“Il diario” di Anna Frank

Recensione del “Diario” di Anne Frank, pubblicato da Einaudi.

copertina anna frank

Il diario di Anna Frank (Einaudi) non è solo una testimonianza preziosa sulla persecuzione degli ebrei durante la seconda guerra mondiale, ma è anche e soprattutto un inno alla vita. In questo libro – pubblicato per la prima volta nel 1947 – una giovanissima Anna racconta l’improvvisa fuga da casa sua nel 1942 per rifugiarsi in un magazzino con la propria famiglia e altre quattro persone.

copertina diario anne frankSiamo ad Amsterdam, i tedeschi hanno occupato i Paesi Bassi e gli ebrei non possono più condurre una vita sicura: da tempo il nucleo famigliare dei Frank indossa la stella gialla di David e non può accedere a molti luoghi pubblici, come le scuole, le biblioteche, i circoli di tennis. Dal diario si evince molto bene che il padre di Anna aveva previsto la drammatica situazione e si era perciò impegnato ad allestire un rifugio per nascondere la moglie e le due figlie, Anna e Margot. Il rifugio ha tutti gli agi di una casa normale e può contare sul rifornimento di cibo e di oggetti di prima necessità grazie alla generosa collaborazione di alcuni colleghi del padre di Anna. L’autrice del diario non esce dal nascondiglio per molto tempo, un’alienazione coatta che dura due anni, dal 1942 al 1944.

Un diario sulla maturazione di un’adolescente

Durante la salvifica prigionia, Anna sente il bisogno di intraprendere un discorso con qualcuno: la ragazzina desidera avere un’amica a cui confidare ogni suo pensiero e umore. Kitty, il nome del diario di Anna Frank, nasce da questa urgenza. La scrittura di Anna è chiara e lucida: non è per nulla improvvisata; anzi, è la stessa Anna che più volte dichiara che la stesura dei suoi pensieri sono un ottimo esercizio per far maturare il suo cervello e il suo stile. La giovane ebrea sogna di diventare una scrittrice/giornalista.

diarioIl diario contiene anche il resoconto di tutti i litigi, le gioie, l’amore per Peter e le incomprensioni che gravitano nell’alloggio segreto. Anna è una ragazzina molto sveglia e arguta. La sua vitalità è però spesso in contrasto con le aspettative della madre che desidera una Anna “più ubbidiente e meno sfacciata”. Intanto nell’alloggio arrivano le notizie dal mondo esterno che, a giorni alterni, portano speranze e delusioni riguardo alla fine della guerra. Il testo di Anna è la dimostrazione che gli ebrei (e tutti gli altri) sapevano benissimo quali fossero i fini dei nazisti: «Spesso le SS vanno anche in giro con delle liste e suonano solo dove sanno di trovare un ricco bottino. Spesso si paga una cifra, tanto a testa. È come la caccia agli schiavi che si faceva un tempo. Però non è affatto uno scherzo, è troppo triste […] Non si salva nessuno, vecchi, bambini, neonati, donne incinte, malati, tutti, tutti camminano insieme verso la morte […] Io stessa ho paura se penso a tutti quelli cui mi sentivo così intimamente legata e che adesso sono in mano ai più crudeli carnefici mai esistiti. E tutto solo perché sono ebrei».

Il microcosmo di Anna Frank

Come hanno sottolineato diversi critici letterari, Anna è molto abile a cogliere un microcosmo dell’alloggio segreto: c’è chi ruba, chi offende e c’è un conflitto generazionale: i grandi non comprendono appieno i bisogni dei giovani e viceversa. I giorni passano e le strade olandesi diventano un inferno. Sparatorie, furti e risse sono gli eventi che i rifugiati osservano dalla loro piccola finestra. Per non parlare poi delle bombe che gettano estremo sconforto sull’intera comunità clandestina. Anna sa benissimo quale sia il suo destino. La deportazione e il ritrovamento dell’alloggio segreto da parte delle SS sono nell’aria, ma l’autrice del diario non demorde.

foto cannone in miniaturaLa giovane ebrea è piena di speranza e la persecuzione per lei è solo un elemento di maturità per apprezzare in profondità la meraviglia della natura. Anna nel suo diario critica l’indifferenza degli uomini e da vera intellettuale delinea le cause e le conseguenze della guerra: «A cosa serve mai la guerra, perché la gente non può vivere insieme tranquilla, perché tutto deve essere devastato? […] Perché ogni giorno si spendono milioni per la guerra e non c’è un centesimo per l’assistenza medica, gli artisti e la povera gente? […] Non credo che la guerra sia causata solo dagli uomini grandi, dai governanti e dai capitalisti. No, il piccolo uomo la fa altrettanto volentieri, altrimenti i popoli si sarebbero ribellati già da molto tempo! Nell’uomo c’è proprio l’impulso di distruggere, di uccidere, di assassinare e infierire, e finché tutta l’umanità, senza eccezioni, non avrà subito una grande metamorfosi, la guerra continuerà a infuriare, e tutto quello che è stato costruito, coltivato e cresciuto, sarà di nuovo distrutto e disintegrato, per poi cominciare da capo!».

Il libro fa parte della lista Dorfles e qui sotto trovate un bel podcast prodotto da Radio3 che è dedicato al Diario di Anna Frank.

 

Autore: Paolo Castellano

Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...