Se paghi sei uno sfigato

La recensione del saggio “Pagare o non pagare” di Walter Siti, pubblicato da Nottetempo

Annunci

Pagare o non pagare (Nottetempo) di Walter Siti (Wikipedia) è un saggio sul denaro, o meglio, una riflessione sul valore dei soldi nella società di oggi. L’analisi di Siti si appoggia alla sua autobiografia, un percorso storico che aiuta il lettore a percepire con cognizione di causa i cambiamenti dell’economia italiana e globale. Voglio subito tranquillizzare coloro Continua a leggere “Se paghi sei uno sfigato”

“Contro i tagli alla cultura” di Victor Hugo per combattere l’ignoranza

Recensione del libro “contro i tagli alla cultura” di Victor Hugo, pubblicato da Ibis

«Con la cultura non si mangia», disse Giulio Tremonti che nel 2010 ricopriva la carica di ministro dell’Economia italiana. Victor Hugo sarebbe caduto in depressione se lo avesse sentito, perché dal 1948 le cose non sembrano cambiate. Lo scrittore francese si trovò infatti a controbattere un’affermazione simile nel suo intervento intitolato Contro i tagli alla cultura, riproposto nel 2011 dalla casa editrice Ibis. Continua a leggere ““Contro i tagli alla cultura” di Victor Hugo per combattere l’ignoranza”

“Cuore” di De Amicis. Il libro dei giovani italiani

Recensione del libro “Cuore” di Edmondo De Amicis, pubblicato da Garzanti.

Su Cuore (Garzanti) di Edmondo De Amicis sono stati versati fiumi d’inchiostro, e ancora oggi si discute sull’utilità del testo. Girando a casaccio per il web, ho beccato molte recensioni che lo demoliscono: blogger davvero senza cuore e senza un’opportuna educazione letteraria. Che ci piaccia o meno, Cuore rimane Continua a leggere ““Cuore” di De Amicis. Il libro dei giovani italiani”

“Ma gli androidi sognano pecore elettriche?” di Philip K.Dick. Un romanzo deprimente

Recensione del romanzo “Ma gli androidi sognano pecore elettriche” di Philip K. Dick, pubblicato da Fanucci editore.

Ma gli androidi sognano pecore elettriche? (Fanucci editore) è un romanzo sulla caducità dell’esistenza umana. Philip K. Dick, in questo noir cupo e metafisico, dà vita al personaggio di Rick Deckard, un cacciatore di taglie che si occupa di “ritirare” gli androidi che si infiltrano tra la popolazione terrestre. Deckard lavora infatti per la polizia di San Francisco e si muove in un futuro apocalittico, datato 1992. Cosa è successo di brutto sulla Terra? È scoppiato l’ennesimo conflitto mondiale: le armi atomiche hanno distrutto il pianeta, condannandolo alla morte. Le radiazioni hanno Continua a leggere ““Ma gli androidi sognano pecore elettriche?” di Philip K.Dick. Un romanzo deprimente”

“Jurassic Park” di Michael Crichton. Una riflessione sul catastrofismo della scienza

Recensione del bestseller mondiale “Jurassic Park”, scritto da Michael Crichton e pubblicato da Garzanti

jurassic park michael Chricton

L’eugenetica mi ha sempre spaventato, ricordandomi un po’ gli ideali nazisti di perfezione fisica –  per semplificare: tutti alti e biondi con occhi azzurri. La stessa angoscia mi è venuta rispolverando le pagine di un bestseller mondiale (150 milioni di copie vendute!) intitolato Jurassic Park di Michael Crichton (Garzanti). L’autore americano, come anche i sassi sanno, immaginò Continua a leggere ““Jurassic Park” di Michael Crichton. Una riflessione sul catastrofismo della scienza”

È tutta un’altra musica sulla carta. “Around The Clock” di Franco Fabbri

Recensione del libro Around the Clock di Franco Fabbri, pubblicato da Utet

Around the clock fabbri copertina

Con la musica ho sempre avuto un rapporto strano, aptico ed emotivo direi. Non ho mai voluto approfondire a livello teorico la storia dei generi musicali per evitare di impantanarmi nelle paludi degli intellettualismi e delle polemiche riguardo all’arte del suono. Sono tutt’ora convinto che il linguaggio delle canzoni sia universale, dunque alla portata di tutti (colti e non esperti). Di conseguenza ho letto pochi manuali di musicologia, tranne quelli universitari: ahimè erano obbligatori. I testi studiati in precedenza non li consiglio a nessuno perché troppo complicati e ampollosi. Tranne uno, che invece ho trovato Continua a leggere “È tutta un’altra musica sulla carta. “Around The Clock” di Franco Fabbri”