Fedeltà di Marco Missiroli

copertina fedeltà di Marco Missiroli

Già dalla nota che appare all’inizio del libro annuso un’atmosfera di incertezza, come se Missiroli con il suo Fedeltà cercasse di rassicurare il lettore.

Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando

Philip Roth

A 4 anni dal suo ultimo libro Atti osceni in luogo privato (Feltrinelli), Missiroli cambia editore e cambia la generazione dei personaggi principali del romanzo. Siamo a Milano, una giovane coppia di 35enni entra in crisi per un presunto tradimento: Carlo, professore di scrittura creativa con velleità giornalistiche e letterarie, è stato beccato in un bagno con una sua studentessa. Margherita, agente immobiliare con saldi ideali borghesi, per ripicca tradisce il marito con un ragazzo di 26 anni.

Carlo, un uomo pressoché disoccupato. Un uomo svuotato della professione, il suo uomo svuotato della professione, così vulnerabile

Ma lei (Margherita) un ventiseienne lo aveva già avuto, e tuttora era il ricordo che tentava di non perdere. Con lui aveva intuito che l’infedeltà poteva significare fedeltà verso se stessa

A questa coppia si aggiungono altri attori: la studentessa Sofia, il giovane fisioterapista Andrea, il costoso appartamento in Corso Concordia e tutto il compartimento di suoceri e nuore. Un libro corale che gravita attorno all’idea di fedeltà. Concetto declinato in diversi modi nel libro.

Missiroli ha inoltre curato molto bene lo stile di Fedeltà. Pregevoli i cambi di narrazione tra i personaggi. Come una sorta di effetto sfumatura o banalmente un piano sequenza, mi sono trovato davanti a una storia che scorre e non si ferma più. Non è affatto un caso che non ci siano capitoli qui dentro.

Il libro come ho già detto – perdonate la ripetizione – parla di fedeltà. Missiroli rovescia le conseguenze del tradimento e si chiede se anche la lealtà nei confronti di chi si ama sia altrettanto distruttiva quanto l’infedeltà.

Missiroli è uno dei possibili vincitori del Premio Strega, eppure Fedeltà non mi ha convinto pienamente. Non mi ha lasciato un segno. Questo libro non è per nulla paragonabile al precedente, uscito con Feltrinelli.

Indubbiamente, la parte più bella di Fedeltà rimane la sequenza del colloquio di Carlo Pentecoste, protagonista del romanzo.

Podcast su fedeltà di marco missiroli

Trovate altre riflessioni nella trasmissione letteraria che faccio su Radio Statale. Qui sotto il player di Spotify del programma Lituraterre.

Annunci

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...