Il futuro dei libri. Cosa si diceva nel 2010

Recensione di “Che fine faranno i libri?” Un breve saggio scritto da Francesco M. Cataluccio e pubblicato da Nottetempo

Annunci
foto di libri

In questo ultimo post vorrei parlare dell’editoria dei nostri tempi. Mi stacco momentaneamente dai soliti discorsi accademici per immergermi nell’attualità. L’oggetto di questa breve discussione sarà il “futuro del libro”. Partiamo subito con una provocazione: le previsioni di qualche anno fa sull’industria editoriale si sono rivelate fondate o infondate di fronte alle drammatiche statistiche di lettura che abbiamo oggi?

La settimana scorsa sono stato alla fiera libraria degli editori indipendenti di Milano. Il Book Pride di quest’anno si è allargato e ha ospitato molte case editrici di cui ignoravo l’esistenza. Ovviamente, durante il mio girovagare, ho spulciato i volumi di quegli editori che già conoscevo, per poter andare a colpo sicuro nell’acquisto di qualche titolo interessante.

Così è stato per Che fine faranno i libri? di Francesco Cataluccio, un piccolo libretto di 60 pagine inserito nella collana “gransasso” di Nottetempo. La pubblicazione è un po’ datata, infatti risale al 2010, ma non obsoleta, e in essa Cataluccio, in qualità di ex-direttore delle case editrici Bruno Mondadori e Bollati Boringhieri, s’interroga sul destino del libro e in particolare sul futuro dei libri digitali.

copertina che fine faranno i libri Cataluccio«Ci sarà ovviamente un periodo intermedio in cui i due sistemi librari (analogico e digitale) conviveranno. A coloro che hanno oggi più di 15 anni piacerà continuare a maneggiare anche i libri cartacei. Noi più anziani ci ostineremo addirittura nella ricerca di vecchi libri (che saranno quelli della nostra gioventù sui quali ci siamo divertiti ed educati)»

cataluccio_francesco_green_555
Francesco Cataluccio – editore e scrittore

 

Considerando le parole di Cataluccio, possiamo dire senza problemi che in questi 7 anni la sua profezia editoriale non si sia verificata.

La diffusione dei device atti a leggere gli eBook non hanno per nulla scalfito le obbrobriose statistiche di lettura della penisola italiana. D’altro canto, c’è un fondo di verità nell’opinione di Cataluccio. Le nuove generazioni tendono a leggere testi e generi nati e cresciuti sul web. Mi riferisco a siti come Wattpad, che macinano visite consistenti perché ospitano sulle loro piattaforme manoscritti (di dubbia o comunque di scarsa qualità) prodotti da giovani ragazzi o da grafomani. Due categorie che non accosterei a quelle riservate agli scrittori o autori.

L’utenza di Wattpad è però anche la generazione di lettori che spende per acquistare gli illeggibili libri-cartacei-volantini degli youtubers. Su questo fenomeno ho scritto un articolo che descrive i meccanismi che stanno dietro ai “libroidi” delle star di Youtube.

Quindi né io e né Cataluccio siamo in grado di dirvi se ci sia una luce in fondo al tunnel o almeno una generosa confezione di fazzoletti in questa valle di lacrime.

Riporto allora una passaggio un interessante elenco delle professioni che secondo Cataluccio spariranno o si rafforzeranno con lo sviluppo digitale:

  • Gli editori saranno sempre necessari, anche in assenza di libri di carta.
  • Gli autori renderanno i libri elettronici aperti a infiniti percorsi narrativi e di approfondimento.
  • I traduttori rimarranno figure centrali dell’industria libraria.
  • Ci sarà sempre bisogno dei redattori e degli impaginatori.
  • I grafici prenderanno il controllo sulle copertine.
  • Gli stampatori purtroppo spariranno.
  • Spariranno anche i promotori.
  • I distributori e i magazzini diverranno totalmente virtuali, con grandi risparmi di spazio e tempi di movimentazione dei volumi.
  • Gli uffici stampa dovranno affrontare la sfida della promozione del libro elettronico.
  • Le librerie sopravviveranno per qualche tempo.

Cataluccio infine termina il suo scritto di previsioni sostenendo che, qualsiasi forma acquisirà il libro, gli editori dovranno essere responsabili e favorire la conoscenza come bene comune”.

Autore: Paolo Castellano

Aspirante intellettuale. Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

2 pensieri riguardo “Il futuro dei libri. Cosa si diceva nel 2010”

  1. Cara Carla,

    gli ultimi dati dell’editoria americana dimostrano che c’è un’inversione di tendenza: le vendite degli eBook sono calate, mentre quelle del cartaceo crescono soprattutto nel settore accademico. Però ci troviamo ancora in una situazione precaria che potrebbe essere sconvolta dall’innovazione tecnologica. I moderni device di lettura sono obsoleti e inutili, ma la situazione potrebbe cambiare. Vedremo cosa succederà. Cercherò di aggiornarti con qualche post sul futuro dell’editoria.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...