La bibliografia non dovrebbe occuparsi solo di libri

Dopo I testi ci parlano. I libri vanno interpretati vorrei continuare le mie riflessioni sul volume di Donald McKenzie Bibliografia e sociologia dei testi.

In questo post cercherò di spiegare per quale motivo la bibliografia dovrebbe occuparsi di altri prodotti culturali, oltre i libri, che possiamo considerare come dei testi.

61uagsumqbl-_sx335_bo1204203200_

Edizione Italiana di Bibliografia e sociologia dei testi

Utilizzando un’invenzione letteraria di Milton, la fiala infranta è una metafora per esprimere il valore della conoscenza. Fino a poco tempo fa si è sempre considerato il libro come la quintessenza dell’intelletto. Ma non è propriamente così. Quando un autore scrive un libro e lo propone ad un editore sa perfettamente che il suo manoscritto subirà una mutazione sia a livello tipografico che testuale. Vogliamo parlare poi delle traduzioni? Per un traduttore è impossibile riportare in forma integrale il messaggio di un’opera. La mediazione comporta una perdita di informazioni durante la trasmissione e il termine tecnico è “Transmission Loss”.

Però i testi possono esistere solamente sotto forma di libri? Se assistiamo ad una conferenza o guardiamo un film ci troviamo di fronte ad un’altra forma di testo?

Secondo McKenzie sì.

I cineasti e i registi quando analizzano una pellicola utilizzano un linguaggio cinematografico e per loro è normale considerare le immagini come simbolo di un codice che utilizzato in un determinato modo può avere un significato preciso come la disposizione delle parole stampate o manoscritte su un supporto cartaceo.

Quello che McKenzie ci vuole dire è che la bibliografia dovrebbe considerare come testi anche tutti linguaggi formalizzati come quelli geografici, cinematografici, tipografici, grafici, algebrici, etc…

Quindi un testo può avere molte forme.

52790ccdfb429ace45bf73f5b0f75dbc13dbc871_carte-geografiche-antiche

Cartina geografica come esempio di testo

Se consideriamo la bozza di un libro dovremo tenere presente che non possediamo un documento fisso e stabile perché il testo più aperto e instabile è proprio rappresentato dalla revisione. Ogni bozza dunque ha una sua struttura e una sua identità precisa nella cronistoria della produzione di un libro. Bisogna quindi predisporre un ambiente in grado di raccoglierle poiché rappresentano una testimonianza fondamentale per capire le intenzioni di uno scrittore. Gli archivi servono proprio per questo motivo.

Le versioni sono non soltanto testimonianze distinte ma anche eloquenti di una precisa serie di significati in successivi momenti storici. Un’opera teatrale come tale è un archetipo e da essa si creeranno sempre nuove versioni per volontà dei futuri curatori, delle generazioni dei lettori e dei nuovi scrittori. Un curatore dovrebbe conoscere tutte queste variazioni storiche per comprendere in pieno cosa lo scrittore avesse in mente indagando il volere dell’autore e le trasformazioni testuali della sua opera.

I testi dovranno essere concepiti sotto molteplici e differenti tipologie materiali. Inoltre ricordo che McKenzie discorre di sociologia del libro perché l’opera ha implicazioni di carattere sociale, economico e politico.

Ciò che costituisce un testo non è la presenza di elementi linguistici, bensì l’atto della sua costruzione interpretativa. Le carte geografiche sono infatti un testo e come i libri hanno dei principi bibliografici […]

I segni, verbali e non verbali che siano, a volte esprimono significati ideologici. Possono trasformarsi in potenti strumenti di controllo politico e manifestare aspirazioni politiche

McKenzie in sostanza dunque dice che la bibliografia non può concentrarsi solo sui libri ma sulla molteplicità delle forme del testo: «I testi sono visti come prodotti potenziali non come determinati e fissati in uno specifico mezzo espressivo. Tutte le versioni implicano una forma ideale che non è mai pienamente realizzata, bensì solo in parte percepita ed espressa da ciascuna».

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...