Chiudete Internet di Christian Rocca

Cosa fare contro gli effetti negativi di Internet sulle democrazie occidentali?

cover di chiudete internet di Christian Rocca

Il titolo è provocatorio, molto provocatorio. Viene, quasi quasi, da prendere in giro chi lo abbia concepito. Se però andiamo oltre all’apparenza e incominciamo a sfogliare Chiudete Internet (Marsilio) di Christian Rocca ci rendiamo conto che forse l’autore non ha tutti i torti nell’avanzare questa “modesta proposta”.

Rocca affronta molti punti, quelli più vicini a lui riguardano il giornalismo, criticato aspramente. Rocca è infatti un editorialista de La Stampa e ha diretto IL magazine del Sole 24 Ore. Tuttavia crede che ci potrà essere una riscossa della buona informazione sulle fake news. Il problema è proprio questo: oggi si fa fatica a distinguere ciò che è autentico da ciò che è invece finto. Non ci stupisce allora se la menzogna prevale sulla verità, perché in qualche modo le falsità creano stupore e sobillano le masse.

Rimanendo sul giornalismo, Rocca sostiene che chi scrive articoli debba creare una conversazione con i lettori, ascoltando le loro esigenze. Condividere e schiacciare like non sono conversazioni ma attività inutili che non costituiscono valore. Aggiungiamo poi che le grandi piattaforme vivono di giornalismo: coccolano gli utenti che creano grandi flussi di interazioni e che vengono chiamati influencer. Ciò nonostante Facebook, Twitter e Google stanno distruggendo l’editoria che ormai non è più sostenibile da un punto di vista economico.

Twitter è di fatto il più autorevole editore del mondo, offre in anteprima le notizie riportate dai più celebrati giornalisti e i commenti delle migliori firme del pianeta su qualsiasi argomento possibile. Ma la cosa straordinaria è che non sborsa un centesimo per i contenuti ricevuti gratuitamente dai giornalisti e dalle grandi firme, facendo leva sulla loro vanagloria, ma lascia pagare il conto agli editori tradizionali che sono sempre più in difficoltà perché i loro dipendenti contribuiscono a rendere inutile il business tradizionale dell’informazione.

La situazione come avrete capito si è fatta molto nera. I tentacoli della Silicon Valley sono arrivati dappertutto. Non solo l’informazione, ma anche i nostri stili di vita dipendono dagli algoritmi sguinzagliati su Internet. Ci sono infatti persone che pagano degli specialisti per disintossicarsi dai social. Un’esperienza che ho provato anche io con Instagram. Infatti da due mesi ho deciso di limitare l’uso dello smartphone per salvaguardare la mia sanità mentale perché da tempo percepivo un disgusto all’apertura delle piattaforme sociali sul Web.

Chiudiamo Internet prima che il mondo venga distrutto dall’intelligenza artificiale, scrive Rocca nella parte finale del saggio. Drastica decisione è vero ma non categorica. Internet ora produce più problemi che benefici. C’è sicuramente bisogno di una diversa organizzazione della Rete che tuteli le democrazie occidentali, mettendole al riparo dalla diffusione di false informazioni – vedi alla voce Russia e Cina.

“Internet va regolamentato”.

VOTO

Classificazione: 2.5 su 5.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...