Editoria Multimediale. Quello che non sappiamo (I parte)

Mi bastano davvero due righe per spiegare questo titolo. Da questo venerdì fino a maggio pubblicherò contenuti incentrati sull’editoria multimediale. Cercherò di illustrarvi ciò che ho appreso leggendo diversi testi che analizzano questo argomento.

Prima di affrontare i temi più caldi dell’editoria digitale devo incominciare a parlare di un termine che ha rivoluzionato la mia e la nostra scrittura: l’ipertesto.

Che cos’è allora questo ipertesto? Un ipertesto è una serie di documenti collegati tra loro tramite una parola chiave. Faccio un esempio pratico. Se ora parlo di web posso citare un mio vecchio articolo e proporvelo tramite parola chiave o concetto: scrittura nel web.

tednel_c_web_by_laemeur-d68gkz6

Theodor Nelson

Quando leggiamo un libro, la lettura del testo è normale. Invece in un ipertesto si procede da un nodo all’altro tramite hyperlink.Uno dei grandi teorici del web, Theodor Nelson nel 1977 diceva che la sequenza unica in un testo non va bene a tutti perché è frutto delle scelte di un autore che possono non essere condivise dal lettore. Umberto Eco invece diceva che più collegamenti ci sono e più ci sembra di avere una parvenza di libertà ma in realtà siamo sempre obbligati a fare un determinato percorso.

Nelson sosteneva inoltre che un testo non sequenziale tende a ramificarsi e permette al lettore di effettuare delle scelte personali e questa tipologia di testo è adatta soprattutto per uno schermo interattivo, e tale affermazione fu fatta nel 1965.

Ipertesto quindi è un termine inventato da Nelson che lo definì come “una serie di pezzi di testo, collegati fra loro, che favoriscono un percorso di lettura”.

Però nel tempo sono state formulate altre definizioni di ipertesto. George P. Landow sosteneva inoltre che un ipertesto fossero dei blocchi di testo legati tra di loro attraverso collegamenti elettronici.

Jean Clément parla di ipertesto narrativo arrivando a definire il romanzo ipertestuale che può essere costruito da documenti non gerarchizzati che il lettore può attivare e permette un rapido accesso a ciascuno degli elementi costitutivi dell’insieme. 

Francesca Tomasi ha semplificato ulteriormente le cose e ha definito l’ipertesto come ogni forma di testualità che si presenta suddivisa in blocchi collegati fra loro con dei link.

ipertestoNelson inoltre parlò anche di Ipermedium e riprendo dunque la definizione di Wikipedia che dice: “Ipermedia o ipermedialità è un termine generico, derivato da ipertesto, che integra una raccolta di informazioni eterogenee, quali grafica, audio, video e testo, connessi tra loro in maniera non sequenziale. Il termine è un’evoluzione del termine multimedia, o multimedialità . Questo vocabolo venne usato per la prima volta da Ted Nelson in un articolo del 1965. Un classico esempio è il World Wide Web“.

Ci sono tre forme di ipertesto:

  • a struttura assiale, è simile a quella che troviamo nei libri, per esempio le note. E’ una struttura poco più complessa del libro di carta.
  • a struttura gerarchica, ci sono almeno nodi di tre livelli, per capirci il modello è quello del sito e della sua homepage. Viene utilizzata in ambito didattico per dare completezza all’informazione.
  • a struttura a rete, nasce in ambito pubblicitario e appare su Amazon quando ci vengono suggeriti gli acquisti. E’ un metodo utilizzato per farci comprare. In questa struttura un nodo finisce nell’altro ed è la struttura adatta per gli smartphone perché richiede minori click rispetto alla struttura gerarchica.

L’ingegnere e tecnologo americano Vannevar Bush fu il primo nel dopoguerra a concepire l’idea di ipertesto che usò per decriptare i messaggi dei nemici mentre lavorava nell’esercito americano. In un suo articolo, As We may Think, afferma che la mente umana impara attraverso associazioni libere, non in modo rigoroso e sequenziale. Bush costruì una macchina ipertestuale, Memex, concepita come estensione della memoria umana.

Nelson invece ideò Xanadu, una struttura digitale in tre dimensioni, un semicerchio in cui posso muovermi e avvicinarmi ai documenti, e le parole chiave sono collegate tra loro attraverso fasci di luce (i link). I collegamenti di Nelson sono permanenti, bidirezionali e i link sono semantici. Egli afferma che per realizzare un modello del genere sia necessario identificare la fonte e poi gestire le versioni. Xanadu generò quello che oggi conosciamo come Web.

L’ipertesto può anche essere utilizzato per creare dei romanzi. L’Ipertesto Letterario ha la seguente definizione secondo Wikipedia: “Il termine romanzo ipertestuale in letteratura indica le opere ottenute dalla commistione tra romanzo e ipertesto. In qualche modo queste opere sono chiamate anche iperromanzi, come erano stati definiti da Italo Calvino prima dell’uscita dell’ipertesto dagli ambienti di ricerca. In genere con il termine iperromanzo si vuole indicare il contenuto corrispondente a certe caratteristiche di complessità, sia esso sviluppato su libro oppure su un supporto informatico; con il termine romanzo ipertestuale si indica invece la modalità elettronica e ipertestuale dell’opera di narrativa, in qualche modo indipendentemente dai suoi contenuti. Un iperromanzo realizzato in forma di romanzo ipertestuale riesce a raggiungere la sua forma più compiuta, evidenziando tramite hyperlink tutti i legami che sono intrinseci a un’opera di questo tipo ha assunto un significato più specifico e legato non solo ai contenuti del romanzo ma anche alla sua forma.

Nei romanzi ipertestuali il lettore può leggere il contenuto di una pagina (mutuando un termine di Roland Barthes tale unità di testo è stata chiamata lessìa) e, per poter proseguire la lettura, si trova a dovere scegliere quale hyperlink seguire per passare alla pagina (lessia) successiva, in tale modo realizzando un proprio percorso personale all’interno della serie di elementi predisposti e tra di loro relazionati dall’autore. Quando i romanzi ipertestuali sono realizzati con supporti informatici possono anche includere suoni, immagini, filmati e altre applicazioni, diventando così dei romanzi ipertestuali multimediali (in inglese anche chiamati hypermedia). Un romanzo ipertestuale, se costruito con una struttura complessa e a maglia, e non banalmente con una sequenza di pagine legate tra di loro in modo sequenziale, automaticamente realizza alcuni dei punti indicati da Calvino come caratteristici dell’iperromanzo”.

Il primo esempio concreto di ipertesto letterario è Afternoon, a story di Michael Joyce pubblicato nel 1990 dalla casa editrice EastGate. Su internet si dovrebbe trovare gratuitamente per Twelve Blue di Joyce. Questi romanzi sono stati creati con un software chiamato StorySpace che costa molto. L’alternativa gratuita e più performante è Twine ed è un programma usato per fare storytelling.

So che questa parte è stata un po’ noiosa ma nella prossima parleremo di Ebook.

Annunci

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...