“La radio nella rete” di Giorgio Zanchini

un saggio sui cambiamenti della radio ai tempi di Internet tra community, social network e podcast edito da Donzelli

Annunci
la radio nella rete zanchini

Viviamo in un’epoca in cui siamo immersi in una marea di mezzi di comunicazione. Oggi abbiamo certamente più possibilità di comunicare le nostre idee, d’altro canto siamo anche in costante distrazione poiché i protagonisti del dibattito pubblico si sono moltiplicati, cercando costantemente di sedurre e allargare i propri pubblici. C’è un mezzo di comunicazione che però sta pian pianino riemergendo, nonostante il predominio di Internet, e questo strumento è la radio.

La radio è infatti un mezzo che crea forte empatia. In altri termini potremmo dire che si fa portatrice di un’esperienza primaria, ovvero quella del suono e dell’ascolto. La radio intrattiene, la radio educa, la radio fa compagnia senza avvizzire il cervello.

Tesi sostenuta dal giornalista, saggista e conduttore di Radio Rai Giorgio Zanchini che ha scritto nel 2017 La radio nella Rete. La conversazione e l’arte dell’ascolto nel tempo della distrazione pubblicato da Donzelli. Sul blog avevo inoltre recensito un precedente libro di questo giornalista intitolato Leggere cosa e come: il giornalismo e l’informazione culturale nell’era della rete.

Secondo Zanchini il mezzo radiofonico rastrema le distanze tra le persone, a patto che l’ascoltatore sia disponibile a un ascolto attivo. La distrazione non rende così magico il dialogo scaturito dai programmi-radio.

Nel saggio sono inoltre presenti alcuni elementi interessanti. Innanzitutto i dati che sono la cartina di tornasole per capire lo stato di salute della radiofonia italiana.

Nel 2016 35,4 milioni di persone hanno ascoltato un programma radiofonico. Nel 1955 erano invece 20 milioni. Il trend è in chiara crescita. Poi da dove si ascolta la radio? Nel 2017 il 59,1% si è collegato attraverso la radio tradizionale (in calo 3% rispetto al 2016), il 70,2% da autoradio, il 12,9% da lettore mp3, il 19,1% da smartphone (era il 3% dieci anni fa), il 18,6% da internet tramite pc.

Il secondo elemento degno di nota è la riflessione, sparsa per il libro, sui podcast. Mi soffermo sul tema perché mi interessa particolarmente dato che ho incominciato a produrli.

Come scrive Zanchini, podcast è un termine che nasce dalla fusione tra i termini iPod e broadcasting, e che “indica il sistema che permette di scaricare su qualsiasi dispositivo i contenuti audio delle trasmissioni, e di ascoltarli quando si desidera”. Altri numeri per capire meglio: mensilmente la BbcRadio nel 2016 ha registrato 25 milioni di download, Radio Rai 7 milioni e Radio France 25 milioni.

foto di Giorgio Zanchini
Giorgio Zanchini – giornalista e conduttore radiofonico

Il fenomeno dei podcast è in ascesa, soprattutto negli Stati Uniti dove i grandi giornali, come Vox e il New York Times, hanno i loro prodotti scaricabili:

Ogni giorno vengono ascoltati 2 milioni di ore di podcast, e il dato sulla dieta radiofonica ci impone una riflessione: chi ascolta i podcast ogni giorno tende a usare il podcast come principale modo di ascolto, ed è un numero in aumento. il 24% della popolazione americana ha ascoltato podcast nell’ultimo mese e lo fa sempre più in mobilità, il 69% su uno smartphone o un tablet. Anche i numeri della pubblicità sui podcast cominciano ad essere ragguardevoli. Ed è significativo che Apple abbia annunciato l’utilizzo di nuovi sistemi di analisi del consumo podcast, che permetteranno di sapere quali sono i podcast realmente ascoltati – e non solo scaricati -, quali pezzi sono stati ascoltati, per quanto tempo e se la pubblicità sia stata saltata. E questo probabilmente modificherà anche la produzione dei podcast

Inoltre i podcast stanno trasformando i classici programmi radiofonici, aprendosi a nuove voci e a temi trascurati dai canali main stream. Come spiega il saggista, oggi chiunque può creare il proprio prodotto audio da distribuire sulla Rete. Proprio per tale motivo, consiglio ai nuovi podcaster la lettura di La radio nelle Rete. Potranno infatti trovare delle ottime indicazioni su come condurre una trasmissione. Qui, un piccolo assaggio:

Il conduttore deve non solo rivolgere le domande agli ospiti e cercare di seguire se non un percorso quanto meno una bozza di ragionamento, ma al contempo deve tenere presenti i consigli che arrivano dalla regia e dalla redazione, e deve leggere parte di questa messe di impulsi che arriva attraverso i social. Mentre è in studio avrà televisori accesi sui canali all news, due o tre video con le agenzie di stampa e i vari social media, e uno schermo con le indicazioni che arrivano dalla regia

In chiusura vorrei dire che La radio nella Rete non è un manuale ma un testo che cerca di fotografare l’influenza che la Rete sta avendo sulla radiofonia. I cambiamenti sono tuttora in atto. Certo è che, come spiega Zanchini, nell’epoca del multitasking hanno più successo i prodotti di intrattenimento rispetto ai programmi di cultura che necessitano di un ascolto più attento. Una tendenza confermata anche dalle deprimenti statistiche dei consumi culturali degli italiani, in perenne discesa.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...