recensione saggio

cover veri padroni del calcio

Chi sono i veri padroni del calcio?

Un tifoso non sa certe cose

tifosi cinesi milan interHo sempre seguito le partite del Milan da quando ero nel passeggino. Ovviamente non lo decidevo io ma mio padre appassionato – a fasi alterne – della squadra meneghina a strisce rosso-nere. Una volta cresciuto – andavo alle elementari – decise di farmi fare un provino per entrare nella squadra dei pulcini del Milan. Lo passai ma poi di lì a poco smisi di continuare la mia carrierina calcistica. I bambini non erano più bambini su quel campo da calcio. Il rettangolo di gioco era diventato un’arena dove i genitori aizzavano i loro pargoli a dare il meglio senza sconti per gli avversari. È abbastanza chiara dunque la contraddizione. Da una parte abbiamo degli educatori che ci propugnano lo sport come esperienza di vita e da un’altra le famiglie che percepiscono il calcio come un investimento. Nelle zone più povere d’Italia e anche del mondo la carriera calcistica rappresenta il sacro Graal di una vita felice e appagante in un sistema economico in crisi dove anche i laureati fanno un’incredibile fatica a trovare un’occupazione. Attraverso la mia piccola esperienza personale ho capito che dietro al calcio non c’è solo amore e solidarietà ma anche livore e spregiudicatezza. Diciamoci la verità: il mondo del pallone ormai è un formidabile business che ingoia miliardi di euro grazie soprattutto ai diritti tv.

Chi sono i potenti del pallone

foto marco bellinazzo

Marco Bellinazzo – giornalista

Per capirlo bene mi è stato utile l’ultimo libro del giornalista del Sole 24 Ore Marco Bellinazzo I veri padroni del calcio edito dalla casa editrice Feltrinelli. Bellinazzo con rigore e dovizia ha raccolto nei suoi 5 capitoli i soggetti che in questo momento hanno acquisito un considerevole potere, sia economico che politico, all’interno del sistema calcistico internazionale. Tutti, almeno una volta nella vita, avranno sentito parlare della FIFA. Questa è l’organizzazione internazionale del gioco calcio che in teoria dovrebbe occuparsi di organizzare tornei e promuovere lo sport di cui si fa ambasciatrice. Nei primi capitoli del libro Bellinazzo ha illustrato il recente scandalo FIFA che ha costretto alle dimissioni lo storico padre-padrone della FIFA, Joseph Blatter, e il suo avversario, Michel Platini, ai vertici della UEFA. Dopo questa ricostruzione giornalistica, Bellinazzo ha dedicato interi capitoli agli stati che sono estremamente interessati al calcio come strumento diplomatico ed economico. I soggetti sono: Russia, paesi del Golfo come Qatar e Arabia Saudita, Stati Uniti d’America e Cina.

Il pallone tra propaganda e patriottismo

copertina i veri padroni del calcioCome sostiene Bellinazzo oggi “il football è una fonte ineguagliabile di legittimazione per le popolazioni che aspirano a diventare uno stato. Riconoscere o meno l’esistenza di una Nazionale di calcio, dal punto di vista diplomatico e mediatico, ha un impatto neppure lontanamente paragonabile a quello di un canonico processo di riconoscimento nell’ambito dei consessi internazionali”. Questa riflessione è alquanto sconcertante. Pensiamo ad esempio al Risorgimento, i patrioti sognavano un’Italia unita in base ad alcuni valori culturali. Oggi l’unione di un popolo passa dagli stadi. L’appartenenza si costruisce sugli spalti e attualmente la politica lo ha compreso appieno. Pensiamo infatti al linguaggio politico del primo Berlusconi. I suoi sermoni pubblici erano conditi da numerosissime metafore contaminate dalla terminologia sportiva. Chi voleva far politica “scendeva in campo”. L’avversario inoltre non era più un singolo ma una specie di squadra ovvero “i comunisti”. I tifosi alle volte possono trasformarsi anche in un’arma. Come ha riportato Bellinazzo, nella guerra in Ucraina “molti ultrà sarebbero andati a dar manforte agli indipendentisti del Donbass”. Il giornalista inoltre ha scritto che “lo stato ha da tempo capito che quelle dei tifosi sono le associazioni di massa più patriottiche”.

La Cina è troppo vicina

foto soldi cinesiTra il 2015 e il 2017 i team cinesi hanno speso più di un miliardo di dollari tra acquisti, commissioni e salari. La Cina ha fiutato l’enorme potenzialità del pallone e ha deciso di “colonizzare” diverse federazioni sparse per il mondo. Non solo accordi con Europa, Australia e Russia, la Repubblica cinese da tempo ha incominciato a investire massicciamente in Africa. Oltre ai servizi, le fabbriche e le infrastrutture primarie, i vertici cinesi hanno contribuito a costruire e rinforzare una solida rete organizzativa per sfruttare i talenti africani. Bellinazzo ha scritto infatti che Pechino “cerca nuovi sbocchi nell’internazionalizzazione delle aziende made in China e in un’ingegneristica strategia di soft power che ha nei media, nel calcio e nello sport business l’evoluzione più appariscente”. L’ultimo capitolo de I veri padroni del calcio è dedicato alle attuali dirigenze di Inter e Milan: le due squadre milanesi sono infatti state comprate da una cordata di imprenditori cinesi. Bellinazzo giustamente ha sollevato un quesito: ma i cinesi vogliono davvero investire nel calcio o vogliono solamente sfruttare la loro ricchezza per condizionare diplomaticamente gli stati stranieri? È una domanda importante a cui sapremo rispondere tra qualche anno quando il governo di Pechino si consoliderà economicamente e pretenderà di essere considerato una grande potenza.