Primo giorno BookCity. Eventi dedicati all’editoria

La prima giornata di BookCity è stata abbastanza interessante. Ho deciso di sfruttare i tre giorni del Festival scegliendo eventi strettamente legati all’editoria, dato che è ciò che più mi interessa in questo specifico momento.

img_6575Il primo evento a cui ho partecipato si è svolto presso la sede di via Nirone dell’Università Cattolica di Milano, la mia università. L’incontro organizzato dal Laboratorio di Editoria diretto dal professor Roberto Cicala (è stato un mio docente) era incentrato sulle nuove frontiere del libro, dentro e fuori la carta. Gli ospiti presenti erano Flavia Gentili di Emons (un’azienda che fa audiolibri), Marco Ferrario di Bookrepublic e Amedeo Perna creatore della App Let.life.

Gli ospiti, dopo essersi presentati, si sono soffermati sulle loro professioni e sui fenomeni che oggi stanno capovolgendo il mercato editoriale sia cartaceo che digitale.

pastoraleamericanaweLa Gentili, regista di letture ad alta voce (così si è definita), ha affermato che il suo passato da libraia le è stato molto utile nel mondo della produzione degli audio-libri. «La Emons è nata nel 2007. Sembra strano ma la lettura dei libri ad alta voce è davvero una pratica antichissima utilizzata dai primi poeti. Cerchiamo di dare un glam al prodotto impiegando degli attori famosi nella declamazione dei testi. I libri vengono letti integralmente perché mi sembra più giusto che l’ascoltatore-lettore attraverso una voce genuina e senza strani suoni possa apprezzare tutte le variazioni della lettura: la voce dell’interprete non è mai uguale perché interiorizza la lettura. In altri paesi come Francia, Germania e Stati Uniti c’è un largo consumo di audio-libri. Quando incominciai questa nuova attività, in pochi credevano al successo di questi prodotti ma i profitti sono arrivati e sono anche cresciuti grazie all’avvento del formato Mp3 e di internet. Il caso editoriale di Emons è stato Orgoglio e pregiudizio letto da Paola Cortellesi. Ovviamente Emons è un editore in seconda battuta: acquistiamo i diritti da un’altra casa editrice».

Interessanti sono state anche le valutazioni del CDO di Bookrepublic. Ferrario ha infatti affermato: «La piattaforma su cui lavoro era nata come un intermediario tra editori e distributori per creare contenuti digitali, gli ebook, da vendere nelle librerie online come Amazon, Kobo store etc…

Poi Bookrepublic è divenuta anche una casa editrice (40k ne è un esempio). Inoltre la mia azienda ha fatto un accordo con le librerie Coop che prevede la vendita di ebook all’interno del negozio». Ferrario ha inoltre cercato di dare un giudizio sulla rivalità tra carta e digitale: «Non credo che gli ebook soppianteranno i libri di carta. Nasceranno però nuovi strumenti che restringeranno le differenze tra i due supporti; pensiamo per esempio alla piattaforma Medium che offre un’esperienza molto valida di scrittura. Non meno imprescindibili sono i social network. Ricordiamoci che in questi anni gli ebook sono migliorati tantissimo. I primi libri digitali erano delle vere e proprie porcate. Oggi invece si sono sviluppate delle competenze che permettono di realizzare prodotti digitali di qualità. Diciamo che questo cambiamento è stato innescato dai grandi players che hanno imposto uno standard e a cui le case editrici si sono dovute adeguare per non essere tagliate fuori dal mercato online. Inoltre è molto importante come sia organizzato l’e-store: c’è infatti la necessità di instaurare un valido rapporto con i propri lettori, direi che bisogna creare una community. Il sito deve avere un’anima e una connotazione chiara e Bookrepubblic ce l’ha. Non abbiamo però la possibilità di profilare i nostri utenti perché per ora abbiamo pochi dati e con pochi dati un algoritmo non funziona. Quindi la nostra profilazione è artigianale e assomiglia allo stesso procedimento adottato in genere dai librai».

A chiudere l’incontro è stato l’imprenditore Perna che ha spiegato le funzioni della sua App ma io non le ho comprese appieno e quindi sorvolo su questo argomento.

Dopo poche ore ho preso la metropolitana e mi sono spostato al teatro Franco Parenti dove era stato programmato l’evento “Ritorno al futuro. Promozione editoriale e politiche commerciali ai tempi dell’online”.

cxjiu1kxeaapghpDirei che l’incontro non mi è piaciuto molto perché richiedeva conoscenze in campo editoriale troppo specifiche. Riassumendo gli interventi di Giovanni Peresson, Marco Zapparoli, Roberto Malgrati, Davide Ferraris, Pina Micoli e Giovanni Bianchi, posso dire che i relatori hanno discusso sulla necessità di ridurre il numero di pubblicazioni visto che i promotori commerciali molto spesso, quando si recano nelle librerie per proporre i titoli dei vari cataloghi ai librai, sono troppo generici e non conoscono bene tutte le novità. C’è una spiegazione: la crescita abnorme delle pubblicazioni e la crisi che il settore ha attraversato (i vari tagli del personale).

«Se ci sono poche persone che leggono è inutile proporre troppo. Una casa editrice può fare un passo indietro, produrre di meno, come Marcos y Marcos. Io in quanto libraio assumo il punto di vista del lettore e guardo al consumatore; per me il promotore commerciale è essenziale perché ogni anno esce di tutto e faccio fatica a stare dietro ai cataloghi. Non si ha tempo per spulciare gli elenchi, ciò succede a chi ha un giro di clientela forte. Si fa fatica a trovare spazio. Inizialmente avevo molte relazioni con gli editori, ma quando il lavoro aumenta, diminuisce il tempo a disposizione, e così mi informo di meno. I promotori dovrebbero essere preparati sulla materia che trattano. Ma questa preparazione la trovo sempre meno. Loro di solito trattano il libro più come un prodotto e non come un prodotto culturale. Se lo trattiamo come il secondo ci sono delle nuove vie. Se lo consideriamo solo come prodotto allora non ne creiamo» ha dichiarato il libraio Davide Ferraris.

E così dopo questo soporifero appuntamento sono tornato a casa per programmare la seconda giornata di BookCity 2016.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...