L’attentato di Sarajevo di Georges Perec

Recensione di un romanzo sentimentale, così sentimentale da far scoppiare la testa, e forse anche una guerra

copertina dell'Attentato di Sarajevo di Georges Perec

Amare e guerreggiare sono due sinonimi. Conquistare il cuore di una persona equivale in un certo modo alla conquista di un territorio. Come si dice nel quotidiano, in guerra e in amore tutto è lecito. Proprio così sembra nell’Attentato di Sarajevo (nottetempo) di Georges Perec, il primo romanzo del celebre scrittore francese pubblicato dalla casa editrice milanese (ora) nottetempo. La prima fatica letteraria di Perec non era ancora uscita nelle librerie italiane, mentre già da qualche anno è disponibile tra gli scaffali francesi. L’immagine di copertina rappresenta bene le caratteristiche del personaggio principale de L’Attentato di Sarajevo: un ventenne innamorato e senza scrupoli, ebbro di passione.

Non sappiamo molto sul protagonista che narra la propria turbolenta vicenda sentimentale. Egli però ci racconta come abbia scippato la fidanzata a un suo amico. Siamo difronte a un triangolo di amici, composto dal protagonista (alias Perec), l’impertiente Branko e la bella Mila. Sin dalle prime pagine si percepisce l’aria di sfida tra i due uomini, concentrati sulla ragazza. Mila è una vittima sacrificale: non è amata davvero, oggetto solo di brama sessuale. Non voglio anticipare molto, ma alla fine il protagonista riuscirà a raggirarla. Il punto è questo. All’inizio ho pensato che il protagonista amasse davvero Mila, invece non è così. L’effimero sentimento mascherato da grande amore. Indubbiamente c’è bisogno di tempo ed energie per scavare nella psicologia perecchiana.

foto di Georges Perec
un giovane Georges Perec

Preparatevi dunque a fare un giro per Parigi, Belgrado e Sarajevo con l’alter-ego letterario di un Perec innamoratissimo e implacabile. Cosa c’entra il riferimento allo scoppio della Prima Guerra Mondiale? C’entra, c’entra. Naturalmente Perec ha usato una metafora per spiegare che i comportamenti scorretti hanno conseguenze imprevedibili – Sarajevo è l’elemento in comune.

Al di là del discorso metaforico, all’interno del romanzo si apprendono i dettagli dell’organizzazione e attuazione dell’attentato a Francesco Ferdinando nel 1914. Un aneddoto storico amalgamato a una tragedia amorosa. Solo Perec avrebbe potuto farlo.

I libri di Georges Perec sono decisamente influenzati dalla sua biografia. Il tema della memoria è accostato alla condizione di orfano dello scrittore francese che perse prematuramente i genitori durante la giovinezza. Figlio di una coppia di ebrei polacchi, Perec perse la madre nel campo di concentramento di Auschwitz, mentre il padre soldato morì durante uno scontro con i nazisti.

Se siete degli appassionati di Georges Perec, L’attentato di Sarajevo non può mancare dalle vostre librerie.

Il podcast su Georges Perec

Qua sotto trovate il podcast della trasmissione radiofonica Lituraterre. Nella prima parte c’è la mia intervista ad Andrea Gessner, editore di nottetempo. Abbiamo parlato di Perec e della passione per i libri.

Paolo Castellano insieme a Sabrina Bazzocchi intervista Andrea Gessner, editore di nottetempo

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...