Come curare il nostro giornalismo morente minacciato dal mondo digitale

Recensione del saggio di Domenico Quirico intitolato “Un tuffo nel pozzo” (Vita e Pensiero).

Annunci

articolo 21Le immagini sanguinose e violente dell’aggressione al giornalista del programma televisivo Nemo hanno sconvolto l’opinione pubblica. Commenti indignati e analisi televisive hanno fatto da contorno a questa vicenda avvenuta ad Ostia ai primi di novembre. Si è gridato alla difesa dell’articolo 21, che se non lo sapete, tutela la libertà di opinione. Effettivamente mi ha fatto molta impressione vedere un uomo, che in uno scontro dialettico, non ha avuto la possibilità di argomentare a causa di una violenza fisica (la testata sul setto nasale). Il bruto mette le mani addosso al suo interlocutore quando non è in grado di ribattere dialetticamente e perché lo vuole sovrastare nel modo più facile e veloce. Il violento è poi stato arrestato dalle forze di polizia, ma certi commenti a suo sostegno ci hanno fatto sbattere la testa contro il muro per la vergogna.

Il sistema democratico è fondato sul dialogo e la discussione, quando la violenza si affaccia deve essere punita, e nel caso Ostia fortunatamente si sono presi dei provvedimenti. L’aggressore è infatti finito in carcere. La vicenda però ha suscitato un dibattito sul giornalismo e sulla sua importanza nelle nazioni moderne. Solitamente gli esperti sostengono che la prosperità del mondo giornalistico sia un termometro per misurare il grado di libertà di una democrazia. Attualmente ci sono parecchi elementi che influenzano le redazioni giornalistiche: la sopravvivenza economica, i rapporti politici, le denunce, etc… Forse è giunto il momento di portare il discorso su un altro piano: chi è oggi un buon giornalista?

foto libro quirico tuffo pozzoQuesta è infondo la domanda che ha ispirato la pubblicazione di Domenico Quirico intitolata Il tuffo nel pozzo (Vita e Pensiero). L’inviato de La Stampa ha elaborato un breve saggio sul valore odierno del giornalismo, partendo dalla propria esperienza personale. Nel libro egli dichiara che oggi il giornalismo stia morendo perché ha acquisito un basso valore per i lettori. A causa della velocità dei social network e di internet, le lente redazioni non riescono a stare al passo con il flusso informativo digitale e di conseguenza vengono scavalcate. Quirico si scaglia soprattutto sulla forma dell’editoriale: «Diciamolo con forza: l’editoriale ha ucciso l’anima del giornalismo che è racconto, immersione nella realtà, contagio del presente. È come se parlassimo di un cadavere. Non è più che il superstite della sua fama. Non c’è un editoriale che abbia cambiato la storia del mondo, ci sono molti onesti racconti della realtà che lo hanno fatto». Secondo Quirico, lo scopo del buon giornalismo è quello di scardinare i meccanismi dell’indifferenza. Il giornalismo deve stimolare una reazione, un’emozione in chi legge ogni mattina un articolo davanti a una bevanda bollente.

I fatti per provocare tali reazioni emotive devono essere raccolti sul campo. Quirico valuta negativamente le attuali strategie redazionali italiane che fanno un largo uso dei giornalisti da desk, che passano ore e ore ad estrapolare notizie dalla dimensione virtuale dimenticandosi di quella reale. L’inviato, partendo dal racconto dei suoi viaggi di lavoro in Africa, critica aspramente l’insopportabile abitudine dei giornalisti da “albergo” che non si muovono dai loro nidi protetti e producono reportage di guerra per sentito dire: «Ritornai al Polana: il prestigioso collega era lì, in realtà non si era mosso. Mi accolse ai bordi della piscina abbronzato in ogni centimetro di pelle, la tinta del reporter esotico!, avvolto da un accappatoio bianco. Sorseggiava una fresca bevanda e leggeva… un romanzo. Si informò con l’educata indifferenza di un vecchio maestro delle mie peregrinazioni, apprezzò con eleganza lo sforzo del dilettante ansioso».

Il tuffo nel pozzo è un libro concepito per dare un’interpretazione alla attuale crisi del giornalismo. Il lavoro giornalistico oggi è sempre più minacciato da manipolazioni (fake news), nazionalismi, intimidazioni mafiose (testata di Ostia). Quirico allora afferma che solo una nuova rivoluzione umanistica possa salvare il valore della notizia e di conseguenza della democrazia.

Enrico Mentana foto
Enrico Mentana alla Mircosoft House di Milano

A proposito di fake news, il 16 novembre ho partecipato al mio primo evento dell’edizione del 2017 di Book City, la grande kermesse letteraria milanese. Con due miei amici, mi sono recato presso la Microsoft House, un edificio moderno e tecnologico a due passi da China Town, che è stato concepito anche per ospitare eventi culturali. Quella sera Enrico Mentana, stimato giornalista televisivo, ha parlato della potenzialità negativa delle fake news. Il giornalista ha sostanzialmente detto che è normale quindi imbattersi in notizie che sono esplicitamente delle bufale in un’epoca in cui “tutti possono scrivere e non hanno un’identità certa sul web”. Egli ha detto che le bufale, o come va di moda adesso, le fake news, sono strumenti utilizzati anche dalle democrazie e dai regimi attuali. Mentana ha fatto l’esempio della Russia e dell’America. Per quanto riguarda Putin, egli è certo che i russi abbiano studiato a fondo gli effetti dei social network sulle democrazie occidentali e di conseguenza li abbiano utilizzati per fare i loro interessi. «Oggi il giornalismo deve scendere in campo con le fake news. Se sono nel mezzo di una diretta e arriva una notizia, anche dubbia, ho il dovere di darla, ovviamente col beneficio del dubbio. Non c’è tempo per verificarla subito, e non comunicarla vorrebbe dire consegnare i telespettatori alla concorrenza. La verifica avviene poi in un secondo momento». A margine di queste considerazioni, vorrei dire però che non si è spesa una sola parola sui lettori. L’informazione per ritrovare credibilità certamente ha bisogno di buoni giornalisti, ma soprattutto di un pubblico alfabetizzato e provvisto di pensiero critico. Anche se le responsabilità sono diverse, nel ciclo dell’informazione si sono sviluppate delle lacune culturali che forse vanno ricercate nelle criticità dell’educazione di oggi. Criticità che sono presenti però anche in molte altre parti del mondo.

foto libro parole e potereIl 17 novembre, in una sera milanese gelida e desertica, mi sono invece recato al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Alle 20 incominciava un evento interessante sulle fake news, sulla libertà d’espressione e sull’hate speech. Gli esperti che hanno animato l’evento erano i docenti Oreste Pollicino (Bocconi) e  Giulio Enea Vigevani (Bicocca) , coordinati dal giornalista radiofonico Maurizio Melis. L’incontro, seppure improntato sulla presentazione del volume Parole e potere (Egea), ha toccato macro temi come l’attuale dibattito sulla libertà di espressione in rete. Vigevani ha infatti dichiarato che l’anonimato favorisce la  nascita di nuove idee; questa condizione “mascherata” ci libera da autocensure e ci permette di esprimere il nostro pensiero in totale libertà senza avvertire la minima pressione censoria. Pollicino invece ha insistito sul fenomeno della polarizzazione delle opinioni nel mondo digitale. Internet oggi è uno strumento utilizzato in primo luogo per accrescere i nostri pregiudizi sulla realtà. Su questo problema si è espresso Vigevani che ha spiegato come l’utente medio utilizzi uno strumento di ricerca sul web: «Fateci caso. Quando scriviamo qualcosa all’interno del campo di ricerca di Google, formuliamo delle domande, che però non sono affatto neutre». In effetti sembra proprio così. L’utente suggerisce al motore di ricerca le risposte che gli interessano e dunque salta il meccanismo formativo della ricerca classica che porta una persona a leggere diversi argomenti, anche contrastanti con le sue posizioni, prima di farsi una sufficiente opinione sul tema in discussione. Chiaramente questo meccanismo di “conferma dei pregiudizi” può darsi che favorisca il mercato delle fake news. In fondo una notizia falsa è un’informazione che non troviamo nei siti accreditati che però conferma alcune nostre sensazioni.

Per rivitalizzare il moribondo ruolo dei giornalisti, forse si dovrebbe ragionare su le problematiche citate nell’articolo ma so benissimo che questi miei pensieri sono relativamente utopistici dato il perenne tono da campagna elettorale che in Italia ci ha abituati a guardare solo agli interessi del presente e non a quelli del futuro.

Se il tema vi incuriosisce vi consiglio i seguenti articoli precedentemente pubblicati  in questo blog: Il Guardian avverte i giornalisti: “I social network distruggono i contenuti di alta qualità” e Il Social Journalism spiegato a tutti.

Il Guardian avverte i giornalisti: “I social network distruggono i contenuti di alta qualità”

Il quotidiano inglese Guardian avvisa gli editori di news: “I contenuti di alta qualità non sopravvivono sui social network”.

Dopo la consegna del documento sulle “Fake news” al governo britannico, il Guardian ci avvisa che il dominio del mercato digitale pubblicitario di Facebook e Google “danneggia e minaccia i futuri investimenti nel giornalismo di alta qualità”.

89918182_paperIl popolare quotidiano inglese ha inoltre affermato che le “Fake news” sono il “sintomo di un fenomeno più grande legato alla rapida maturazione del sistema di connessione globale delle piattaforme che offrono un’interconnessione istantanea e virale, una novità nella storia della comunicazione”.

Come riporta Press Gazzette, l’inchiesta, avviata dal Dipartimento inglese della Cultura, Media e Sport, si è chiusa a marzo e verso la fine di aprile dovrebbero essere divulgati i principali risultati.

Nel suo documento scritto, il Guardian Media Group ha specificato che Facebook e Google hanno avuto un “ruolo cruciale” nel “cuore dell’ecosistema delle news” complicando la vita agli editori che si trovano ad affrontare sfide sempre più difficili nel ricercare e distribuire notizie su internet.

«Punto primo, il principale obiettivo dei risultati di ricerca e delle piattaforme social non è di dare agli utenti un’equilibrata e soddisfacente varietà di notizie di alta qualità ma è quello di proporre pubblicità o comunque contenuti sponsorizzati.

20122f122f042f412fhownewscons-bloI recenti cambiamenti degli algoritmi delle piattaforme privilegiano i contenuti virali condivisi soprattutto da amici e parenti, questa strategia lascia così in secondo piano i contenuti giornalistici di alta qualità», ha dichiarato il Guardian.

«Punto secondo, la distribuzione delle singole notizie non aggregate incoraggia il giornalismo dalle fonti incerte e ciò danneggia il rapporto di fiducia tra i lettori e il consolidati brand d’informazione».

Il Guardian inoltre ha sostenuto che la sua inchiesta abbia colmato “un evidente vuoto” perché i dati dell’impatto della tecnologia digitale sul consumo dei media nella società si riferiscono alle singole piattaforme, e di conseguenza non sono di pubblico dominio.