L'amante di Marguerite Duras

La giovane età, un amore fugace e il trauma della perdita

L’Indocina, Saigon, l’estate e un amore destinato a resistere negli anni. Siamo nel 1930 e la protagonista de L’amante di Marguerite Duras è una giovane francese di 15 anni appartenente a una famiglia altolocata ormai in decadenza. La vita famigliare della ragazzina è molto complicata per i lutti subiti – prima il padre e poi il fratello più piccolo – e per il rapporto difficile con una madre strana e capricciosa, e con un fratello maggiore violento e truffatore.

Il difficile non è raggiungere qualcosa, è liberarsi dalla condizione in cui si è.

Le giornate nonostante gli ostacoli esistenziali trascorrono in leggerezza, nei vestiti fini e nei cappelli da uomo che attirano gli sguardi indiscreti della popolazione locale. Uno dei temi è la questione razziale tra occidentali e asiatici. Gli occidentali sono totalmente divisi dai residenti: hanno proprie scuole, luoghi di ritrovo e diritti speciali. La quindicenne dunque è tutelata da un clima di rispetto e timore nel confronti dello straniero. In questo ambiente scopre l’erotismo e la sessualità dopo l’incontro con una rampollo cinese, figlio di un finanziere di successo. Lui ha 27 anni e perde la testa per la novella Lolita. I due trascorreranno momenti felici e deliziosi.

Anche per me lui era diventato qualcosa di diverso. Cominciavo a riconoscere l’inesprimibile dolcezza della sua pelle, del suo sesso, al di là di lui.

I fatti precipitano quando l’amante dichiara i suoi intenti di sposare la giovane francese, ma è un progetto impossibile per l’opposizione del padre. La separazione è dunque alle porte e provoca tristezza nella coppia.

Come se lo amassi per sempre e niente di nuovo potesse succedere a questo amore. Avevo dimenticato la morte.

Come ogni storia d’amore, la trama non riserva grandi sorprese. L’aspetto interessante del breve romanzo è la riflessione sul trascorrere del tempo e sull’immortalità dei sentimenti umani. Tutto è destinato a morire ma le carezze e i baci resteranno indelebili anche quando il pianeta sarà in rovina.

Che la vita è immortale mentre è vissuta, mentre è in vita. Che l’immortalità non è una questione di tempo, non è una questione di immortalità, è qualcosa di ignoto. Che è falso dire che non ha principio né fine, come è falso dire che comincia e finisce con la vita dello spirito, poiché partecipa dello spirito e del trascorrere sulle orme del vento.

Ci sono molte speculazioni sulla natura di questo libro. Molti critici e recensori del Web sostengono che le vicende siano legate alla vita della scrittrice Marguerite Duras. Probabilmente è così, ma ritengo che sia meglio universalizzare la storia, considerandola una semplice storia d’amore tra due persone, perché siamo di fronte a un’opera letteraria e non a un’autobiografia.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...