Istruzioni per leggere

Ognuno ha il suo metodo, ma come si legge un libro? Ci sono delle istruzioni da seguire? Ecco tutto quello che avete bisogno per diventare degli ottimi lettori

Ogni volta che termino un libro mi domando se abbia avuto una buona esperienza e sia pronto a scrivere una nuova recensione sul blog. Una perplessità che mi manda in crisi nonostante abbia un’esperienza pluridecennale da lettore di saggi e romanzi. Fuori dalle pagine siamo in battaglia con il prossimo. Chi cerca di criticare – nel senso buono – un testo si trova difronte ad altre intelligenze che pretendono di essere persuase sul valore o l’inconsistenza di un’opera. Dunque non capisco se questa incertezza sia il frutto di un’educazione sbagliata alla lettura. Come fare a comprenderlo? Una soluzione è leggere libri che parlano di metodi di lettura. Agendo in questa direzione, ho scovato nella biblioteca vicino casa un volumetto intitolato Leggere: come capire, apprezzare e studiare un testo (Il Mulino) di Serena FornasieroSilvana Tamiozzo Goldmann, che ha stimolato una serie di riflessioni sulla fruizione delle opere scritte.

Così scriveva Ray Bradbury in Fahrenheit 451 sull’importanza dei libri:

Sapete perché i libri come questo siano tanto importanti? Perché hanno sostanza. Che cosa significa in questo caso “sostanza”? Per me significa struttura, tessuto connettivo. Questo libro ha pori, ha caratteristiche sue proprie, è un libro che si potrebbe osservare al microscopio. Trovereste che c’è della vita sotto il vetrino, una vita che scorre come una fiumana in infinita profusione. Maggior numero di pori, maggior numero di particolarità della vita per centimetro quadrato avrete su un foglio di carta, e più sarete letterario.

Leggere significa interpretare

Leggere un testo è come dialogare con qualcuno. Non dobbiamo assimilare le parole che percepiamo senza capire: gerarchizzare e selezionare informazioni rimane lo scopo principale. Voglio dire che la lettura di un libro comporta fatica e impegno se il nostro obiettivo è quello di accrescere la cultura personale che ci distingua dalla massa – in costante crescita – dei non lettori. Perché se sei un lettore forte lo si nota dal tuo sguardo, dalla tua forma mentis, dalla tua memoria e dal tuo linguaggio.

Esiste certamente una forma di lettura che viene etichettata con il termine evasione, ma è una pratica superficiale che mira solo all’intrattenimento. Le storie d’evasione riempiono le ore distraendo il lettore con trame semplici e di facile comprensione. Invece il testo complesso ha tutt’altra natura, terrificante oserei dire. I classici della letteratura sono tali perché contengono dei messaggi universali e spiazzanti sulla realtà che ci circonda. I grandi autori hanno infatti studiato molto per scrivere i loro romanzi. Lo studio rientra esattamente in un ampio gruppo di operazioni mentali collegate tra loro che producono apprendimento e nuove conoscenze.

Ogni nuovo libro rappresenta dunque una rinnovata sfida e chi legge molto lo sa bene. Le letture fatte in passato condizionano quelle del presente. Come affermano gli autori di Leggere, i libri sono come una costellazione: ogni volume ha una propria particolarità ma tutti insieme appartengono a una grande famiglia.

Testi di cui ci fidiamo e di cui non ci fidiamo

La fiducia del lettore è sempre in bilico. Con la narrativa non sappiamo mai se il libro che abbiamo davanti sia davvero interessante come tutti ci dicono. Esistono però alcuni testi che per tradizione non mettiamo i dubbio. È il caso delle enciclopedie, delle istruzioni della macchina e delle guide telefoniche. Utilizziamo quel materiale senza farci domande perché sappiamo che è stato concepito per dare informazioni attendibili.

Con la letteratura e la saggistica è tutt’altra sinfonia. Queste tipologie di testi non ci rassicurano e necessitano di un’interpretazione. Tendono infatti a stupire, provocare e far riflettere il lettore.

Esistono delle persone che basano la loro professione sull’interpretazione dei testi. Di chi stiamo parlando? Dei critici letterari e degli editor. I primi hanno il compito – io direi la vocazione – di dare una mano ai lettori nel capire e assaporare la letteratura. Hanno una specifica dimensione culturale ovvero un’accurata strategia di analisi da applicare. I secondi hanno una missione simile ma principalmente tentano di rendere fruibile e coerente un testo che verrà immesso nel mercato librario da una casa editrice.

Commentare e interpretare

Quando leggiamo dobbiamo dunque tenere presente due aspetti: il commento e l’interpretazione. Il commento chiarifica il contenuto di un testo – pensiamo alla parafrasi o a una traduzione. Mentre l’interpretazione realizza la comprensione facendo da ponte tra la parola scritta e il lettore. Le interpretazioni sono fondamentali nel progresso culturale degli uomini perché aiutano a capire e a individuare sempre nuovi problemi. Tutto ciò stimola altre possibili letture. L’attività interpretativa, come la parte del commento, è importantissima se pensiamo ai testi antichi, lontani dalla modernità. Ogni testo va infatti inserito nella sua storicità.

Essere sentinelle

Leggere significa anche percepire la qualità di un testo. Un lettore deve quindi essere in grado di riconoscere le lacune che esso contiene, tenendo presente che nessun volume è perfetto in sé. Il grado di sospetto deve alzarsi soprattutto durante la lettura di articoli o post giornalistici. Separare i fatti dalle opinioni per evitare manipolazioni da fake news. Non parliamo poi delle pubblicità, che promettono tutto e niente ai clienti. Dunque lo scetticismo e la cautela sono infatti due virtù del lettore navigato.

Testi letterari

Come con altre forme testuali, tendiamo a correggere i romanzi quando ci troviamo davanti a incongruenze o difetti nel testo: personaggi che presentano nomi diversi, errori ortografici e sintattici. Il lettore purtroppo non può emendare gli errori nel libro ma l’editor può farlo perché è un lettore professionista ed ha “il compito di mediare fra le istanze creative dell’autore e quelle anche commerciali della casa editrice”, affermano Fornasiero e Tamiozzo Goldman. Una fase molto importante. Una volta stampato il testo, questo appartiene al pubblico con i suoi difetti o pregi.

Una continua correzione

Abbiamo visto che leggere un testo significa anche correggerlo. Tale pratica viene adottata da chiunque crei un documento scritto. Correggere è per l’appunto un’abitudine seria e delicata perché permette di evidenziare il contenuto e la sostanza di un discorso.

Le case editrici infatti cercano lettori e consulenti per valutare i numerosi manoscritti che arrivano in redazione. Il lettore compila una scheda di lettura in cui evidenzia i punti forti e deboli del testo. È una pratica che può coinvolgere personale specializzato o non in campo editoriale. Tuttavia, non nascondiamo che i lettori più esperti sono coloro che praticano la scrittura. Famosi i mercoledì della casa editrice Einaudi in cui si riunivano i pezzi grossi della letteratura italiana come Calvino, Ginzburg, Pavese, Calvino e Vittorini per discutere sulle future pubblicazioni.

Oggi sarebbe impossibile adottare la consuetudine einaudiana per la immensa mole di manoscritti ricevuti. Umberto Eco nella prefazione di 21 modi per non pubblicare un libro pubblicato da Il Mulino (qua una recensione interessante) dà alcune cifre sulla realtà dei manoscritti. Ogni 25 anni una casa editrice archivia circa 500 mila manoscritti, quasi 42 mila all’anno, 3.5 mila al mese. Vuol dire che il malcapitato che si occupa della selezione dei nuovi libri deve cimentarsi nella lettura di 15 testi al giorno circa. Follia pura.

Conosci te stesso correggendoti

Per scrivere un ottimo testo per qualsiasi uso – io pubblico prevalentemente su questo blog – è necessario emendarlo da tutte le possibili imperfezioni. Come lo si fa? Rileggendolo più e più volte. Direi però che la prima norma per analizzare in modo corretto il nostro lavoro sia quello di raffreddarlo, lasciandolo stare per un po’. Appena finiamo di scrivere qualcosa non abbiamo infatti la lucidità di accorgerci degli errori. Evitiamo quindi una lettura a caldo.

Se vogliamo strafare e diminuire la percentuale di errore, possiamo allora compiere una lettura ad alta voce per scovare le incongruenze. Per i più pigri consiglio i software di lettura automatica che si trovano nei documenti di Google o in alcuni siti online che offrono servizi simili.

Le pratiche sopraelencate porteranno a uniformare il testo rendendolo più facile da leggere.

Lettura a tutto volume. Libri ad alta voce

Come abbiamo già affermato, la lettura ad alta voce aiuta moltissimo chi deve correggere un testo. Tuttavia non molti sanno farlo perché bisogna rispettare delle regole:

  1. L’intonazione è fondamentale per evitare l’appiattimento sonoro che provoca distrazione e noia in chi ascolta. I giornalisti e i conduttori radiofonici utilizzano delle tecniche particolari per mantenere l’attenzione del pubblico anche quando leggono dei testi scritti.
  2. Aver ben chiaro il senso di cosa dobbiamo comunicare.
  3. Prima di leggere ad alta voce un testo, dobbiamo averlo letto in silenzio e tranquillità, soppesando la gerarchia degli argomenti, le connessioni linguistiche e i capoversi.
  4. Leggere lentamente facendo attenzione alle pause. Utilizzare un tono adeguato, un tono medio che valorizzi la natura del testo. Anche il ritmo delle parole non va trascurato.
  5. Saper leggere un testo significa in qualche modo mostrarlo a chi ascolta.

Leggere libri per scrivere altri libri

Se vogliamo diventare degli esperti lettori non possiamo esimerci dallo studio dei testi che ci permettano di accrescere le nostre competenze di analisi. La schedatura è infatti il metodo che adotta la maggior parte degli studiosi nelle loro ricerche. In cosa consiste la schedatura? Consiste nella redazione di appunti della lettura che stiamo compiendo. Oggi possiamo prendere nota del contenuto dei libri su diversi device. Una volta invece si usavano delle schede che poi venivano unite per formare un blocchetto con le informazioni salienti da consultare durante l’elaborazione di un saggio.

La pratica della schedatura permette infatti una gerarchizzazione degli argomenti e una selezione ragionevole in vista dell’assimilazione delle informazioni. Tutto ciò può avvenire se costruiamo una sintesi del testo di partenza che sia agile da leggere – riduciamo allora i particolari poiché producono pesantezza e rallentano la comprensione. Infine, per gerarchizzare conviene forse partire dalla consultazione dei capitoli del testo che stiamo analizzando: si scelgano quelli che si adattino di più alla propria ricerca. L’importante è che la schedatura sia dinamica e non sequenziale, ovvero non segua la disposizione del libro che esaminiamo. Più si rielabora e meglio si assimila.

Piccola curiosità. Quando stendiamo una bibliografia, ricordiamoci anche di inserire i testi che abbiamo messo da parte. Avete capito bene. Studiare significa leggere testi che butteremo via (metaforicamente parlando).

Rimanendo sulla bibliografia, è consigliabile partire da testi molto recenti, che contengano altri riferimenti più vecchi. E così via, a ritroso nel tempo. Non perderemo tempo a vagare tra siti e librerie, sfruttando gli sforzi bibliografici di chi ha già affrontato la materia che ci interessa.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...