a Trieste, l’incanto del mare e il clima ovattato. Il ricordo delle conquiste professionali si trasformano in un eterno presente. Allora emergono specifici quesiti come il seguente: il passato permette davvero di capire oggettivamente la propria esistenza? Domanda complicata a cui lo scrittore triestino cerca di rispondere. Magris infatti scrive ne Il custode:

Una regola, se valida, valeva sempre. La vita non conosceva eccezioni, le sue leggi erano eguali per tutti, come quella di gravità

La vita è un paradosso dunque: è unica e plurale. Non solo filosofia, i racconti di Claudio Magris hanno parecchi riferimenti eruditi. Dalla letteratura, alla storia, fino alla fisica. Lo stile dello scrittore sa meravigliare con degli abbagli improvvisi.

lo scrittore Claudio Magris

Il racconto più interessante rimane tuttavia Tempio curvo a Krems – capitolo che dà il titolo alla raccolta. Krems è una città dell’Austria che ospita un conferenziere che cerca riposo dopo una brillante lezione su Kafka in una località lì vicino. Ad una cena, una elegante signora triestina si avvicina al conferenziere e gli dice di essere la cugina di una vecchia compagna di classe. Questa rivelazione innesca i ricordi del protagonista Svevo su Nori, una ragazza di 18 anni di cui era innamorato quando l’intellettuale aveva 17 anni. I ricordi di giovinezza si fanno realtà come se fossero proiettati al cinema. Un mix di nostalgia e rimorsi spingeranno il protagonista a telefonare a Nori, riallacciando i rapporti con la 18enne ormai donna matura.

Ero dunque il vecchione di Svevo, che raggiunge solo tanti anni dopo una ragazza intravista una sera, saldando soltanto nel ricordo il conto lasciato aperto, anzi neanche acceso mezzo secolo prima, perché nel presente la luce della vita è offuscata dall’angoscia di vivere? La leggera brezza estiva che entrava dalla finestra, vicina al telefono, era un vento degli spazi infiniti, in cui tutto è presente e simultaneo, il roteare di un pianeta e la luce di una stella che giunge da tanto lontano. Forse il Danubio nei pressi di Krems era l’Oceano che stringe in cerchio il mondo, acque che scorrono e nello stesso istante ritornano, rive che si rispecchiano sempre nelle sue onde

Tempo curvo a Krems abbraccia i passaggi della vita e medita sul crepuscolo dell’esistenza. Gli episodi del passato si infiltrano negli oggetti, nelle persone e nello spazio-tempo. Tutto quello che accade nel presente è origine e morte all’unisono. L’uomo sperimenta una condizione crudele che lenisce con il balsamo della creazione e della reminiscenza. Siamo quello che ricordiamo.

Nella foglia che muore, spiega ai discepoli, c’è il sole che l’ha scaldata, la nuvola che l’ha dissetata con la pioggia, la terra che l’ha nutrita; la foglia restituisce le cose e gli eventi che l’hanno costituita e sono, continuano a essere lei. Eterna impermanenza, eternità di ogni cosa

Insieme ai redattori del programma letterario di Radio Statale ho elaborato una breve analisi di Tempo curvo a Krems di Claudio Magris. Qui sotto la puntata di Lituraterre.

puntata del 29 aprile, andata in onda su Radio Statale

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...