Inaugurazione Bookcity. Elif Shafak e la democrazia perduta in terra turca

Come avrete notato da una massa di ripetitivi articoli, BookCity è iniziato. Ieri sera ho presenziato, presso il teatro Dal Verme di Milano, all’evento di apertura che ha avuto come protagonista la scrittrice turca Elif Shafak.

La romanziera è stata infatti intervistata – non a caso – dalla giornalista Rula Jebreal. Infatti dico questo perché durante la conversazione si è parlato – inevitabilmente – più di politica che di letteratura. Questo non è un male ma nemmeno un bene, dal mio punto di vista.

cxfjcesxcaad4xi

Liberiamo credits

Tralasciando queste mie considerazioni, la Shafak ha espresso diverse critiche al proprio Paese natio, la Turchia, accusandolo di essere diventato troppo xenofobo, troppo nazionalista, troppo legato ad una tradizione islamica eccessivamente radicale.

Le riflessioni della scrittrice sono importanti sia in quanto turca, sia in quanto autrice di successo, se pensiamo che è stata pubblicata in 42 nazioni e ha scritto diversi libri, tra cui 10 romanzi che sono col tempo divenuti molto popolari.

La frase più stimolante e importante ha riguardato la tolleranza tra popoli: «Milano è come casa mia. Anche se sono istambulina ho diverse patrie. Nella mia vita, a causa del lavoro di mia madre, ho viaggiato molto. Attraverso queste trasferte ho imparato che nella vita è importante avere più identità. Ciò ci arricchisce ma non è tollerato dagli estremisti che odiano le differenze perché non ne comprendono la vera natura. Infatti la stessa natura umana è molteplice, il nostro io è molteplice. Non abbiamo una sola identità» – chissà se la Shafak abbia mai letto Pirandello (domanda che avrei posto).

La scrittrice ha inoltre parlato di stereotipi culturali affermando che durante l’infanzia venne discriminata per le politiche che la sua patria attuava con ferocia: «Che colpa ne avevo io?»

cwwaiw2xcaalmxoL’intervistatrice ha inoltre chiesto alla Shafak per quale motivo si sia trasferita all’estero, in Inghilterra, e lei ha risposto così: «Oggi, nel mondo, stiamo tornando indietro. Stiamo ritornando all’isolazionismo, al nazionalismo, al negazionismo; insomma si sta riscoprendo una sorta di tribalismo. Oltre che in Turchia, questi atteggiamenti stanno dilagando anche in Europa come in Polonia e in Ungheria. In questi paesi un governo democratico, eletto appunto grazie a delle elezioni, ha come priorità l’agire contro le libertà cercando in ogni modo di reprimerle» Con l’eliminazione dei diritti fondamentali vengono danneggiate anche le donne; «Si fomenta una misoginia che non è compatibile con la democrazia, ha affermato la Shafak». I paesi con tali degenerazioni politiche diventano sempre più patriarcali, omofobi e sessisti.

91o0zm-3qklL’ultimo romanzo dell’autrice turca cerca infatti di analizzare la natura della donna in tutte le sue sfumature. I tre personaggi principali, tre donne appunto, rappresentano tre personalità differenti: l’atea per scelta, la convinta credente e la confusa esistenziale.

Ha inoltre aggiunto che rinunciare alla democrazia per sentirsi più sicuri è un errore irrimediabile. «Nel mio Paese è molto rischioso parlare. Se critichi il governo sul web ti piovono addosso centinaia di commenti negativi». Spesso questa negatività poi si trasforma anche in odio politico. Si viene infatti etichettati come traditori, e inoltre si corre il pericolo di essere denunciati e imprigionati per le proprie idee. Le parole possono avere davvero un peso insostenibile in Turchia.

Vorrei poi aggiungere che anche in Italia sembra sempre più difficile esercitare il diritto di cronaca sancito dalla Costituzione. Tale declino è presente nelle numerose minacce e pressioni che i media italiani nel 2016 hanno subito. Tale drammatica analisi è infatti presente in un recente studio Ue. Trovate qui la notizia.

Nella fase conclusiva dell’incontro la scrittrice ha affermato di essere atea perché “le religioni organizzate dividono il genere umano”. Questa affermazione è davvero curiosa e ingiusta. Come ho scritto sul mio Twitter, i veri nemici sono gli estremisti che impongono le loro convinzioni sugli altri con la violenza e il terrore; coloro che pacificamente praticano una “fede organizzata” aiutando se stessi e il mondo che li circonda non penso che rappresentino un pericolo. Di conseguenza chi crede in un dogma religioso non è automaticamente un folle, ma solo un uomo di fede.

Alcune informazioni, tratte da Wikipedia, sulla biografia della Shafak:

Elif Şafak, trascritto anche come Elif Shafak (Strasburgo, 25 ottobre 1971), è una scrittrice turca. Ha pubblicato romanzi scritti in turco e in inglese ed è l’autrice più venduta in Turchia. Le sue opere sono tradotte in più di trenta lingue. È stata definita dai critici come un’autrice in cui si armonizzano in modo creativo la tradizione occidentale e quella orientale fino a generare un’opera narrativa che è insieme locale e universale. La sua opera attinge a diverse culture e tradizioni letterarie, così come ad un profondo interesse per la storia, la filosofia e la cultura orale. La Şafak ha una scrittura provocatoria nei confronti del bigottismo e della xenofobia, ed è profondamente legata ai temi del femminismo, del sufismo, dell’individualismo e della cultura ottomana, con “un particolare talento nel dipingere le strade di Istanbul”. Attualmente divide il suo tempo tra la Gran Bretagna e Istanbul”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...