Cantanti che scrivono libri

Sapete cos’è la ItMusic-Narrative? Ve lo racconto in 900 parole

microfono_cantanti_libri

Era il 2006, il ricordo è un po’ annebbiato, frequentavo il liceo classico e in quel periodo avevo la fissa per le poesie di Charles Bukowski. Non chiedetemi come mai avessi idolatrato un ubriacone che tutto sommato non fu questo gran rivoluzionario. Vi prego, non fatelo. Essere giovani vuol dire commettere errori, sentenziò qualcuno. A quei tempi passavo i pomeriggi a girovagare per le librerie, invece che studiare. Un giorno, mentre spulciavo i nuovi volumi di Hank da acquistare, mi imbattei però in una raccolta di poesie di Ligabue. La copertina di un rosso acceso, sulla quale era stato stampato un frigorifero vintage, calamitò la mia curiosità. Presi il volume, lo sfogliai. Un sentimento di nausea improvvisa: Luciano scopiazzava lo stile di Bukowski, deturpando la memoria dello scrittore statunitense. Non perdonai mai quell’affronto e da allora non sopporto più l’autore di Certe notti. Per i più curiosi, la raccolta di poesie s’intitola Lettere d’amore nel frigo. 77 poesie (2006) pubblicata da Einaudi nella collana Super ET.

microfono

Dal 2006 mi faccio la seguente domanda: perché i cantanti si ostinano a pubblicare libri, quando palesemente non è quello il loro lavoro? Audacia artistica o mero marketing? Una questione che si rinnova ogni anno di fronte alle nuove ondate di cantanti famosi che per non si sa quale ragione decidono di buttarsi nelle vetrine delle librerie. Non ho intenzione di fare lo snob. Anche perché non ho mai letto un solo volume prodotto dai pezzi grossi della musica italiana.

Parlo di questo fenomeno poiché ultimamente una mia amica (la mitica Giuliona) mi ha fatto notare che alcuni musicisti della generazione Indie – cito l’etichetta musicale con tutti i limiti del contesto – hanno incominciato a pubblicizzare le loro fatiche letterarie su Instagram. Allo stesso modo, altri si sono cimentati, o si cimenteranno, in letture pubbliche – penso a Francesco De Leo e Miss Keta. Che c’è di male? Assolutamente nulla. Però il fenomeno mi incuriosisce.

La trasformazione editoriale in corso ha quindi portato in auge la narrativa dei cantanti, che però si discosta dalle solite raccolte di pensieri, impressioni e memorie a cui siamo stati abituati.

giphy3

Un nuovo scenario all’orizzonte: oggi i musicisti vogliono fare narrativa, raccontare storie attraverso il romanzo. Non so dirvi con precisione quando sia cominciata questa tendenza. Uno dei pionieri fu sicuramente Francesco Guccini, cantautore bolognese, che nel 1989 pubblicò il suo primo romanzo Cròniche Epafàniche con Feltrinelli. È diventato un bestseller. Da quel momento, secondo me, gli editori hanno compreso che i musicisti possiedono un pubblico interessato e affezionato, disposto a comprare un loro libro.

Baldini&Castoldi invece puntò su Luciano Ligabue che nel 1997 pubblicò il romanzo Fuori e dentro al borgo. Luciano ha collaborato anche con Feltrinelli, la quale ha distribuito nelle librerie italiane La neve se ne frega (2004). Il cantante romagnolo ha poi scritto altra narrativa per la casa editrice torinese Einaudi: Il rumore dei baci a vuoto (2012) e Scusate il disordine (2016).

Ci sarebbero altri cantanti mainstream da citare. Alcune veloci menzioni: Non si muore tutte le mattine (2004) di Vinicio Capossela per Feltrinelli, Viva tutto (2010) di Jovanotti per Add Editore, Lo spacciatore di carne (2012) di Giuliano Sangiorgi (Negramaro) per Einaudi e Cash (2018) di Francesco Silvestre (Modà) per Mondadori.

guitar

La ItMusic-Narrative ha però trovato terreno molto fertile nella scena indipendente. È indicativo in questo contesto un volume sfornato verso la fine del 2011 da Minimum Fax. Cosa volete sentire è un’antologia di racconti curata dalla traduttrice Chiara Baffa. All’interno del libro sono presenti dei testi scritti da 13 cantautori. Tra questi troviamo Vasco Brondi, Dente, Dimartino, Maria Antonietta, Perturbazione, Zen Circus, Brunori Sas, etc… A parte i progetti collettivi, gli esponenti della scena indipendente adorano lo stand-alone (perdonatemi l’uso improprio del termine).

Ecco l’elenco dei musicisti indie, o presunti tali, che si sono cimentati nella produzione di un’opera letteraria: la ItMusic-Narrative.

Francesco Bianconi dei Baustelle, Vasco Brondi delle Luci della Centrale Elettrica, Colapesce, Levante, Lo Stato Sociale, Matteo Mobrici dei Canova, Dente, Camillas, Cristiano Godano dei Marlene Kuntz, Myss Keta, Achille Lauro e Manuel Agnelli degli Afterhours.

Le case editrici sono sempre le solite. Tranne Colapesce che ha realizzato una graphic-novel La distanza, pubblicata da Bao Publishing, Francesco Bianconi (Baustelle) e Manuel Agnelli che hanno scritto dei romanzi con Mondadori. I Camillas invece hanno pubblicato La rivolta dello zuccherificio con Il Saggiatore e Dente ha creato un libro per i più piccoli Favole per bambini molto stanchi (2015) con Bompiani. Mentre Vasco Brondi è stato accolto da Dalai Editore.

Senza ricevere pietre da nessuno, tra i libri dei musicisti-autori inseriamo anche il poderoso Big Fish che nel suo Il direttore del circo. Come sopravvivere alla musica (Sperling & Kupfer) descrive il suo rapporto con la musica e la sua trentennale attività di producer. Il 16 marzo del 2020 Il Saggiatore ha invece pubblicato all’interno della collana La piccola cultura il viaggio sentimentale di un melomane e talentuoso cantautore chiamato Francesco Motta. Il suo libro s’intitola Vivere la musica. Samuel Romano, front-man dei Subsonica, insieme allo scrittore Mauro Garofalo ha invece dato alle stampe Come respirare. Discorso sulla musica e la sua anima (Mondadori), un volume dedicato all’emozioni e alla genuinità della composizione musicale. Il rapper Murubutu ha preso invece la tavolozza dei colori, creando una graphic novel intitolata Murubutu. Rapconti illustrati (Becco Giallo). Grazie al supporto di Ernesto Anderle, l’artista ha illustrato nel volume le sue canzoni più significative.

leggere

Tornando agli aspetti editoriali, Rizzoli ha un dominio indiscusso. Al secondo posto c’è Feltrinelli e al terzo Einaudi con Mondadori.

Francamente non so bene se questa sia una guida del panorama letterario dell’Indie italiano. Nel caso dovessero uscire aggiornamenti, provvederò a implementarla. Tuttavia mi sembra che i cantanti citati considerino il libro come un prodotto indirizzato a uno specifico pubblico, i propri fan. La ItMusic-Narrative, come ha spiegato il giornalista del Sole24Ore Andrea Tarabbia, non mira agli articoli da terza pagina ma punta piuttosto alle sezioni di cronaca e costume. La narrativa dei cantautori non rivoluziona ma si fa portatrice di citazioni e topos letterari stra-inflazionati. Nei romanzi della ItMusic-Narrative abbiamo solitamente l’eco dei temi trattati nelle canzoni degli autori.

Riconsiderando la domanda iniziale. Perché gli editori adottano questa strategia? Semplice, per intercettare nuovi pubblici, vista la nota carenza di lettori in Italia. Qualcuno definirà tutto ciò marketing, qualcun altro sopravvivenza dell’industria del libro.

Le fonti di questo post: Claudio Giunta, Rockit, AllSongs, Giuseppe Grattacaso, OsservatoriEsterni, Andrea Tarabbia.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...