Una rosa per Emily di William Faulkner

Chi non ha mai sentito parlare di William Faulkner? Sapete, come ogni cosa, lo scrittore americano non piace a tutti. Compreso il sottoscritto, che qualche primavera fa ha tentato di leggere – senza successo – Luce d’agosto. Però le pulsioni dei lettori non conoscono una regola, alcuni dicono che sono i libri a scegliere noi, e non viceversa. È dunque accaduto che abbia recentemente letto tre racconti di Faulkner raccolti in un piccolo volumetto pubblicato da Adelphi col titolo Una rosa per Emily. Cosa ho trovato dentro? Tre storie di donne, di diversa estrazione, cultura ed età, però con un aspetto in comune: vivere nel profondo Sud degli Stati Uniti del tardo Ottocento.

Leggi il post completo

Come sono diventato stupido di Martin Page

L’intelligenza fa soffrire. Cosa fare? Un approccio surreale ideato da uno scrittore francese

Piccoli libri ma sostanziosi. Come sono diventato stupido (Garzanti) di Martin Page fa sicuramente parte di questa categoria. Un romanzetto che è uscito nel 2001 in Francia ed è diventato un caso editoriale. Di cosa parla il libro? Della sofferenza causata dall’intelligenza. Ebbene sì, Page ribalta il mantra educativo che le nostre maestre ci recitavano da bambini: “piccolino studia che un domani sarai felice e avrai una bella vita”.

Leggi il post completo

Whuan. Diari da una città chiusa di Fang Fang

La scrittura è un mezzo potente per risvegliare le coscienze e per chiedere giustizia. Nel passato e nel presente, gli autori che usano la penna o la tastiera per raccontare verità scomode corrono seri pericoli. Molti scrittori decidono di servire il potere e di non scomodare i potenti per il quieto vivere. Altri, più coraggiosi, si gettano nella mischia, affidandosi alla potenza della libertà di parola e di espressione.

leggi il post completo

Faust di Johann Wolfgang von Goethe

Finalmente anche io potrò inserirmi nei dibattiti salottieri sulla letteratura europea dell’Ottocento senza percepire quel senso di inadeguatezza, innescato dalla passata consapevolezza di non aver letto il Faust di Johann Wolfagang von Goethe – scrittore arcinoto che gli amici chiamano semplicemente Goethe.

leggi il post completo

Perché The Social Dilemma di Netflix ci fa tanta paura?

«Se non stai pagando per un prodotto, il prodotto sei tu». Avete appena letto la frase che sentirete e noterete più spesso sui giornali e talkshow italiani nei prossimi giorni. Di cosa sto parlando? Mi riferisco a The Social Dilemma, un docudrama di Jeff Orlowski realizzato dalla piattaforma streaming Netflix e incentrato sulla pericolosità dei social media nelle società globali.

LEGGI IL POST COMPLETO