Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi

Recensione del classico dei classici della letteratura italiana per ragazzi

copertina Pinocchio di Collodi

Si può leggere Pinocchio di Carlo Collodi a 27 anni suonati? Domanda più che lecita ma indubbiamente mal posta. Al di là del genere legato al mondo dell’infanzia, il romanzo di Collodi è uno dei capolavori della narrativa italiana. Un giudizio che sposo totalmente dopo aver terminato le avventure del dispettoso burattino. Com’è possibile che un romanzo pubblicato a puntate sul Giornale per i Bambini nel 1881 abbia ancora così tanto fascino e abbia resistito allo sgretolamento del tempo? Probabilmente perché Pinocchio è la metafora dell’Italia e allargandoci potremmo dire anche degli italiani.

La trama del libro delinea una catena di avventure stravaganti. Sin dalla sua nascita, avvenuta grazie alle sapienti mani del falegname Geppetto, l’effervescente burattino Pinocchio si inoltra in un mondo cinico e crudele che non ha nessuna pietà per qualsiasi essere vivente, compresi i bambini. Pinocchio compie parecchi errori, non c’è dubbio, ma si merita di essere bruciato, derubato, arrestato, ucciso e trasformato in un asino?

Il burattino vuole soltanto godersi la vita senza la pressione dello studio e le imposizioni paterne. Infondo quando si è ingenui e spensierati si cerca di vivere il momento e prendere le strade più comode. Pinocchio fa questo, e sbagliando tra mille sofferenze viene infine trasformato in un essere umano. Non c’è dubbio che Collodi usi delle metafore per spiegare ai lettori che un’esistenza dedicata al lavoro e all’onestà ripaghi tutti i sacrifici. Allora come spieghiamo il fenomeno degli influencer di Instagram degli anni 2000?

Come ricorda Francesco Merlo nella prefazione del mia edizione di Pinocchio, non è corretto catalogare il capolavoro di Collodi come un libro didascalico sulla scia di Cuore di Edmondo De Amicis. Con Cuore non c’è nessuna similitudine. Sono due opere molto diverse: una stimola la fantasia, l’altra la ingabbia chiedendo concretezza alle giovani generazioni dell’Italia postunitaria. Collodi ha sempre ribadito la sua concezione di letteratura che bisognerebbe scolpire nella pietra e che sottoscrivo totalmente:

«Io chiamo belli i libri che mi piacciono, e se, oltre a piacermi, si provano anche a volermi istruire, chiudo un occhio e tiro via. All’opposto chiamo brutti i libri che mi annoiano»

Carlo Collodi – scrittore

Interessante anche il tema della bugia, che potremmo associare a un’intelligenza creativa. Alla fin dei giochi, i bugiardi sono gli artisti della parola ed è difficile metterli a nudo. Pinocchio vive invece la condizione di bugiardo esposto: la bugia produce in lui l’allungamento del naso. Una cosa davvero orribile, una punizione psicologica atroce. Le frottole sono uno strumento di sopravvivenza. Alcune volte raccontiamo a noi stessi o agli altri delle menzogne per non svelare le nostre debolezze e per inserirci meglio nella società. La bugia inoltre è una sorta di seduzione – quante volte avrò raccontato qualche cazzata a una ragazza per impressionarla? La menzogna è una verità immaginata.

Alcuni passi di Pinocchio sono abbastanza inquietanti. Penso ad esempio ai continui rimandi alla morte. La Fata Turchina si presenta al burattino come il fantasma di una bambina morta e poco dopo il burattino viene impiccato a un albero, dopo essere scampato a un accoltellamento da parte della coppia di truffatori Gatto-Volpe. Che dire poi del Grillo Parlante? Quanto ci infastidiscono coloro che criticano la nostra condotta quando facciamo un errore? I saggi non vengono ascoltati e infastidiscono se la loro retorica è troppo ampollosa.

Non so se Collodi pensasse a un particolare messaggio da consegnare ai propri lettori, tuttavia ritengo che il dolore e il rischio siano gli elementi fondamentali per consolidare una personalità. Le avversità rendono saggi gli individui quando non li distruggono. Mi piace pensare che Pinocchio simboleggi il lato sbarazzino e incosciente degli adulti che chiudono la loro spensieratezza in uno stanzino buio per non inciampare in ulteriori guai. In questo modo ci si umanizza di meno, facendosene una ragione nel nome dei codici della società.

Pinocchio di Carlo Collodi fa parte della lista Dorfles.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...