La ricetta del Dottor Wasser di Lars Gustafsson

copertina la ricetta del dottor wasser iperborea

Parto subito con una confessione. Sto per scrivere la recensione del mio primo Iperborea. Ecco, l’ho svelato. Mi è andata anche bene perché La ricetta del Dottor Wasser è stata una lettura appagante, leggera e stimolante. Le prime venti pagine mi hanno fatto un po’ innervosire, dato che il testo di Lars Gustafsson prende avvio con il racconto frammentato – confusionario a tratti – in prima persona del protagonista Kurth W. Wasser, un luminare degli studi sul sonno giunto alla vegliarda età degli 80 anni.

Il Dottor Wasser si presenta come il fenomeno della nostra epoca, avvertendoci che egli possiede una spiccata intelligenza. Il suo cervello fuori dal comune gli ha infatti consentito di raggiungere i piani alti della società svedese.

Le cose possono succedere contro ogni probabilità

Il protagonista di Gustafsson però non è quello che dice di essere. Il Dottor Wasser è un imbroglione, ma un truffatore onesto. A partire da suo nome, scippato a un poveretto morto in un incidente in moto. Il vero nome del nostro protagonista è Kent Anderson.

Ritorno sull’aggettivo onesto perché Anderson per tutto il libro ribadisce di essere consapevole della sua condizione e di non voler abusare della grande fortuna che gli è capitata: ereditare i titoli di un giovane medico proveniente dalla Germania dell’Est.

La tentazione era troppo forte. La tentazione di sfuggire semplicemente alla mia vita e viverne un’altra. Scelsi di diventare un’altra persona, abbandonando genitori e ricordi e i pochi amici che avevo.

Per farla breve: scelsi di essere un rifugiato della Germania dell’Est con una laurea in medicina dell’università di Weimar

Kent Anderson è un vero e proprio miracolato. Destinato a un’esistenza banale e insulsa, si ritrova dentro al mondo sfavillante della ricerca scientifica, popolata da grandi menti e da donne affascinanti.

Il Dottor Wasser, nonostante la riservatezza precauzionale, ha moltissime relazioni. Il libro è infatti ricco di nomi femminili. Il protagonista si infatua di donne dalla solida personalità: un fattore identitario che lo attrae sia sessualmente che esistenzialmente.

Che cosa intendiamo realmente per seduzione? Indurre qualcuno a volere quello che già vuole? Appropriarsi della volontà di una persona? Nella mia vita, il più delle volte è successo che tutt’e due volevamo. In realtà era solo questione di chi avrebbe mostrato per primo di volere; lei o io.

Ormai sono trascorsi molti anni, ma a partire da quel momento sono stato convinto che ogni vero innamoramento abbia la sua origine in una profonda scontentezza verso noi stessi. Abbiamo incontrato qualcun altro che preferiremmo essere

Lars Gustafsson (1936-2016)

Parole che sposo totalmente. Frasi che fanno parte delle frequenti ricette di vita del Dottor Wasser che ha etichettato tutte le fasi dell’esistenza di un vincente. Per far successo nella società di oggi bisogna essere degli impostori, senza esagerare. Per la precisione, senza abusare del potere conseguito. Pena lo smascheramento e la gogna pubblica. Sembra di ascoltare l’eco della critica sociale di Honoré de Balzac.

Al contrario di Balzac, Gustafsson sostiene che gli aspetti negativi della modernità aiuterebbero gli individui a scegliere un’esistenza migliore, imbrogliando una società troppo concentrata su se stessa.

Essere medico era una funzione pubblica, vero? Quello su cui in ultima analisi potevo contare era una delle grandi forze trainanti del genere umano: l’indifferenza. Nessuno, o al massimo pochi avrebbero investito energie per cercare di capire chi io fossi realmente

La filosofia di Wasser mi piace un casino. Egli sostiene infatti che vivere sia una costante ricerca, interpretazione dei fatti che ci accadono, perché “alla gente piace completare. Torna alla mente un certo Platone.

Come avrete notato, ho sviluppato un interesse per le massime sui sentimenti umani. Quest’ultima citazione è molto poetica, oltre che veritiera, almeno secondo l’esperienza del sottoscritto.

Ed è realmente degno di nota il fatto che gli individui destinati in un modo o nell’altro a entrare in contatto, come amici o nemici, il che a volte è la stessa cosa, si trovino a vicenda. Le persone che finiranno ad avere qualche importanza per noi, compaiono e passano nelle nostre vicinanze non una ma varie volte


Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...