La lettrice di Čechov di Giulia Corsalini

La funzione salvifica dei libri

La lettrice di Čechov (Nottetempo) è un libro sulla solitudine e sull’abbandono famigliare. Spiegherò meglio più avanti. Ora veniamo alla trama. Giulia Corsalini, critico letterario all’esordio narrativo, incentra il suo romanzo su Nina, una donna di origini ucraine che si trasferisce nel 2003 a Macerata per tirar su qualche soldo da mandare al marito semi-paralitico e alla giovane figlia Kàtja, studentessa di medicina in Ucraina. Il libro è in prima persona: elemento che fa risaltare ancora di più la condizione umana della protagonista attraverso la descrizione degli stati d’animo.

Leggi il post completo

Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi

Recensione del classico dei classici della letteratura italiana per ragazzi

Si può leggere Pinocchio di Carlo Collodi a 27 anni suonati? Domanda più che lecita ma indubbiamente mal posta. Al di là del genere legato al mondo dell’infanzia, il romanzo di Collodi è uno dei capolavori della narrativa italiana. Un giudizio che sposo totalmente dopo aver terminato le avventure del dispettoso burattino. Com’è possibile che un romanzo pubblicato a puntate sul Giornale per i Bambini nel 1881 abbia ancora così tanto fascino e abbia resistito allo sgretolamento del tempo? Probabilmente perché Pinocchio è la metafora dell’Italia e allargandoci potremmo dire anche degli italiani.

Leggi il post completo

I ragazzi della via Pàl di Ferenc Molnàr

Un gruppo di ragazzini che vorrebbero rimanere piccoli ma le asperità della vita non risparmiano nessuno

Non è vero che i ragazzi del 2019 non possono capire completamente le abitudini ludiche dei loro coetanei del 1899. Gli scontri tra bande, descritti da Ferenc Molnàr ne I ragazzi di via Pàl, avvengono tuttora. Non in luoghi fisici come parchi o cortili, ma in arene digitali di videogiochi come Minecraft o Fortnite. Le dinamiche sono molto simili: si agisce in squadra, ci sono dei gradi da conseguire ed è possibile stabilire degli obiettivi comuni.

Leggi il post completo

Il Giorno del Ringraziamento di Truman Capote

Recensione de Il Giorno del Ringraziamento di Truman Capote, pubblicato da Garzanti

L’Alabama degli anni Trenta, un bullo e una vecchietta fuori di testa. Questi i tre elementi caratteristici de Il giorno del Ringraziamento di Truman Capote. Il componimento si trova attualmente nella raccolta La forma delle cose. Tutti i racconti, pubblicata da Garzanti.

Leggi il post completo

“Il viaggio nel passato” di Stefan Zweig

Recensione del racconto “il viaggio nel passato” di Stefan Zweig, edito da Ibis

La copertina del libro dice già tutto: una coppia che si saluta prima che uno dei due salga sul treno e si diriga lontano dall’amante. Sembra di vedere le tipiche cartoline d’epoca, in bianco e nero, che sicuramente chiunque di noi conserva ancora in quei comò gravidi di ricordi famigliari. Viaggio nel passato (Ibis), scritto nel 1929, è sicuramente un lungo racconto sulla conquista e perdita dell’amore. Lo scrittore Stefan Zweig però non narra una banale vicenda sentimentale ma una passione che non riesce a Continua a leggere ““Il viaggio nel passato” di Stefan Zweig”

Il taglio del bosco di Carlo Cassola

Recensione del racconto “Il taglio del bosco” di Carlo Cassola, pubblicato da Einaudi

Ci sono tormenti che non cessano nemmeno con lo scorrere del tempo. Lo sa bene il boscaiolo Guglielmo, protagonista de Il taglio del bosco (Einaudi, la mia copia) di Carlo Cassola, scrittore noto ai più per il libro La ragazza di Bube. Il racconto lungo, pubblicato nel 1950 sulla rivista Paragone-Letteratura, si concentra sui 5 mesi di lavoro di un taglialegna toscano che ottiene un appalto per tagliare un bosco nei pressi di Massa Marittima. Non c’è una trama specifica: Cassola immerge il lettore nella piccola comunità di cinque boscaioli toscani che per mesi vivono insieme dentro a un capanno e che passano tutto il giorno, quando il meteo lo permette, a spaccare legna all’aperto. Per di più, il racconto minimalista di Cassola è uno dei pochi testi incentrati su un personaggio maschile perché lo scrittore ha preferito focalizzarsi su soggetti femminili.

Leggi il post completo