Lebbra antiplastica di Kit Pedler e Gerry Davis

Immaginate un mondo in cui la plastica si decomponesse senza spiegazione. Cosa succederebbe? La catastrofe

Sono sicuro che Lebbra antiplastica (1971) potrebbe piacere alla paladina svedese dell’ecologia Greta Thunberg. Il libro parla delle nuove frontiere del riciclaggio della plastica nella Londra degli anni ’70, durante l’exploit del petrolio. Ridurre l’inquinamento è una missione nobile ma attenzione alle tecnologie per salvaguardare il pianeta perché potrebbero causare degli effetti collaterali come l’estinzione delle società moderne – in un post de La chimica e la società si elencano le innovazioni nello smaltimento della plastica.

L’idea su cui si basa questo romanzo di fantascienza catastrofica è molto interessante. Kit Pedler, scienziato e autore di documentari BBC, e lo sceneggiatore Gerry Davis, noto per la serie Doctor Who, immaginano cosa succederebbe a una metropoli se dei batterei incominciassero a mangiare letteralmente la plastica. Non c’è nemmeno bisogno di dirlo, sarebbe la catastrofe per il genere umano. Infatti nel romanzo cadono aerei, esplodono metropolitane, scompaiono sottomarini nucleari e si verificano incidenti stradali. Pensare a un mondo senza plastica è impossibile.

Lentamente ma inesorabilmente, la distruzione della plastica continuò ad aumentare procurando una serie tale di guasti e disastri che nel giro di 48 ore ridussero il centro di Londra in un gelido caos privo di luce, acqua, calore e mezzi di comunicazione.

La trama di Lebbra antiplastica è davvero elementare. Un gruppo di scienziati si accorge dell’epidemia ed effettua dei controlli sui dispositivi che hanno paralizzato Londra nella stagione invernale. Dopo varie avventure e peripezie, raggiungono gli esponenti del governo inglese, che nel frattempo avevano attivato lo stato di emergenza, e creano un antibiotico per fermare il bacillo chiamato mutante 59, inventato da un chimico inglese che per sbaglio lo aveva rilasciato nelle fogne londinesi dove si era moltiplicato.

Ora, non si è mai verificato il caso di una materia plastica che si comporti a questo modo. Alcune cedono alla tensione, altre si volatizzano, altre ancora si screpolano o si crepano… ma non si fondono senza apparente motivo.

La morale della favola è che la scienza non riesce a prevedere tutto e la catastrofe si può annidare nei posti più impensabili.

Un’ultima considerazione sul titolo del romanzo. Lebbra antiplastica è davvero un pugno nell’occhio. Spero che Mondadori, in un futuro prossimo, sostituisca il titolo della collana Urania con l’originale che recita Mutante 59, il mangiatore di plastica. Molto più convincente.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...