filtro

Il filtro di Facebook ci toglie la libertà di pensiero?

In questo ultimo periodo sono ossessionato da Facebook. Voglio sapere, con tutto il mio cuore, se mi stia fregando oppure no. Per me la chiarezza è molto importante, anche se l’entità con cui mi relaziono è rappresentata da una massa di dati e di sistemi matematici.

d3bvf21Il social network inventato da Mark Zuckerberg, che si veste sempre uguale, ha distrutto le nostre vite e ha incatenato con furbizia anche il sistema editoriale nazionale e internazionale. Dunque non c’è da scandalizzarsi nel vedere una rapper da strapazzo chiamato “Bello fi gu” dibattere in prima serata su Rete 4 con il politico urlante di turno su temi come l’immigrazione, il referendum o il femminicidio. Un fenomeno del tutto normale al tempo dei like: più ne hai e più hai la possibilità di crossmediare.

Il grande social network è perciò un grande contenitore che produce in diretta e in tempo reale contenuti, commenti e dati preziosissimi. Leggendo Senza Filtro di Alessandro Gazoia ci si accorge infatti di come sia mutata l’informazione: «Il consumo di notizie nel mondo sta subendo due mutamenti fondamentali. Il primo riguarda la crescita di un pubblico che consulta i giornali attraverso i telefoni e i dispositivi mobili; l’altro, connesso al precedente, è l’aumento delle persone che leggono o guardano le notizie attraverso le piattaforme sociali come Facebook, Youtube, Snapchat, Whatsapp o Twitter». Tra questi colossi, forse il più corretto è Twitter e infatti attualmente è in forte crisi.

gazoia_senzafiltro_3d_tn_150_173

Sempre in Senza Filtro si legge: «Twitter, Facebook e Google hanno un controllo incredibile e preoccupante su quali informazioni noi, impresa dei media o semplice utente, possiamo vedere e condividere. Gli abbiamo dato un’enorme fiducia, che deve essere guadagnata e confermata con regolarità. Se Twitter ha deciso di prendere decisioni editoriali, anche in senso limitato, è fondamentale che i suoi criteri siano esposti in anticipo, in modo chiaro e aperto, e che siano applicati in modo coerente e corretto».

focusfacebookVe lo dico subito: questo non avverrà mai. Non succederà perché gli algoritmi che fanno funzionare queste piattaforme sono segreti. Dunque non sapremo mai come lavori il nostro social di riferimento. Secondo un articolo intitolato La gabbia d’oro di Facebook, apparso sul numero di dicembre di “Focus”, noi vivremmo in una sorta di bolla che ci isolerebbe dalle cose che non ci piacciono; l’algoritmo infatti s’industria a scandagliare le notizie presenti sulla piattaforma e a filtrarle attraverso i nostri dati: nel mia bacheca c’è e ci sarà sempre il mio punto di vista e non altro.

Questo è molto pericoloso e problematico perché non stimola la tolleranza e la curiosità. Il procedimento di Facebook ci porterà via le poche idee che ci sono rimaste nel cervello?

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...