Se paghi sei uno sfigato

La recensione del saggio “Pagare o non pagare” di Walter Siti, pubblicato da Nottetempo

Annunci
copertina pagare o non pagare siti

Pagare o non pagare (Nottetempo) di Walter Siti (Wikipedia) è un saggio sul denaro, o meglio, una riflessione sul valore dei soldi nella società di oggi. L’analisi di Siti si appoggia alla sua autobiografia, un percorso storico che aiuta il lettore a percepire con cognizione di causa i cambiamenti dell’economia italiana e globale. Voglio subito tranquillizzare coloro che non sanno un bel niente di economia: il libro non è scritto in una lingua arcana ma letteraria, si comprende tutto con facilità.

copertina pagare o non pagare

Che valore diamo ai soldi? Personalmente, ritengo che rappresentino più uno strumento che una ragione di vita. Non è così per tutti, lo so. Per un periodo sono stato ossessionato dal denaro e dai bilanci: un pensiero che mi ha stressato troppo. Così ho elaborato l’ossessione e mi sono messo il cuore in pace. Non rientrando nella categoria dei tirchi – bruttissima razza – ho accolto il mio lato spendaccione.

Pagare” è ormai un verbo sotto accusa: pagano sempre gli stessi, loro mangiano e noi paghiamo – indignazione digestiva da talk e telegiornali della sera

Molte persone non vogliono più spendere perché pagare qualcosa significa rientrare in una determinata classe sociale, quella dei comuni cittadini. Mi spiego meglio con un esempio. Pensiamo a un concerto. Per entrare ci sono due porte. La prima è quella principale che puoi varcare solo se hai comprato un biglietto, facendoti una coda immensa. La seconda è quella dei pass: corsia dedicata ai vip o comunque a personalità di rilievo, immediata e gratuita.

Pagare” è diventato un sigillo d’ingiustizia, la cicatrice d’uno sviluppo distorto e di un consumismo uscito dai cardini

Capite perché allora la gente non vuole più pagare? Pagare è da sfigati! Non pagare è da influencer, travolti dall’onda del successo!

Badate bene, Walter Siti non ha elaborato un’analisi cretina. Pensandoci sopra, le cose stanno proprio così. Me ne sono accorto anche grazie ai paragoni col passato presenti nel saggio. Questa tendenza ha però danneggiato il mondo del lavoro che ha subito i colpi della filosofia del gratis.

Nel capitolo L’economia del gratis Siti sostiene che un ventenne del 2018 abbia molte cose gratis a disposizione rispetto a un suo omologo del 1967: musica, notizie, film, divertimento, etc…

L’idea del “gratis” ha un grande fascino, ci ricorda l’infanzia e Babbo Natale, ci spinge d’impulso ad accettare quel che ci viene offerto anche se in fondo non ci va

Il beneficio gratuito ci rovina. Quando qualcuno ci regala qualcosa non lo fa mai senza interesse, è una legge del capitalismo. Facebook e Google distribuiscono gratuitamente i loro servizi a miliardi di persone ma in cambio ottengono dati preziosissimi sulle nostre abitudini di navigazione: informazioni che si trasformano in oro se vendute alle agenzie di marketing. Allora sarebbe meglio pagare, per tutelare noi stessi da subdoli abusi e per dare valore alle cose che acquistiamo, rendendoci più responsabili.

Infine, da giornalista, non posso che essere d’accordo con Walter Siti sulla tossicità del giornalismo gratis. Ecco cosa dice nella parte finale di Pagare o non pagare:

L’informazione deve essere libera” fu in quegli anni il grido della controcultura; ma quando nel 1984 Steward Brand scrive: «Da un lato l’informazione vuole essere costosa, perché ha molto valore, dall’altro vuole essere gratuita perché produrla sta diventando sempre più economico», ecco che l’ambiguità dell’inglese free esplode in tutte le sue contraddizioni. “Libero” e “gratis” solo apparentemente convergono: se l’informazione “ha molto valore”, perché la dritta giusta al momento giusto può portare enormi guadagni (interpellare in proposito qualsiasi broker o mediatore finanziario), allora il Potere cercherà di darti cose gratis per ottenere in cambio informazioni produttrici di valore – la gratuità, mascherata da libertà, diventa veicolo di effettiva dipendenza. La “schiavitù del free” sembra un ossimoro ma non lo è

Mi scuso con i lettori del blog per l’erronea pubblicazione di una bozza dell’articolo contenente alcuni refusi. Ho provveduto subito ad emendarla. Non era mia intenzione condividere un pezzo incompleto.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...