I ragazzi della via Pàl di Ferenc Molnàr

Un gruppo di ragazzini che vorrebbero rimanere piccoli ma le asperità della vita non risparmiano nessuno

ragazzi via pàl copertina

Non è vero che i ragazzi del 2019 non possono capire completamente le abitudini ludiche dei loro coetanei del 1899. Gli scontri tra bande, descritti da Ferenc Molnàr ne I ragazzi di via Pàl, avvengono tuttora. Non in luoghi fisici come parchi o cortili, ma in arene digitali di videogiochi come Minecraft o Fortnite. Le dinamiche sono molto simili: si agisce in squadra, ci sono dei gradi da conseguire ed è possibile stabilire degli obiettivi comuni.

Voglio dire che I ragazzi della via Pàl non è un romanzo così antiquato come vogliono farci credere.

Molnàr elabora una trama non molto complicata. Il protagonista è il soldato semplice Nemecsek, biondino fragile ma coraggiosissimo, che appartiene alla fazione degli undicenni che occupano il grund: un campo cintato di una segheria nel cuore di Budapest. Il grund è uno degli ultimi spazi rimasti a disposizione della gioventù locale, minacciata dalla costante speculazione edilizia. Siamo nel marzo del 1899, quando la fazione nemica delle Camicie Rosse decide di impossessarsi del cortile della segheria, rubando la bandiera rosso-verde del clan dei Ragazzi della via Pàl. Quest’ultimi, capeggiati dal saggio e intelligente Boka, rispondono con un’azione dimostrativa, infiltrandosi nel quartier generale avversario e lasciando un biglietto con su scritto I ragazzi di via Pàl sono stati qui.

Boka aveva quattordici anni, ma il suo volto era più di un ragazzino che di un adolescente. Quando però, apriva la bocca, sembrava subito più maturo della sua età; la sua voce era profonda, grave e pacata, e, in certo qual modo, si faceva garante della sensatezza e ponderatezza dei suoi discorsi.

Boka, insomma, era un ragazzo assennato che, anche se non era forse destinato a salire ai posti di comando, prometteva di diventare una onesta e fidata colonna della società

Dopo alcune missioni dei Ragazzi di via Pàl per recuperare la bandiera sottratta – in cui Nemecsek viene immerso nelle acque gelide del giardino botanico, sede delle Camicie Rosse – e dopo un tradimento di un membro del gruppo di adolescenti della segheria, il romanzo descrive i preparativi e lo svolgimento della battaglia per il possesso del grund.

foto dello scrittore Ferenc Molnàr

Ferenc Molnàr nasce a Budapest nel 1878 e muore a New York nel 1952

I ragazzi di via Pàl riusciranno a mantenere il controllo sul territorio ma a un carissimo prezzo: la morte del soldato semplice Nemecsek, che nonostante la polmonite si getta nella mischia catturando il generale nemico, il temibile Feri Ats, e decretando la vittoria della sua fazione capitanata dallo stratega Boka.

Sugli alberelli smilzi del cortile assolato una moltitudine di uccellini cinguettava e saltellava in grande allegria. I ragazzi non capivano perché e non poterono fare a meno di fermarsi e di guardarli. Erano molto confusi, quasi intontiti, non capivano niente di niente. Sì, il loro compagno era morto, lo sapevano, ma in certo qual modo non riuscivano a rendersene conto.

Si gettavano sguardi impacciati l’uno all’altro. Tutti intuivano che ci sarebbe stato qualcosa da comprendere, qualcosa di strano, di insensato: qualcosa che loro avevano incontrato per la prima volta nella loro vita…

Nel finale giunge l’ulteriore disperazione: il proprietario del grund ha deciso di costruire un palazzo sul terreno dell’esercito vincitore: un dolore che spezza i residui d’ingenuità della fase pre-adolescenziale. Cosa aspettarsi di diverso da un romanzo di formazione?

Il capolavoro di Molnàr mi è piaciuto molto più di Cuore di De Amicis, che invece ho trovato paludoso e stucchevole con i suoi precetti educativi. Innanzitutto una lettura piacevole perché lo stile dello scrittore ungherese è descrittivo senza essere greve e impacciato.

Ci sono frasi che in poche parole esprimono un sentimento o un’atmosfera – penso ad esempio al racconto dei preparativi di guerra. In più, farei leggere questo romanzo a tutti coloro che hanno abbandonato un codice morale e che considerano la furbizia e il tradimento i valori fondanti dell’uomo di successo, dell’individuo metropolitano. I principi ottocenteschi di lealtà e di correttezza di questo libro mi piacciono parecchio perché sono rispettati anche dai più arroganti. Rassicura molto sapere che nonostante i litigi e i dissapori rimangono inossidabili i punti fermi del rispetto dell’umanità altrui.

Merita attenzione anche la biografia di Molnàr che è stato un giornalista e un drammaturgo originale. Egli fu costretto a scappare negli Stati Uniti per evitare la prigionia nei pogrom. Il capolavoro di Molnàr polemizza con l’amministrazione di Budapest che ha dato inizio a una speculazione edilizia selvaggia, costruendo palazzi ed eliminando gli spazi metropolitani di condivisione. Un intento che viene posto troppo spesso in secondo piano. Il romanzo non è dunque una tenera storia di formazione.

La recensione dei Ragazzi della via Pàl di Ferenc Molnàr fa parte della lista Dorfles.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...