In senso inverso di Philp K. Dick

Un romanzo soffocante ambientato in un avveniristico 1998 dove il tempo scorre al contrario e gli uomini stanno perdendo la loro umanità

cover di in senso inverso di Dick

In senso inverso è un romanzo tipicamente legato all’immaginario fantascientifico dello scrittore americano Philip K. Dick. Quest’uomo ha influenzato immensamente la cinematografia moderna basti pensare a Blade Runner tratto da Ma gli androidi sognano pecore elettriche? , Minority report e Westworld (viene spiegato bene in un post di Wired).

Il concetto attorno a cui ruota la trama è la Fase Hobart: un evento fisico soprannaturale che fa scorrere al contrario il tempo sulla terra. Ciò comporta il risveglio dei morti nei cimiteri, le sigarette che più le fumi più s’allungano e i cibi già digeriti. Gli uomini poi non muoiono di vecchiaia ma di infanzia: l’ultimo stadio della vita è la forma embrionale. Infine, quando devono imprecare esclamano “cibo!”, il contrario di “merda!”.

La loro carne e i loro atomi stanno già ritornando; percepì l’eterno processo, l’incessante, complessa attività della tomba, e questo gli procurava un fremito di entusiasmo e di grande eccitazione. Non c’era niente di più bello di questo riformarsi dei corpi che, come diceva Paolo, si erano corrotti e ora, con la Fase Hobart, regredivano nella loro corruzione.

Difficile dalle prime pagine capire chi sarà il protagonista del romanzo perché il lettore ha davanti a sé una pletora di punti di vista – tecnica tipica dei libri degli anni ’60. Scorrendo le pagine però la vicenda si concentra sulle azioni di Sebastian Hermes, titolare di un’azienda che si occupa di fornire assistenza ai cadaveri che tornano in vita. Sebastian con la sua squadra e la moglie scandaglia i cimiteri per individuare i redivivi che vogliono uscire dalle sepolture. Seguendo il giochino letterario di Dick, i vitarium sono il contrario delle pompe funebri.

In una delle solite ricognizioni cimiteriali Sebastian scova una lapide con un’iscrizione in latino. La tomba appartiene a Thomas Peak, un importantissimo esponente della religione Udi con poteri sovrannaturali, conosciuto anche col nome di Anarca. Sebastian percepisce che il religioso sta per svegliarsi e decide di tenerlo sotto controllo per l’alto valore di mercato. Nulla di strano, negli Stati Uniti del 1998 è infatti possibile vendere i redivivi al miglior offerente,e coloro che invece non vengono reclamati sono spediti in un ospizio.

Considero l’Anarca una figura paragonabile a Gandhi.

Dice che la morte non esiste; è un’illusione. Il tempo stesso è un’illusione. Ogni istante che viene non passa mai. Sarebbe a dire – secondo lui – che non viene mai a compiersi; era lì da sempre.

Diverse grandi organizzazioni occulte vogliono impossessarsi dell’Anarca per svariati motivi; il movimento degli Uditi brama le facoltà sovrannaturali di Peak; la Biblioteca Pubblica d’Attualità, un’istituzione che ha lo scopo di cancellare le testimonianze del passato e le invenzioni umane, intende eliminare il religioso perché minaccia il sistema politica del pianeta; poi rimane lo Stato italiano che però non si capisce per quale scopo voglia Peak.

Un altro personaggio di rilievo è l’investigatore Joe Tinbane che rappresenta l’azione e la psicologia di In senso inverso. Infatti oltre alle trame nascoste di società violente e senza scrupoli, Dick descrive minuziosamente i dubbi esistenziali e i sentimenti più nascosti dei suoi personaggi. Proiettili e psicanalisi sono il fattore del romanzo che tuttavia non ha una fine esauriente.

In senso inverso inoltre contiene molte invenzioni tecnologiche che ritroviamo in altri romanzi dello scrittore americano. Non mancano i robot dalle sembianze umane che interagiscono con i loro omologhi in carne e ossa. Oltre a ciò, il carattere spirituale del libro si percepisce per i costanti quesiti sulla differenza tra la vita e la morte. Quasi un’ossessione che trova la sua impalcatura sul pensiero di 5 filosofi citati all’inizio di ogni capitolo: S. Agostino (354-430), Severino Boezio (480-524 a.C), Giovanni Scoto Eriugena (810-870), S. Bonaventura da Bagnoregio (1217-1274) e S. Tommaso D’Acquino (1221-1274).

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...