La nostra società e la bibliografia: il futuro è la reinterpretazione del passato

Ed eccoci all’ultimo capitolo di Bibliografia e sociologia dei testi di Donald McKenzie. È stato un percorso abbastanza impervio ma mi fa piacere che alcuni di voi abbiano apprezzato il mio sforzo nel raccontare questo fondamentale testo sulla storia dei libri.

Il terzo capitolo è intitolato Dialettica della bibliografia di oggi e a grandi linee parla della forma del testo e dei vari ambienti culturali a cui può essere applicata. McKenzie torna su un concetto che abbiamo già visto nei precedenti articoli (I testi ci parlano. I libri vanno interpretati e La bibliografia non dovrebbe occuparsi solo di libri): i testi non sono esclusivamente dei libri.

bibliografiaL’autore parla infatti di due concetti di testo: uno è suggellato dall’autore conchiuso in sé stesso e storicamente definibile; l’altro rimane sempre incompleto, aperto e sempre interpretabile. Nel primo caso c’è bisogno dello storico che cerca di riportare oggettivamente gli intenti dell’autore, le funzioni espressive del testo tenendo conto della sua ricezione.

«Il testo è da considerare un fatto bibliografico perché è localizzato, descritto, datato, attribuito a un autore e interpretato»

La bibliografia non fa altro che pescare questi testi dal passato e conservarli per le possibili future interpretazioni tenendo conto però di quelle precedenti.

McKenzie per avvalorare questa sua tesi cita due autori come John Locke e James Joyce. Locke diceva, nei suoi studi su San Paolo, che la veste tipografica di un testo può occultare il suo messaggio. Perciò la forma in cui un testo viene stampato influenza i possibili modi di lettura, inoltre può portare delle discordie sociali sulla sua corretta interpretazione: emblematico è il caso delle Bibbia.

Si può dunque affermare che la veste tipografica di un’opera dovrebbe essere concepita per esaltare e rendere fruibile il ragionamento dell’autore e non per stravolgerlo e strumentalizzarlo. Joyce infatti aveva concepito l’Ulisse in un modo tale che anche la veste tipografica aggiungesse un ulteriore significato al testo in sé per sé.

Lo storico del libro ritiene dunque che i libri possano essere forme espressive di qualche sottigliezza, e una pratica editoriale che ignora questo fatto probabilmente produrrà un testo carente per i parametri dell’autore.

Nessun testo di una qualche complessità può offrire un significato definitivo. Quando leggiamo o confrontiamo un testo, in pratica lo riscriviamo e gli diamo un significato in più. La bibliografia quindi deve occuparsi di tutti i testi registrati e può determinare il carattere unico e irripetibile di un singolo testo, di rilevare tutte le dimensioni intertestuali: in sintesi registrare e spiegare le forme materiali che mediano il significato. Come abbiamo già visto, la disciplina bibliografica accetta la costruzione di nuovi testi e delle loro forme interessandosi ai testi come prodotti sociali.

Ora però analizziamo quella apparente anomalia che conosciamo come sotto-categoria di testi non-libri. Possiamo utilizzare questa categoria per i testi orali, le immagini a stampa, o la fotografia che nella nostra società sono aspetti rilevanti per la comunicazione. La bibliografia si deve dunque occupare anche di questi testi non-scritti come dvd, siti web, videoclip, podcast, etc… Volendo i metodi bibliografici possono essere applicati anche al cinema.

512bdepd0byl-_sx322_bo1204203200_

Bibliografia e sociologia dei testi

Quali possono essere i nostri archivi? Le biblioteche devono accogliere tutte le tipologie di “testi” in un ordine razionale, stabile, coerente e nello stesso tempo queste risorse devono essere socialmente accessibili.

Ormai nella società di oggi emerge il principio secondo cui si compra l’accesso e non l’oggetto: ormai non compriamo il libro in sé ma il tempo necessario per leggerlo.

Nell’ultima parte di questo capitolo McKenzie si chiede se ci sia un declino del libro: «No. Perché il testo sta prendendo altre forme. Il principio della registrazione e dell’accesso al catalogo e al possesso non è cambiato ma si è affinato».

Questi tre capitoletti offrono dunque un modello culturale che dovrebbe essere adottato da un’istituzione statale perché la prospettiva commerciale non ha interesse a occuparsi del passato. Però ci sono ancora molti ostacoli da superare per raggiungere i traguardi di McKenzie e i principali punti di discussione sono il copyright, l’archiviazione e l’accessibilità dei materiali.

Le biblioteche che non ricercano il profitto mantengono vivo l’interesse pubblico per la conservazione di questi testi: ne garantiranno l’autenticità e assicureranno la loro accessibilità.

Il messaggio principale di questo testo è che i libri non sono sempre sufficienti e proprio per questo c’è la necessità di plasmare un nuovo pensiero bibliografico al passo coi tempi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...