Ragazzi privi d’innocenza

Recensione del romanzo “Ragazzi di vita” di Pier Paolo Pasolini, pubblicato da Garzanti

Annunci
copertina ragazzi di vita pasolini garzanti

C’era uno scrittore che non avevo mai decifrato e il suo primo romanzo l’ho letto a fine luglio. I motivi della repulsione erano molti, la maggior parte frutto di pregiudizi e superba ignoranza. Evitando le divagazioni, non voglio di certo fare il misterioso e strappo immediatamente la maschera all’autore imperscrutabile, protagonista di questo post. Sveliamone l’identità. Bolognese di nascita, romano d’adozione, ecco a voi Pier Paolo Pasolini.

Una lettura per nulla casuale. L’occasione è stata un esame universitario in cui si doveva scegliere un libro da una lista. Scopo finale? Analizzarlo criticamente davanti al professore. I titoli non mi entusiasmavano particolarmente ma uno ha catturato la mia attenzione: Ragazzi di vita (Garzanti). Perché non sperimentare la lettura di un romanzo neorealista, controverso, censurato e pubblicato da Garzanti nel 1955? Non dovevo neanche scomodarmi nel cercarlo in qualche libreria. Un mese prima l’avevo trovato su una bancarella del mercatino dell’usato, satura di classici ottocenteschi e novecenteschi. Un grande affare. Il romanzo d’esordio di Pasolini entrava a far parte della mia libreria a solo 1 €.

copertina ragazzi di vita pasolini romanzo garzanti

Mi trovo in difficoltà nel raccontarvi la trama perché una trama non c’è. Gianfranco Contini la etichettò come “epopea picaro-romanesca”. Il romanzo ha senza dubbio un impianto neorealista che si basa su un sistema di sequenze o episodi che si susseguono sfogliando le pagine, attraverso un linguaggio scarno e incentrato su dialoghi con brevi battute: veri e propri frammenti narrativi. L’unico personaggio chiave, non protagonista, è il Riccetto: un ragazzo sui 14 anni che vive nelle borgate romane. Pasolini crea, più corretto dire ricrea, quartieri popolari in stato d’abbandono che sono invasi da un sottoproletariato di Roma avido di benessere. Il narratore onnisciente non interviene mai, i riflettori sono puntati sulle vicende di un gruppo di ragazzetti con un loro caratteristico slang, infarcito di volgarità e dialettalismo romano. L’intuizione romanzesca è davvero impressionante. Pasolini pone davanti al lettore il problema del deterioramento dell’autenticità delle classi popolari che hanno ormai perso i caratteristici tratti identitari a causa del consumismo. Pasolini non ha intenzione di schernire o biasimare l’ignoranza popolana della povertà romana. Anzi, quello che gli interessa è lo slancio vitale dei ragazzini non ancora consapevoli della loro sfortuna e svantaggio. Seguendo le impressioni provocate da Ragazzi di Vita, potremmo dire che la nostra infelicità derivi dalla presa di coscienza di ciò che non possiamo avere, del lavoro che non avremo e dei partner impossibili da amare a causa del gap culturale. In fondo l’ideologia pasoliniana critica gli effetti corrosivi dell’imborghesimento.

E nei centri delle borgate, nei bivii, come lì al Tiburtino, la gente s’ammassava, correva, strillava, che pareva d’essere nei bassifondi di Shangai: pure nei posti più solitari c’era della confusione, con file di maschi che andavano in cerca di qualche zoccoletta, fermandosi a far due chiacchiere alle bottegucce dei meccanici ancora aperte, col Rumi di fuori

I ragazzi di vita di Pasolini sono ossessionati dal denaro, dal sesso e dalla fame. Vivono nella spensieratezza più totale senza riflettere sulle miserie della loro condizione sociale, nemmeno la morte fa così paura. La delinquenza non fa vergognare, è vissuta infatti come un atto dovuto per placare gli immediati bisogni della società dei consumi. Un altro aspetto che mi ha colpito è la sessualità deviata dei giovani personaggi: non conoscono il gentil amore ma solo impulsi erotici da appagare con qualche decrepita prostituta.

«Qua semo uno più morto de fame dell’artro,» fece ridendo Alduccio, con la sua bella faccia sformata da un ghigno di ironia rassegnata

Ragazzi di vita è un romanzo inquietante che getta un’ombra sul comportamento umano. Credo che non sia casuale l’incipit dedicato alla religione e il finale sulla morte. Come se la credenza religiosa sia uno strumento per avvicinarci alla nostra umanità, all’elaborazione del lutto di un esistenza destinata a terminare. Aspetto, questo, che non sarà stato il motivo per cui Pasolini abbia deciso di scrivere questo libro, tuttavia non si può rimanere indifferenti alla carica realistica dell’opera. Non mi sono pentito della scelta e credo che sia un libro da leggere per capire lo sperimentalismo pasoliniano nel quadro di uno sviluppo generale della letteratura e linguaggio italiani.

I ragazzetti romani sono un archetipo della società. La ferocia giovanile metropolitana che in gruppo diventa incontrollabile. Un aspetto della modernità tuttora in atto e di cui regolarmente abbiamo testimonianza sui giornali. Il controllo dell’inciviltà e degli impulsi renderanno meno originale il mondo in cui viviamo, ma credo sia necessario per il buon vivere comune.

Qui sotto trovate un podcast realizzato dal programma Wikiradio di Radio3 con il contributo di Marco Belpoliti.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...