Serotonina di Michel Houellebecq

recensione dell’atteso romanzo del controverso autore francese, pubblicato in Italia dalla Nave di Teseo.

copertina di Serotonina di Michel Houellebecq

Serotonina è un libro cinico, provocatorio e controtendenza ma perfettamento adeguatoalla produzione romanzesca di Michel Houellebecq. Nel senso che il romanzo non rappresenta una grande novità agli occhi degli affezionati houellebecquiani ma rimane tuttavia un’eccezione editoriale per i contenuti. Non è Houellebecq a seguire la moda, è la moda a seguire lui. Niente di nuovo dunque per chi ha già in libreria tutta la bibliografia dello scrittore francese classe 1956. Nettamente il mio caso perché mi sono innamorato di lui quando ho letto Sottomissione (Bompiani)

In Serotonina allora si trovano i soliti ingredienti letterari già assaggiati: episodi splatter, personaggi anti-conformisti e depressi in lotta contro il progresso, donne crudeli (meglio se spietate arrampicatrici sociali), alcool, sigarette, droghe varie. Ovviamente anche la geografia non prevede sorprese: Francia, Francia, Francia – con qualche richiamo alla Spagna.

Tranquilli. Non mi sono scordato del titolo. Per chi non lo sapesse ancora, la serotonina è meglio conosciuta come ormone della felicità. Florent-Claude Labrouste, il protagonista del libro, l’assume per mezzo di un farmaco che si chiama Captorix: una piccola pastiglia “bianca e divisibile”. Il Captorix ha il potere di smuovere il depresso e riconsegnarlo all’eterno movimento della società che non ammette rallentamenti. Il farmaco non può essere paragonato a una droga, piuttosto a un veleno che danneggia le sinapsi con l’aumentare del dosaggio.

Lo scrittore Michel Houellebecq con l’inseparabile sigaretta

Le crisi esistenziali porgono dei quesiti. Ad ogni modo, per risolverli serve del tempo. Nell’attesa della soluzione, l’individuo però rallenta il suo ritmo mettendo in discussione tutta la sua vita. Il farmaco annulla la pericolosa condizione umana, garantendo una felicità artificiale. Baudelaire avrebbe parlato di paradiso.

Per uno spicchio di serenità fasulla Florent-Claude arriva persino a violentare la propria natura: rinuncia infatti alla sua sfrenata sessualità. La pastiglia lo rende impotente. Un cambiamento troppo radicale per non produrre conseguenze. E così gli effetti-pazzi farmacologici bussano presto al cervello del protagonista 40enne, impiegato statale. Una lucida follia trascina il lettore in una sorta di redenzione sessuale, fatta di ricordi e pretese. Florent-Claude enumera tutte le sue ex. Una verrà addirittura stalkerata.

Insomma, Serotonina di Michel Houellebecq mette davvero tristezza. Saranno i toni disperati e la scrittura tagliente, ma una volta terminato mi sono chiesto se la vita possa essere così dolorosa. D’altro canto, abolire i demoni che dormono nell’inconscio potrebbe scatenare strascichi devastanti nella testa di una persona. Allora meglio abituarsi alle ferite, esaltandosi per gli attimi di rara felicità.

Per avere ulteriori commenti, qua sotto trovate il podcast della trasmissione radiofonica Lituraterre che va in onda su Radio Statale. Spostatevi al minuto 25.00 per ascoltare la mia recensione.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

3 pensieri riguardo “Serotonina di Michel Houellebecq”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...