Breve storia amorosa dei vasi comunicanti di Davide Mosca

In due si vince anche contro gli ostacoli insormontabili della vita

copertina breve storia amorosa dei vasi comunicanti

Siamo nella Liguria dei primi anni del 2000 quando Schumacher correva e vinceva in Formula 1 e il Milan era una super-squadra di calcio. Anni luce da qui. In questo arco temporale si muovono i due protagonisti di Breve storia amorosa dei vasi comunicanti di Davide Mosca, pubblicato dalla casa editrice Einaudi. Due ragazzi, Remo 24 anni con il sogno di diventare uno scrittore famoso e Margherita (Margot) figlia di due ristoratori liguri che frequenta l’ultimo anno di liceo.

La coppia di personaggi è accomunata da una condizione medica legata a problemi alimentari: Remo pesa più di 100 kg e Margherita meno di 50 kg. i ragazzi frequentano un decadente bar di Savona che si chiama Atene. Al contrario di quanto suggerirebbe il nome, il locale è rifugio dei sommersi dove l’abbrutimento della miseria regna sovrano. Remo passa le sue giornate all’Atene cercando di dare un senso alla sua vita, crollata per colpa di una depressione che lo ha bloccato sentimentalmente, fisicamente e professionalmente. Egli non ritrova più la propria stella polare. L’unica cosa che gli dà soddisfazione e sollievo è mangiare tanto, tantissimo. Remo vive come un barbone, in una casa che è praticamente un tugurio.

Ero entrato nel circolo vizioso in cui si avvicendavano purezza e sozzura. Mi abbuffavo con abnegazione per raggiungere l’apice della dissolutezza e da lì trovare lo slancio per redimermi.

foto di Davide Mosca, libraio verso
Davide Mosca è al suo esordio letterario con Einaudi. Dirige inoltre la libreria Verso di Milano

Il destino però riserva una sorpresa per il protagonista: incontra Margherita durante una serata di bevute. I due si piacciono subito ma la loro è un’amicizia ambigua fondata su discussioni filosofiche e battutine. Remo subisce tuttavia un cambiamento involontario: l’autostima muta grazie alla fiducia e alla stima di Margherita che s’innamora del carattere docile del ragazzo. La trama si sviluppa sui binari saltellanti degli umori dei protagonisti, condizionati dalle patologie alimentari, e quindi psicologiche.

Ci godevamo la nostra piccola felicità, perché la felicità è sempre piccola, e preziosa, simile a un monile, leggera da trasportare, facile da nascondere a occhi distratti, in diretto contatto con il corpo, fredda o calda a seconda dei momenti.

Breve storia dei vasi comunicanti è un romanzo concreto, incentrato su un problema generazionale, quello dello standard estetico, che getta nella disperazione esistenziale un largo numero di ragazzi. Oggi infatti siamo sedotti dallo status degli influencer: icone di Instagram, il più delle volte, dal corpo statuario. Il messaggio diabolico è il seguente: se hai un brutto fisico, se sei basso, se non hai lineamenti seducenti, rimani uno scarto della società.

Davide Mosca con il suo romanzo allora ribalta la questione. Il vero amore non è per tutti ma per pochi. Bisogna impegnarsi a cercarlo. Non importa la condizione in cui siamo. Potremo essere felici quando ci metteremo a disposizione dell’altro senza pretendere di essere qualcosa che non ci appartiene.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

One thought on “Breve storia amorosa dei vasi comunicanti di Davide Mosca”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...