Blog, che medium sto usando?

Prima o poi doveva avvenire. È ormai un annetto buono che aggiorno regolarmente il mio spazio di scrittura definito blog (altri potrebbero chiamarlo bleahg con una chiara sfumatura negativa). Come sapranno alcuni miei lettori, in questo periodo sono in piena crisi a causa dalla redazione della tesi universitaria.

Dunque sto approfondendo molto il macro-argomento del giornalismo. E’ accaduto però che durante le mie letture mi sia imbattuto in un capitolo molto interessante dedicato ai blog. Il mio testo di riferimento è questo manuale di giornalismo digitale.

dribbble-apple-flat-devices-episode2-psd-by-pierre-borodinIl manuale è davvero scritto bene, al suo interno è presente sia una parte teorica che una parte pratica o comunque vengono condivisi dei consigli pragmatici sulla scrittura virtuale. Poi, cosa che non è affatto in secondo piano, ho molto gradito  la copertina: minimalista, verdeacqua, un colore che mi piace molto e poi al centro della cover una gradevole macchina da scrivere ottocentesca.

Tralasciando i giudizi sul design della copertina, verso la fine del manuale c’è una sezione dedicata alla scrittura giornalistica effettuata con delle piattaforme che ci permettono, gratuitamente o meno, di fare blogging. Da questa sezione del manuale ho rispolverato alcuni concetti che ora vorrei illustrarvi.

Dobbiamo partire dal presupposto che attualmente quello dei blog è un campo vasto e variegato. Quando scriviamo un blog vogliamo offrire ai nostri lettori un’analisi interessante sugli aspetti della nostra quotidianità che conosciamo bene o che vogliamo approfondire. La mia docente di linguistica dei media li definirebbe dei media diversificati sia da un punto di vista diamesico che diafasico. Però sorvoliamo sulle definizioni accademiche.

Devo dire che il blog è una forma innovativa d’espressione perché non è mai esistita prima dell’avvento del web. Blog deriva dalla parola web-log, ovvero “diario o traccia nella rete”. Insomma una persona incomincia a fare blogging se vuole veicolare il proprio punto di vista e dialogare con i propri utenti su un determinato tema. Lo stile di questa tipologia di scrittura è molto personale e la forma tende al colloquiale, ma non troppo. Dico così, perché ormai il dialogo da piazza, in questo caso virtuale, si verifica nei social network dove chiunque può postare un commento.

rsz_53_dmvjdg9yxzm0mgPerò nell’ultimo periodo i blog si stanno specializzando.  Vanno molto forte quelli dedicati ad argomenti di nicchia o comunque a temi molto precisi. I blog in crisi forse riguardano le omonime sezioni delle grandi testate. Quanti di noi ormai li leggono? Pochi, credo.

Veniamo allora alla domanda delle domande: perché si dovrebbe aprire un blog?

La prima risposta che nasce in me è la seguente: per allenarsi a scrivere e a dialogare con persone che solitamente sono più preparate dell’autore.

La seconda invece riguarda la visibilità e nessun guadagno; se non siete Linus, scordatevi di diventare milionari, non è questa la via giusta. La ricompensa del vostro lavoro sarà l’esperienza e il valore dei contenuti che saprete creare.

Advertisements

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...