“Cuore” di De Amicis. Il libro dei giovani italiani

Recensione del libro “Cuore” di Edmondo De Amicis, pubblicato da Garzanti.

Annunci
copertina cuore de amicis

Su Cuore (Garzanti) di Edmondo De Amicis sono stati versati fiumi d’inchiostro, e ancora oggi si discute sull’utilità del testo. Girando a casaccio per il web, ho beccato molte recensioni che lo demoliscono: blogger davvero senza cuore e senza un’opportuna educazione letteraria. Che ci piaccia o meno, Cuore rimane un libro fondamentale della cultura italiana post-unitaria e anche il primo bestseller italiano della nostra moderna editoria.

copertina cuore de amicis

L’opera narrativa di De Amicis (biografia Wikipedia) ripercorre l’anno scolastico di Enrico Bottini, un ragazzino torinese che frequenta la quarta elementare. Attraverso le pagine del libro, in cui Enrico è il narratore interno, il lettore viene a conoscenza dei compagni di scuola e dei maestri del protagonista. Bottini appartiene a una famiglia borghese di Torino e rispetto alla maggior parte dei suoi amici non ha particolari problemi economici: può permettersi giocattoli e libri in abbondanza. Il racconto dell’anno scolastico è intervallato dalle lettere della madre e del padre del ragazzino: missive con cui i genitori educano il figlio ai valori della condivisione e della tolleranza. In questi testi, come nel resto del libro, sono presenti i precetti patriottici del risorgimento. Oltre ai consigli dei genitori, sono presenti anche delle novelle che rappresentano simbolicamente i valori del patriottismo: la storiella più famosa è quella della Vedetta lombarda, almeno dalle mie parti.

cuore de amicis

Enrico descrive minuziosamente il suo rapporto con i compagni di classe e permette così al lettore di percepire gli equilibri sociali di una classe delle elementari di fine ‘800. La trama non produce però ulteriori sorprese: l’inizio e la fine della narrazione coincidono con lo svolgimento dell’anno scolastico.

De Amicis, come scrive nelle lettere al suo editore, concepisce un ‘opera adatta ai più piccoli. Lo scrittore sosteneva che nelle librerie italiane ci fossero poche pubblicazioni per bambini. Cuore dunque va letto in questa prospettiva: un libro costruito a tavolino per catturare l’attenzione dei giovanissimi lettori.

In quest’ottica, non mi hanno sconvolto gli elogi al corpo insegnante ottocentesco:

Ama il tuo maestro, perché appartiene a quella grande famiglia di cinquantamila insegnanti elementari, sparsi per tutta l’Italia, i quali sono come i padri intellettuali dei milioni di ragazzi che crescono con te, i lavoratori mal riconosciuti e mal ricompensati, che preparano al nostro paese un popolo migliore del presente.

Nemmeno si risparmiano le lodi allo stato italiano, che raggiungono l’apice nel capitolo sulla morte di Garibaldi:

Oggi è lutto nazionale. Ieri sera è morto Garibaldi. Sai chi era? È quello che affrancò dieci milioni di italiani dalla tirannia dei Borboni. È morto a 75 anni […] sui campi di battaglia era un fulmine, negli affetti un fanciullo, nei dolori un santo. Mille italiani sono morti per la patria, felici morendo di vederlo passar di lontano vittorioso migliaia si sarebbero fatti uccidere per lui; milioni lo benedissero e lo benediranno.

garibaldiIl capitolo di Cuore che mi è piaciuto di più è La libreria di Sardi. Questa parte del libro si addentra nella passione di un ragazzino bibliofilo, compagno di classe di Enrico. De Amicis tratteggia i vezzi del precoce amante di libri: l’organizzazione maniacale dei volumi, le costanti spese dal libraio, la redazione di un catalogo immaginario. La fissa di Sardi mi ha colpito, forse perché m’identifico in lui, e credo anche voi lo farete, se avete letto o un giorno leggerete questa sezione del libro:

È come un bibliotecario. Sempre sta attorno ai suoi libri, a spolverarli, a sfogliarli, a esaminare le legature; bisogna vedere con che cura gli apre, con quelle sue mani corte e grosse, soffiando tra le pagine: paiono lisciarlo, a metterlo al posto e a riprenderlo per guardarlo per tutti i versi e a covarselo come un tesoro

Due parole sul titolo però vorrei spenderle. Sempre in una lettera al suo editore Emilio Treves, De Amicis spiega il motivo e l’interpretazione della parola “cuore”. Lo scrittore sostiene che nell’età dell’innocenza i bambini utilizzino soprattutto le emozioni e gli istinti per interpretare il mondo. Con l’avvento dell’età adulta, invece, il cuore viene messo da parte per far spazio alla ragione. Inoltre il titolo richiama il tono del contenuto, che il più delle volte è melodrammatico e commovente: le disgrazie dei bambini vengono declinate in tutte le direzioni – povertà, malattie, morte.

Chiaro che Cuore di De Amicis non sia il romanzo più avvincente di questo secolo ma tuttavia rimane un opera fondamentale per ricordarci gli sforzi e i sentimenti dei padri fondatori nel creare un’Italia unita: progetto più strutturato allora che oggi, nonostante l’abbattimento di ogni barriera fisica e temporale introdotto dall’avvento delle nuove tecnologie nell’epoca moderna.

Il libro fa parte della lista Dorfles.

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...