“La piccola Roque” di Guy de Maupassant

Recensione di “La piccola Roque” di Guy de Maupassant, terzo volume della collana “I racconti di Repubblica”

foto di Maupassant

Di Guy de Maupassant avevo letto solo il Bel Ami – tra le altre cose un tascabile Mondadori macilento. Invece La piccola Roque (link Amazon), racconto dello scrittore francese pubblicato nel 1885, in piena Terza repubblica, è entrato nella mia libreria grazie a una collana di racconti pubblicata nel 1997 dal quotidiano Repubblica. Ho controllato sui Internet e con mia sorpresa mi sono accorto che ci sono pochissime recensioni di questo giallo. Tuttavia qualche recensione si trova (cercando bene), soprattutto sotto forma di notizie bibliografiche da Wikipedia o sotto forma di riassunto nei siti dedicati agli appunti di scuola.

Insomma, il fenomeno è evidente: Guy de Maupassant non va di moda. È un peccato, se ci pensiamo bene. Lo stile dello scrittore francese è preciso ed essenziale e i suoi personaggi estremamente elaborati sul piano psicologico nonostante la brevità del racconto. Maupassant con poche parole è in grado di aprire una finestra sul mondo.

La piccola Roque è un giallo che sembra uscito dai programmi crime di prima serata. Il racconto si basa sulla narrazione di uno stupro – terminato con uno strangolamento – di una ragazzina di 12 anni. Sicuramente di forte impatto  la descrizione del ritrovamento del corpo da parte dell’integerrimo postino Médéric Rompel:

Improvvisamente si fermò di botto, come se avesse urtato contro una stanga di legno: a dieci passi davanti a lui, supino, giaceva sul muschio un corpo infantile, completamente nudo. Era una bambinetta, che avrà avuto dodici anni. Stava a braccia aperte, a gambe larghe, col viso coperto da un fazzoletto. Aveva le cosce macchiate di sangue […]

Pian pianino si mise in ginocchio, ma tenendosi lontano, per prudenza, e stese una mano verso il piede di lei. Era freddo: gelato da quel terribile freddo che rende spaventevole la carne morta, e non lascia più dubbi

la piccola roque copertina

Come avrete notato, lo stile descrittivo di Maupassant attinge dal naturalismo di Gustave Flaubert: penna precisissima, anche nei più piccoli dettagli. Il racconto continua poi con il sindaco Renardet di Carvelin, un paesino della Francia. Il sindaco è un uomo di mezza età dal carattere focoso e irascibile. Inoltre è una personaggio molto ricco, proprietario del bosco in cui è stato trovato il cadavere della fanciulla.

Molto interessante come un delitto venga poi considerato in chiave politica:

Chi sarà mai quella bestia che ha potuto fare una cosa simile, in un paese come questo?

– Chi lo sa? – mormorò il dottore. – Tutti possono averlo fatto. Tutti in particolare e nessuno in generale. Sarà stato qualche vagabondo, un disoccupato. Da quando siamo diventati una repubblica non si fa che incontrar di questa gente per le strade

Queste parole vi ricordano per caso le dichiarazioni di qualche politico nostrano?

Altro elemento interessante. Secondo l’opinione comune, l’omicida non è mai il compaesano ma qualcuno venuto da fuori,  l’estraneo nella società. Chi si macchia di un delitto deve per forza essere un disperato. Come dimostra Maupassant in questo racconto, l’impunità degli assassini è più probabile che avvenga grazie al prestigio sociale. L’individuo affermato non desta sospetti perché si ritiene che l’alta posizione sociale sia anche sinonimo di affidabilità e correttezza.

Il finale de La piccola Roque è certamente drammatico: una tragedia nella tragedia, descritta con incredibile maestria da Guy de Maupassant.

Ai piedi del muro c’era un corpo sanguinante col capo sfracellato contro una roccia. La Brindille circondava quella roccia e nelle sue acque, in quel punto ampie, limpide e tranquille, si vedeva colare un sottile rivolo rosa di cervello commisto a sangue

Il racconto mi è piaciuto per l’indagine sociologica e per l’analisi del tema della solitudine. Non provare affetto per il prossimo degrada l’individuo, che col passare del tempo perde empatia e cede agli istinti più bassi dell’animo umano. Diversamente da ciò che avviene ad Aschenbach in La morte a Venezia, l’assassino della piccola Roque si toglie la vita per riparare al suo gesto folle, dopo una lunga serie di ripensamenti. Perché è più facile uccidere che uccidersi.

Il volumetto fa parte de I racconti di Repubblica.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...