Cronaca degli ultimi due giorni di BookCity 2016

In questo post voglio riassumere gli eventi che ho seguito sabato 19 e domenica 20 novembre all’interno del ricchissimo palinsesto letterario organizzato dallo staff di BookCity 2016.

Incominciamo allora con i tre eventi a cui ho partecipato sabato scorso. Il primo si è svolto al Laboratorio Formentini per l’editoria e s’intitolava “Lavorare in editoria, e-commerce, social, ebook” con Davide Giansoldati, Michela Gualtieri, Fabrizio Venerandi e Mauro Zerbini. In quel luogo si è detto che il mercato degli ebook è in continua evoluzione ma sono state smentite quelle previsioni apocalittiche che vogliono l’estinzione dei libri di carta: gli ebook conviveranno pacificamente con i loro cugini cartacei. Ma le aziende quando promuovono i loro prodotti culturali come utilizzano i social network? Giansoldati ha risposto che alcune case editrici delegano a delle agenzie esterne questi compiti e i social media editor si occupano di selezionare le immagini giuste e di monitorare il gradimento suscitato dalla condivisione di vari contenuti: «I social non generano vendite. L’obiettivo primario è quello di generare interesse. La condivisione di una copertina o di una frase di un libro possono diventare virali con un pizzico di fortuna. Bisogna indurre i lettori a creare una sorta di cassa di risonanza. Come un sasso nello stagno, dobbiamo cercare di farlo andare più lontano con molti rimbalzi».

cxn7q7hw8aagnil-jpg-large

Poi durante l’evento è stato presentato anche il sito Tribook che consente di ordinare un libro online e ritiralo e pagarlo in una specifica libreria. Per ora il servizio è attivo solo a Milano ma tra qualche anno si espanderà in altre città.

Per quanto riguarda gli store online, IBS è il primo per vendita di ebook ma sembra che questi titoli digitali non abbiano avuto un gran successo ritagliandosi solo una fetta del 5% nel mercato librario.

Fabrizio Venerandi ha però specificato che il dato si riferisce al guadagno e non ai titoli venduti che potrebbero essere di più di quello che si pensa. Inoltre il 5% è una stima: l’AIE interroga i più grandi editori e chiede loro quanti titoli digitali abbiano venduto. Sappiamo che esistono, oltre ai grandi marchi dell’editoria, anche altre realtà editoriali che vendono molto online ma non vengono interpellate sulle loro vendite. Le statistiche che noi citiamo allora non sono così precise. Inoltre non vengono nemmeno considerati i titoli auto-pubblicati. L’evento si è concluso con un racconto sulla formazione personale dei tre relatori.

Alla fine ho capito che è vivamente consigliato, per chi vuole occuparsi di editoria, essere provvisti di una formazione umanistica e informatica. È preferibile infatti conoscere le basi del linguaggio di programmazione.

cxomlf3w8aagbrxPoi, dopo un panino al volo, mi sono spostato al teatro Franco Parenti dove mi aspettava l’evento “C’erano una volta i Bookbloggers: la nuova cultura nel web 2.0”. Una piccola ma accogliente saletta del teatro ha ospitato gli interventi di Giulia Ciarapica, Cristina Cama, Francesca Marson, Samuela Serri e Saro Trovato.

cxomlm_wgaaeyxdNon si è detto molto di interessante tranne il fatto che quasi tutti i blogger si occupano di libri con l’obiettivo di sensibilizzare il prossimo alla lettura. Non so dirvi se questo sia vero. Personalmente credo che chi decida di parlare di libri e cultura dovrebbe essere libero nelle proprie decisioni. Se si incomincia quindi a sponsorizzare i titoli più in voga di alcuni editori, i vari giudizi vengono falsati. Ma diciamoci la verità: un blog rimane un blog, quindi va bene tutto.

L’energico Saro Trovato, fondatore di Libreriamo, ha inoltre dichiarato sul tema: «Sentivo il bisogno di avvicinare i non lettori alla lettura per il bene dei miei figli. Per farlo però dobbiamo cambiare tipo di comunicazione, deve esserci un dialogo dal basso per coinvolgere il maggior numero di persone».

Finito l’incontro, alquanto banalotto, con i bookbloggers, e dopo aver percorso qualche centinaia di metri, sono finito allo spazio Open in viale Montenero per partecipare ad un workshop di scrittura creativa intitolato “Il terrore della pagina bianca” con Vito Ferro, Alessio Cuffaro e Andrea Roccioletti del progetto Autori Riuniti.

cxvbqfwxcaiae_i-jpg-large

Durante il laboratorio hanno cercato di insegnarmi a creare un conflitto all’interno di una storia, a sviluppare una carta d’identità di un personaggio e a elaborare la scrittura di un incipit.

Vediamo un secondo il risultato del mio lavoro, ecco il mio personaggio:

“Arturo Piombini.

Vive in un bosco, in un paesino di montagna sulle Alpi.

È povero ed è nullafacente.

Proviene da una ricca famiglia di città.

Odia le metropoli, le buone maniere, la televisione, i fast-food, la falsità delle persone e internet.

Ama la natura, gli animali, la bicicletta, gli audiolibri, il silenzio, il whisky e i sigari.

Ha tra i 40 e 50 anni, è laureato ed ha un’ottima istruzione.

Come segno particolare non ha un occhio.

Il conflitto: suo padre è malato e intende lasciare in eredità l’azienda di allevamento di bovini al cugino incapace e straviziato Andrea. Il rifiuto alla proposta dovrà essere notificato davanti al notaio. Così Arturo è costretto a recarsi in città affrontando la sua famiglia e la strafottenza del suo concorrente. Cosa farà?”

Qui invece l’incipit:

“Il diretto delle 11 tardava sul binario 3 e c’era solo lui con la sua scatola. Luca aveva finalmente sgomberato l’appartamento e portato via gli ultimi soprammobili. «Una nuova vita mi aspetta», diceva a se stesso imbacuccato in un cappotto scuro di lana.

Nella sua mente inoltre ripercorreva con un pizzico di nostalgia i piacevoli eventi che durante gli ultimi 20 anni si erano verificati tra quelle quattro mura ormai spoglie e senza più un’anima: la festa di laurea, il capodanno del 2000 in cui conobbe Chiara, i primi passi di Francesco.

Credeva di non aver mai amato la sua città: non l’aveva scelta, ci era solo nato.

In lui albergava una calma apparente, non era preoccupato di lasciarsi tutto alle spalle. Questi erano i suoi pensieri mentre le luci del treno si scorgevano in lontananza”.

E così terminò il secondo giorno di BookCity.

 

Il terzo e ultimo giorno di BookCity

Domenica 20 ho invece seguito 4 eventi. 2 per il blog e 2 per lavoro.

img_66071Il primo è stato “Storia di giornalisti, editori, padrini, padroni”, durante cui è stato presentato il volume di Claudio Fava Comprati e venduti (Add editore) con il supporto di Gianni Barbacetto ed Ester Castano. «Fava con il suo lavoro parlamentare ha raccolto numerosi elementi sui giornalisti italiani che hanno avuto un rapporto con la mafia», ha dichiarato Barbacetto.

Durante l’evento i relatori hanno riflettuto sulla libertà del giornalismo di oggi e del coraggio di scrivere fatti di cronaca mafiosa.

«Ci sono molti bravi giornalisti che giornalisti non sono. Se non sei iscritto all’albo non vuol dire che tu non possa fare un ottimo articolo o un’ottima inchiesta. Anche perché in Italia non esiste un giornalismo neutrale: il giornalismo è sempre di parte», ha spiegato Fava.

cxthhplweaamwohEster Castano ha poi rincarato la dose: «Il giornalismo non pagato è un giornalismo non libero; ti impedisce di fare un lavoro d’inchiesta. La mafia ha cambiato strategie ma nei confronti dei giornalisti l’atteggiamento non è mai cambiato. Spesso sono le domande più semplici a portare a galla le contraddizioni e le falsità».

Finita la tavola rotonda sul giornalismo, mi sono recato all’ormai famigliare Laboratorio Formentini per l’editoria dove ho seguito l’incontro “Indie è bello?” con Serena Anselmini, Pietro Biancardi, Jacopo Cirillo, Luisa Ciuni, Cristina Di Canio, Andrea Kerbaker, Eleonora Molisani e la moderatrice Annarita Briganti.

img_66101In questo evento ci si è chiesto se l’indipendenza nel campo editoriale sia un valore aggiunto oppure no. Secondo Kerbaker sia i grandi editori che quelli più piccoli possono produrre buoni o cattivi titoli: non c’è una differenza precisa su questo piano. Mentre Bianciardi, Ciuni, Anselmini hanno dichiarato che attualmente gli sconti non sono equi e che in Italia si dovrebbe imporre il prezzo di copertina affinché la competizione sia ad armi pari.

Jacopo Cirillo, secondo il mio parere, ha elaborato l’intervento più interessante: «Scrivo per Finzioni che è un magazine online nato nel 2008. Volevamo proporre un giornale che trattasse in modo semplice la letteratura; cercavamo leggerezza, abbiamo cambiato spesso la nostra politica editoriale, al momento pubblichiamo 2 o 3 post alla settimana molto approfonditi. Siamo partiti da una nuova concezione: i libri non sono più importanti. Si è creata una divisione netta tra lettori e non lettori e questo non aiuta a sensibilizzare i non-lettori. Possiamo essere delle bravissime persone anche se facciamo altro, non dobbiamo necessariamente leggere qualsiasi libro. Anche i social non rappresentano questa grande opportunità: gli algoritmi di Facebook stimolano la polarizzazione delle idee. Per questo motivo i commenti solitamente vengono inviati o da chi la pensa come noi oppure da chi ci odia».

Mi spiace ammetterlo ma Cirillo ha davvero ragione.

Ed ecco che anche quest’anno BookCity è terminato. Alla prossima edizione per un’altra cronaca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...