Come curare il nostro giornalismo morente minacciato dal mondo digitale

Recensione del saggio di Domenico Quirico intitolato “Un tuffo nel pozzo” (Vita e Pensiero).

Annunci

articolo 21Le immagini sanguinose e violente dell’aggressione al giornalista del programma televisivo Nemo hanno sconvolto l’opinione pubblica. Commenti indignati e analisi televisive hanno fatto da contorno a questa vicenda avvenuta ad Ostia ai primi di novembre. Si è gridato alla difesa dell’articolo 21, che se non lo sapete, tutela la libertà di opinione. Effettivamente mi ha fatto molta impressione vedere un uomo, che in uno scontro dialettico, non ha avuto la possibilità di argomentare a causa di una violenza fisica (la testata sul setto nasale). Il bruto mette le mani addosso al suo interlocutore quando non è in grado di ribattere dialetticamente e perché lo vuole sovrastare nel modo più facile e veloce. Il violento è poi stato arrestato dalle forze di polizia, ma certi commenti a suo sostegno ci hanno fatto sbattere la testa contro il muro per la vergogna.

Il sistema democratico è fondato sul dialogo e la discussione, quando la violenza si affaccia deve essere punita, e nel caso Ostia fortunatamente si sono presi dei provvedimenti. L’aggressore è infatti finito in carcere. La vicenda però ha suscitato un dibattito sul giornalismo e sulla sua importanza nelle nazioni moderne. Solitamente gli esperti sostengono che la prosperità del mondo giornalistico sia un termometro per misurare il grado di libertà di una democrazia. Attualmente ci sono parecchi elementi che influenzano le redazioni giornalistiche: la sopravvivenza economica, i rapporti politici, le denunce, etc… Forse è giunto il momento di portare il discorso su un altro piano: chi è oggi un buon giornalista?

foto libro quirico tuffo pozzoQuesta è infondo la domanda che ha ispirato la pubblicazione di Domenico Quirico intitolata Il tuffo nel pozzo (Vita e Pensiero). L’inviato de La Stampa ha elaborato un breve saggio sul valore odierno del giornalismo, partendo dalla propria esperienza personale. Nel libro egli dichiara che oggi il giornalismo stia morendo perché ha acquisito un basso valore per i lettori. A causa della velocità dei social network e di internet, le lente redazioni non riescono a stare al passo con il flusso informativo digitale e di conseguenza vengono scavalcate. Quirico si scaglia soprattutto sulla forma dell’editoriale: «Diciamolo con forza: l’editoriale ha ucciso l’anima del giornalismo che è racconto, immersione nella realtà, contagio del presente. È come se parlassimo di un cadavere. Non è più che il superstite della sua fama. Non c’è un editoriale che abbia cambiato la storia del mondo, ci sono molti onesti racconti della realtà che lo hanno fatto». Secondo Quirico, lo scopo del buon giornalismo è quello di scardinare i meccanismi dell’indifferenza. Il giornalismo deve stimolare una reazione, un’emozione in chi legge ogni mattina un articolo davanti a una bevanda bollente.

I fatti per provocare tali reazioni emotive devono essere raccolti sul campo. Quirico valuta negativamente le attuali strategie redazionali italiane che fanno un largo uso dei giornalisti da desk, che passano ore e ore ad estrapolare notizie dalla dimensione virtuale dimenticandosi di quella reale. L’inviato, partendo dal racconto dei suoi viaggi di lavoro in Africa, critica aspramente l’insopportabile abitudine dei giornalisti da “albergo” che non si muovono dai loro nidi protetti e producono reportage di guerra per sentito dire: «Ritornai al Polana: il prestigioso collega era lì, in realtà non si era mosso. Mi accolse ai bordi della piscina abbronzato in ogni centimetro di pelle, la tinta del reporter esotico!, avvolto da un accappatoio bianco. Sorseggiava una fresca bevanda e leggeva… un romanzo. Si informò con l’educata indifferenza di un vecchio maestro delle mie peregrinazioni, apprezzò con eleganza lo sforzo del dilettante ansioso».

Il tuffo nel pozzo è un libro concepito per dare un’interpretazione alla attuale crisi del giornalismo. Il lavoro giornalistico oggi è sempre più minacciato da manipolazioni (fake news), nazionalismi, intimidazioni mafiose (testata di Ostia). Quirico allora afferma che solo una nuova rivoluzione umanistica possa salvare il valore della notizia e di conseguenza della democrazia.

Enrico Mentana foto
Enrico Mentana alla Mircosoft House di Milano

A proposito di fake news, il 16 novembre ho partecipato al mio primo evento dell’edizione del 2017 di Book City, la grande kermesse letteraria milanese. Con due miei amici, mi sono recato presso la Microsoft House, un edificio moderno e tecnologico a due passi da China Town, che è stato concepito anche per ospitare eventi culturali. Quella sera Enrico Mentana, stimato giornalista televisivo, ha parlato della potenzialità negativa delle fake news. Il giornalista ha sostanzialmente detto che è normale quindi imbattersi in notizie che sono esplicitamente delle bufale in un’epoca in cui “tutti possono scrivere e non hanno un’identità certa sul web”. Egli ha detto che le bufale, o come va di moda adesso, le fake news, sono strumenti utilizzati anche dalle democrazie e dai regimi attuali. Mentana ha fatto l’esempio della Russia e dell’America. Per quanto riguarda Putin, egli è certo che i russi abbiano studiato a fondo gli effetti dei social network sulle democrazie occidentali e di conseguenza li abbiano utilizzati per fare i loro interessi. «Oggi il giornalismo deve scendere in campo con le fake news. Se sono nel mezzo di una diretta e arriva una notizia, anche dubbia, ho il dovere di darla, ovviamente col beneficio del dubbio. Non c’è tempo per verificarla subito, e non comunicarla vorrebbe dire consegnare i telespettatori alla concorrenza. La verifica avviene poi in un secondo momento». A margine di queste considerazioni, vorrei dire però che non si è spesa una sola parola sui lettori. L’informazione per ritrovare credibilità certamente ha bisogno di buoni giornalisti, ma soprattutto di un pubblico alfabetizzato e provvisto di pensiero critico. Anche se le responsabilità sono diverse, nel ciclo dell’informazione si sono sviluppate delle lacune culturali che forse vanno ricercate nelle criticità dell’educazione di oggi. Criticità che sono presenti però anche in molte altre parti del mondo.

foto libro parole e potereIl 17 novembre, in una sera milanese gelida e desertica, mi sono invece recato al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Alle 20 incominciava un evento interessante sulle fake news, sulla libertà d’espressione e sull’hate speech. Gli esperti che hanno animato l’evento erano i docenti Oreste Pollicino (Bocconi) e  Giulio Enea Vigevani (Bicocca) , coordinati dal giornalista radiofonico Maurizio Melis. L’incontro, seppure improntato sulla presentazione del volume Parole e potere (Egea), ha toccato macro temi come l’attuale dibattito sulla libertà di espressione in rete. Vigevani ha infatti dichiarato che l’anonimato favorisce la  nascita di nuove idee; questa condizione “mascherata” ci libera da autocensure e ci permette di esprimere il nostro pensiero in totale libertà senza avvertire la minima pressione censoria. Pollicino invece ha insistito sul fenomeno della polarizzazione delle opinioni nel mondo digitale. Internet oggi è uno strumento utilizzato in primo luogo per accrescere i nostri pregiudizi sulla realtà. Su questo problema si è espresso Vigevani che ha spiegato come l’utente medio utilizzi uno strumento di ricerca sul web: «Fateci caso. Quando scriviamo qualcosa all’interno del campo di ricerca di Google, formuliamo delle domande, che però non sono affatto neutre». In effetti sembra proprio così. L’utente suggerisce al motore di ricerca le risposte che gli interessano e dunque salta il meccanismo formativo della ricerca classica che porta una persona a leggere diversi argomenti, anche contrastanti con le sue posizioni, prima di farsi una sufficiente opinione sul tema in discussione. Chiaramente questo meccanismo di “conferma dei pregiudizi” può darsi che favorisca il mercato delle fake news. In fondo una notizia falsa è un’informazione che non troviamo nei siti accreditati che però conferma alcune nostre sensazioni.

Per rivitalizzare il moribondo ruolo dei giornalisti, forse si dovrebbe ragionare su le problematiche citate nell’articolo ma so benissimo che questi miei pensieri sono relativamente utopistici dato il perenne tono da campagna elettorale che in Italia ci ha abituati a guardare solo agli interessi del presente e non a quelli del futuro.

Se il tema vi incuriosisce vi consiglio i seguenti articoli precedentemente pubblicati  in questo blog: Il Guardian avverte i giornalisti: “I social network distruggono i contenuti di alta qualità” e Il Social Journalism spiegato a tutti.

Il Guardian avverte i giornalisti: “I social network distruggono i contenuti di alta qualità”

Il quotidiano inglese Guardian avvisa gli editori di news: “I contenuti di alta qualità non sopravvivono sui social network”.

Dopo la consegna del documento sulle “Fake news” al governo britannico, il Guardian ci avvisa che il dominio del mercato digitale pubblicitario di Facebook e Google “danneggia e minaccia i futuri investimenti nel giornalismo di alta qualità”.

89918182_paperIl popolare quotidiano inglese ha inoltre affermato che le “Fake news” sono il “sintomo di un fenomeno più grande legato alla rapida maturazione del sistema di connessione globale delle piattaforme che offrono un’interconnessione istantanea e virale, una novità nella storia della comunicazione”.

Come riporta Press Gazzette, l’inchiesta, avviata dal Dipartimento inglese della Cultura, Media e Sport, si è chiusa a marzo e verso la fine di aprile dovrebbero essere divulgati i principali risultati.

Nel suo documento scritto, il Guardian Media Group ha specificato che Facebook e Google hanno avuto un “ruolo cruciale” nel “cuore dell’ecosistema delle news” complicando la vita agli editori che si trovano ad affrontare sfide sempre più difficili nel ricercare e distribuire notizie su internet.

«Punto primo, il principale obiettivo dei risultati di ricerca e delle piattaforme social non è di dare agli utenti un’equilibrata e soddisfacente varietà di notizie di alta qualità ma è quello di proporre pubblicità o comunque contenuti sponsorizzati.

20122f122f042f412fhownewscons-bloI recenti cambiamenti degli algoritmi delle piattaforme privilegiano i contenuti virali condivisi soprattutto da amici e parenti, questa strategia lascia così in secondo piano i contenuti giornalistici di alta qualità», ha dichiarato il Guardian.

«Punto secondo, la distribuzione delle singole notizie non aggregate incoraggia il giornalismo dalle fonti incerte e ciò danneggia il rapporto di fiducia tra i lettori e il consolidati brand d’informazione».

Il Guardian inoltre ha sostenuto che la sua inchiesta abbia colmato “un evidente vuoto” perché i dati dell’impatto della tecnologia digitale sul consumo dei media nella società si riferiscono alle singole piattaforme, e di conseguenza non sono di pubblico dominio.

Facebook organizzerà dei corsi online per i giornalisti

Facebook farà dei corsi gratuiti per i giornalisti di tutto il mondo.

Facebook guarda sempre più al giornalismo e in questi giorni ha lanciato una certificazione – per ora non disponibile in Italia – che offre gratuitamente delle lezioni su come fare dei post sul social network per ingaggiare i lettori e ottenere visite. Il percorso formativo sarà valido solo dopo aver passato un testo e ottenuto un diploma.

I cronisti che si iscriveranno al corso da giornalisti impareranno come si usa Facebook Live, gli Instant Articles e i video a 360 gradi per “connettere e ingaggiare” meglio il loro pubblico online.

scrittura-blog-copywritingÈ anche presente un corso sulla condivisione di foto da Instagram,  famosissima piattaforma social che è stato comprata da Facebook nel 2012 per circa 1 miliardo di dollari.

L’iniziativa fa una parte di un progetto di Facebook dedicato al giornalismo a seguito delle infervorate accuse di far profitto sulle fake news.

In un post di questa settimana, Facebook ha specificato: «Con questi corsi online gratuiti, Facebook e Poynter cercano di aiutare i giornalisti a utilizzare facilmente Facebook e Instagram nel loro lavoro quotidiano – dalla ricerca delle fonti allo storytelling per attirare l’attenzione dei propri iscritti.

«I corsi sono stati ideati da Poynter e Facebook, con una valutazione finale creata appositamente da Poynter per attestare le conoscenze acquisite durante il percorso formativo che potranno così essere inserite nel proprio curriculum».

I frequentanti del corso che passeranno il test elaborato da Poynter riceveranno un certificato di partecipazione, riconosciuto sia da Facebook e che da Poynter, attraverso Blueprint, un sistema di e-learning.

autodraw 16_4_2017.png«Questo curriculum è importante perché è vale come certificazione, caso di studio, suggerimenti su Facebook e preziosa indicazione giornalistica elaborata da Poynter», si legge sul sito PressGazzette.

Kelly McBride, vicepresidente del Poynter Institute, ha inoltre affermato: «Non si può fare giornalismo in quest’epoca senza usare Facebook. È un privilegio esserci uniti per fare una guida definitiva per i giornalisti. L’informazione contenuta in questi corsi è fondamentale per presentare e distribuire le notizie».

Ci si è resi conto che nessuno corso materiale/fisico sia focalizzato sugli aspetti pratici, legali o etici del creare o trasmettere le notizie sul social inventato da Mark Zuckerberg.

Facebook ha pure detto di aver voluto creare questo certificato dopo aver ascoltato “i giornalisti di tutto il mondo” che chiedevano una singolo luogo dove poter imparare a conoscere i prodotti di Facebook, i suoi strumenti e i servizi da usare per il loro lavoro”.

Il social network ha infine aggiunto: «Questi corsi di formazione online aiuteranno i giornalisti a ottenere il meglio fuori da Facebook, e ognuno è stato costruito su tre fondamentali pilastri del ciclo delle news: la scoperta di contenuti, la creazione di storie e la costruzione di un pubblico.

Ogni modulo include le migliori pratiche,linee guida e stimolanti analisi sui giornalisti che hanno utilizzato Facebook con grande successo».

autodraw 16_4_2017.png

Il Social Journalism spiegato a tutti

Il libro che sto prendendo sotto esame è indicato per chi, come me, sta cercando di capire come si possano pubblicizzare i propri contenuti su Facebook. Su questo argomento ho letto tanti articoli nel web ma sono tutti uguali e non consigliano nulla di interessante. Rimango dell’idea che per conoscere bene un argomento sia necessario trovare un libro dedicato ad esso. Allora sfogliando vari cataloghi on-line mi sono imbattuto in questo bel testo di aggiornamento sul mondo del giornalismo social.

9788850333868_0_0_1458_80
Social Media Journalism (Apogeo)

Social Media Journalism (Apogeo) di Barbara Sgarzi, giornalista e docente della Scuola Internazionale di Studi Avanzata (SISSA), è una sorta di bussola per chi ha il bisogno di comprendere le dinamiche di internet per ciò che concerne la veicolazione di contenuti giornalistici, o comunque di testi che riteniamo di pubblico interesse (non voglio escludere nessuna categoria culturale).

Incomincio a mettere le mani avanti: Facebook è un social network che serve a creare un legame con i nostri lettori e non è una vetrina per pubblicizzare i nostri testi, video, foto, etc… Anche perché il social di Zuckerberg rende poco sostenibile economicamente l’attività culturale stessa.

La verità è che ce ne freghiamo di questo aspetto perché ripetiamo a noi stessi, tipo mantra, che “Facebook è un oceano pieno di pesci pronti ad abboccare ai nostri contenuti”. L’affermazione è in parte vera, come conferma la Sgarzi nel suo libro: «La massa critica di utenti su Facebook è incommensurabile rispetto ad altre piattaforme». In più dalle statistiche statunitensi sappiamo che il 62% degli adulti negli Stati Uniti ottiene informazioni sui social media, inoltre il dato è in forte crescita se analizziamo il campione dei giovani Millenials.

Però vi siete mai chiesti come si comportano gli utenti di fronte a un articolo condiviso? L’autrice afferma che la maggior parte si ferma al titolo senza leggere il contenuto della notizia.

barbara-sgarzi-1
Barbara Sgarzi

Un altro gigantesco aspetto molto discusso riguarda l’algoritmo. Chi segue il blog sa che ne ho già parlato qui (Il filtro di Facebook ci toglie la libertà di pensiero?) ma nel 2016 c’è stato un’ulteriore modifica. La Sgarzi ci informa che Facebook ha deciso di tornare alle origini organizzando diversamente il nostro newsfeed che premia i contenuti condivisi da amici e parenti, a discapito di quelli postati dalle pagine di giornali ed editori: «Il faro guida deve essere ciò che è importante per noi, in quel momento. Vince chi offre al momento giusto l’informazione che cerchiamo e alla quale siamo interessati», specifica l’autrice.

I signori del social network hanno lanciato un messaggio chiaro: il volante non è nelle mani di chi produce e condivide il contenuto, bensì in quelle del contenitore. La Sgarzi inoltre stabilisce quattro regole base per usare bene Facebook:

1. La qualità del contenuto. Evitiamo il clickbait
2. Creare una community che abbia fiducia in noi
3. Lavorare con le immagini e con testi che siano brevi e accattivanti
4. Dare degli appuntamenti fissi ovvero programmare i post

Non è obbligatorio condividere contenuti strepitosi, ma è fondamentale cogliere il momento e intercettare gli umori dei lettori senza chiedere nulla in cambio.

rsz_1__qu-zmei7avfgs56xaj1_g
Facebook è un editore?

Devo però aprire una parentesi sugli Instant Articles che sono stati introdotti nell’aprile del 2016. Gli IA sono documenti HTML5 ottimizzati per una rapida performance su mobile. I nostri contenuti sono visualizzabili direttamente su Facebook e l’esperienza di lettura si completa sulla piattaforma. L’introduzione di questa nuova tecnologia ha però complicato la vita agli editori sulla pubblicità: possono vendere la pubblicità direttamente e trattenere il 100% di incassi, oppure utilizzare Facebook Audience Network, ottenendo il 70% del denaro.

rsz_2016_09_13-news-traditionalsourcing-ill-dq_homepage-3-23151258574
Facebook aiuterà il giornalismo?

Come spiega la Sgarzi: «Gli Instant Articles assecondano l’idea di imbattersi in contenuti slegati dalle testate e avvantaggiano Facebook, che diventa un ambiente totale in cui tenere i propri user senza farli uscire nemmeno per informarsi: un giardino ben curato, ma recintato sempre più in modo significativo».
L’autrice inoltre si chiede se la Pagina Facebook coincida con la testata. La risposta è affermativa. Gli editori hanno delle strategie da utilizzare: «Si privilegia quello che sul sito è il “primo piano”. La mattina e il primo pomeriggio si dà la precedenza alle hard news, mentre tendenzialmente per la pausa pranzo e la sera si scelgono argomenti più soft», spiega Raffaella Manichini di Repubblica in un’intervista.
Chiuderei il post cercando di spiegare la differenza tra Pagina e profilo personale: rispetto al profilo, la pagina è pubblica ed è un canale privilegiato di contatto con i lettori però l’attenzione e il tempo da dedicare alla Pagina devono essere considerevoli.

Per altri consigli potete leggere questo mio articolo: 9 consigli per scrivere meglio su Facebook.

Il mondo verrà distrutto dagli indifferenti

Questo è un post molto diverso rispetto a quelli che ho pubblicato sul mio blog in questi anni.

Sabato 17 dicembre, il giorno dopo la mia laurea, ho visto un video sul sito de La Stampa che mi ha colpito enormemente.

La clip contiene una forte accusa,avanzata da una giornalista arabo-israeliana e trasmessa sulla tv di stato di Israele, sui crimini di guerra che ora si stanno verificando in Siria, per la precisione ad Aleppo.

Ho deciso allora di pubblicare le parole di Lucy Aharish perché mi vergogno di non aver mai espresso una frase o un pensiero per le vittime di Aleppo che sono rimaste in un totale isolamento mediatico.

Noi italiani sappiamo bene cosa si provi ad essere calpestati e sottomessi con violenza: la ferita della seconda guerra mondiale resterà sempre aperta. In questo momento abbiamo dunque bisogno di uomini Giusti e decisi che siano diversi da coloro che con indifferenza assistono  e hanno assistito alle mattanze siriane.

Ecco allora il testo estratto dal video che trovate QUI:

«Proprio ora ad Aleppo, in Siria, a sole 8 ore di macchina dal Tel Aviv,si sta consumando un genocidio. Ascoltatemi, lasciatemi essere più precisa.

E’ un olocausto, sì, è un olocausto.

Magari non vogliamo sentirlo e non vogliamo affrontarlo dato che nel XXI secolo, nell’era dei social media, nel mondo dove l’informazione può prendere forma nella tua mano; in un mondo dove puoi vedere e sentire in tempo reale le vittime e le loro storie di orrore. In questo mondo noi non stiamo facendo niente mentre i bambini vengono macellati ogni singola ora. Non chiedetemi chi ha ragione o chi si sbaglia. Chi sono i buoni o chi sono i cattivi perché nessuno lo sa. E francamente non importa molto. Quello che importa è ciò che sta avvenendo proprio adesso davanti ai nostri occhi. E nessuno in Francia o in Gran Bretagna o in Germania o in America stanno facendo qualcosa per fermarlo. Chi sta manifestando nelle strade per gli uomini e le donne della Siria? Chi sta urlando per i bambini? Nessuno.

L’ONU sta tenendo riunioni del suo Consiglio di sicurezza e si asciugano le lacrime quando vedono l’immagine di un padre che abbraccia il corpo della sua piccola figlia. C’è una parola per questo: ipocrisia. Io sono un’araba, una musulmana, una cittadina dello Stato di Israele, ma sono anche una cittadina del mondo e mi vergogno.

Mi vergogno come essere umano che ha scelto dei leader che sono incapaci di sostenere le loro condanne ed essere decisi nelle loro azioni. Io mi vergogno che il mondo arabo sia preso in ostaggio da terroristi e assassini e che noi non facciamo niente. Io mi vergogno che la pacifica maggioranza dell’umanità sia irrilevante ancora una volta. Dobbiamo ricordare? Armenia, Bosnia, Darfur, Rwanda, la seconda guerra mondiale? No, non dobbiamo.

Albert Einstein disse: “Il mondo non sarà distrutto da quelli che fanno il male ma da chi guarda senza far niente”».

Suggerimenti per post migliori. Noi siamo ciò che ricerchiamo.

Prima di scrivere qualsiasi post andrebbe fatta una breve indagine, una ricerchina di almeno trenta minuti sull’argomento che si vuole trattare. Perché dico questo? Perché sempre più spesso su internet mi capita di leggere articoli diversi su un unico tema che sono in tutto e per tutto identici nel contenuto.

Un motivo c’è: è la velocità di internet. Chi arriva prima su una notizia avrà più lettori, più click, più introiti e così via. Il metodo funziona, non lo metto in dubbio. Ma c’è qualcosa che non va. Gli autori hanno come target un pubblico distratto e – diciamolo pure – con un senso critico molto limitato.

Credo però che si possa aspirare a qualcosa in più. Non pretendo certo che ogni articolo/post sia una analisi profonda frutto d’interminabili ore, un minimo di sforzo però deve esserci. Lo sguardo che noi adottiamo su un evento deve essere un attimo ponderato. E come si fa a sviluppare una visione consapevole sulla realtà? Sviluppando la capacità di fare una ricerca.oficina-da-marca-7-things-to-do-after-writing-a-blog-post-01

Ricercando noi studiamo. Questo è un vantaggio mica da poco. L’attività di ricerca ci obbliga a ristrutturare l’informazione in modo personale, aspetto fondamentale per creare uno spirito critico. Per dirla in breve, la ricerca ci rende autonomi. Come spiega Maria Teresa Serafini in Come si studia (Bompiani): «La capacità di precisare i propri interessi e di selezionare le fonti migliori ci permette di difenderci e di agire come protagonisti in un mondo “saturo” di informazione: nel Novecento è stata creata più informazione che nella storia dell’umanità e spesso il problema dell’uomo moderno non è quello di trovare dati che interessino, ma quello di liberarsi di tutti i dati inutili».

84868-serafinicomesiscrive300dpi-281x431

Non voglio essere troppo didascalico ma devo mettere in chiaro una cosa. Quando vogliamo scrivere un post su qualcosa dobbiamo tenere presente i seguenti punti:

  1. Individuare un argomento e un obiettivo.
  2. Rintracciare le informazioni.
  3. Scegliere e organizzare le informazioni.
  4. Presentare i risultati.

Se non sappiamo nulla su un argomento, è forse meglio sfogliare una pagina di Wikipedia o della Treccani per farci un’idea generale. Ogni argomento è legato ad alcune parole-chiave. Ad esempio, voglio fare una ricerca sul McDonald’s? Allora devo trovare tutti i termini che si collegano alla materia che tratto come America, cibo spazzatura, fast-food, etc…

Ognuno di questi termini può essere approfondito ancora di più. Dobbiamo però tenere una linea e quindi avere bene in chiaro lo scopo del nostro post: voglio parlare bene/male di McDonald’s.

Se specifichiamo bene i concetti che ci interessano, allora sarà più facile reperire le informazioni. Possiamo benissimo rendere esplicito l’obiettivo della nostra ricerca anche nell’attacco del nostro pezzo. Questa tecnica può aiutare il lettore ad orientarsi meglio durante la lettura.

sistemas-biblioteconomiaDove trovo i dati che voglio utilizzare per la mia argomentazione? Cosa ve lo dico a fare. Internet è una grandissima biblioteca a cielo aperto ma stiamo molto attenti: controlliamo scrupolosamente le fonti. Come dicevo all’inizio, la rete è ricca di imprecisioni e notizie false, quindi occhio. Le fonti possono essere diverse: articoli, ebook, video, podcast. Se si vuole fare una cosa seria però si può fare un giro in biblioteca e chiedere al bibliotecario di consigliarci dei libri sull’argomento che ci interessa. Non c’è da essere timidi, l’addetto alla biblioteca è pagato anche per questo.

Ultima cosa. Pochi lo fanno nel web ma è una pratica onesta e costruttiva quella di citare le fonti. Il motivo è abbastanza chiaro: qualifica la nostra argomentazione e fa capire al lettore che quello che stiamo affermando non è campato in aria.

In questo post non volevo affatto fare il maestrino ma come ho già specificato, repetita iuvant, la qualità è alla base delle buone idee che costituiscono con la loro circolazione la nostra società digitale. Il mondo virtuale può essere un posto migliore se noi in primis esprimiamo la volontà di migliorarci.