Eros in agonia di Byung-Chul Han

La società civile ha smesso di amare perché il potere sovversivo dell’amore non si adatta all’esigenza del consumismo

copertina eros in agonia di Byung-Chul Han

Di cosa parliamo quando parliamo d’amore? Sicuramente di noi stessi. Tuttavia amare gli altri o L’Altro, come sostiene il filosofo coreano Byung-Chul Han con il suo Eros in agonia (nottetempo), non sarebbe compatibile con l’attuale società neoliberista e consumistica.

Han in questo saggio, arricchito nell’ultima edizione da un testo di Alain Badiou, sostiene che l’amore stia correndo gravi pericoli, sicuramente malato, stia andando incontro alla morte. Le cause sono molteplici. La principale rimane però lo sfrenato individualismo contemporaneo: le persone sono come bambole con gli occhi rovesciati che scrutano costantemente la propria dimensione interiore, escludendo così tutto ciò che sta fuori.

Perché l’amore fa così paura? Han sostiene infatti che si può amare solamente uccidendo e togliendo ossigeno alla propria individualità: amare una persona significa annientarsi con coraggio per mettersi a totale disposizione dell’altro. Per non fare troppo i filosofi, possiamo dire che c’è un’assenza di potere nell’amore: una vera e propria impossibilità-di-potere.

Un altro fattore che minaccia il nostro modo di amare è il denaro. Attenzione, qua non parliamo di prostituzione. Parliamo piuttosto della tendenza di appiattire tutto causata dai soldi. Mahmood infatti ci aveva già avvisato nella sua canzone: il rapporto col padre è ridotto a una banale richiesta di denaro.

Il denaro rende per principio tutto uguale. Esso livella le differenze essenziali. Confini intesi come misure emarginanti ed escludenti aboliscono le fantasie per l’Altro.

A proposito di perdita di fantasia, Han ha dedicato un capitolo alla pornografia e sostiene che questa forma erotica sgretoli l’idea di amore nel segno della pura esibizione. Il porno riguarda infatti la nuda vita esposta e annienta la sessualità perché il volto pornografico non esprime nulla: non ha né espressività e né mistero. Come riporta Il gabinetto delle curiosità di Lucerna, l’uomo occidentale sta sperimentiamo un vero e proprio autismo a causa del “bombardamento di tanti stimoli, desideri indotti e dall’efficientismo imperante del capitalismo globale per la massimizzazione della produzione”.

L’esposizione azzera proprio ogni possibilità di comunicazione erotica. Osceno e pornografico è il volto nudo, privo di mistero e di espressione, ridotto unicamente alla sua possibilità di esposizione.

Insomma Eros in agonia è un saggio che mette sul tavolo i dilemmi amorosi della società moderna. Ora sta a noi cercare di risolverli per non trasformarci negli androidi senza cuore narrati nei romanzi di Philp K. Dick.

Byung-Chul Han oggi insegna all’Universität der Künste Berlin e ha pubblicato diversi libri che gravitano attorno ai cultural studies.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...