I TheGiornalisti non parlano “completamente” di libri

Qualche mattina fa, avviando la mia app preferita di musica, mi sono chiesto perché abbia dei gusti musicali precisi ma non spiegabili. Voglio dire che tra me e il brano in ascolto scatta un rapporto di empatia. Succede anche con le persone. Quante volte giudichiamo con un solo sguardo uno sconosciuto che ci è davanti? Quante volte proviamo una sensazione strana che ci rende amichevoli o prudenti con chi abbiamo di fronte?

La musica per me funziona così. Non mi faccio molte domande. Non studio musicologia e non intendo studiarla (almeno per ora). Questo è il mio approccio alternativo con la cultura musicale che non potrei mai adottare con la letteratura.

5m75gzl1114l160npar1Al di là di queste mie considerazioni personali, da circa un mesetto ho incominciato ad ascoltare un nuovo gruppo romano che si chiama TheGiornalisti. Ne avevo già sentito parlare ma non avevo seguito i tanti consigli dei miei amici che mi esortavano ad ascoltarli. Forse era colpa del nome della band; non sopportavo l’idea di ascoltare qualcosa che potesse legarsi al mio lavoro e ritenevo il loro brand soltanto una strategia commerciale per indurmi a seguirli. Andò a finire che non li scelsi mai dal catalogo multimediale.

Questo però è il passato. Il presente è differente dato che sono stato colpito dal brano La fine dell’estate e il nuovo singolo Completamente.

l leader dei TheGiornalisti è un certo Tommaso Paradiso, non lo conoscevo, e tra le altre cose assomiglia tantissimo a Nanni Moretti (qualcun altro dice Pablo Escobar). Come scrisse Chiara Amendola sul “Corriere della Sera” nel 2015 la loro musica è “un amarcord che mescola suoni post Ottanta a testi ricchi di pathos”.

Processed with VSCOcam with x1 presetPerché parlo dei TheGiornalisti nel mio blog? La risposta si trova nell’intervista al frontman del gruppo e pubblicata pochi giorni fa da Il Libraio. Paradiso ha scritto tutti i testi delle canzoni e afferma che oggi ciò che influenza di più le sue composizioni sono le serie tv e i film.Oltre a ciò nell’intervista svela che il suo libro preferito è La repubblica di Platone ma non ci spiega il perché. Poi parte una frase troppo banale per essere proferita da un cantautore: «D’estate divoro ogni genere di libro. Basta che sia scritto bene. Negli altri mesi è più difficile. Ma d’estate leggo quanto legge un lettore normale durante l’anno».

Wow! Che cosa originale!

L’intervista, non lo nascondo, mi ha deluso molto e mi è sembrato che l’obiettivo dell’articolo fosse quello di promuovere l’ultimo disco e non invece quello di parlare di libri.

Pazienza.

L’ultima domanda del mio post: perché il gruppo si chiama così? Wikipedia dice che nel 2009 i membri della band hanno preso spunto dalla rivolta dei giornalisti di quell’anno (la protesta era rivolta contro la legge bavaglio fortemente voluta da Berlusconi). Inoltre il nome simbolizza anche la voglia di ritornare a scrivere musica. Non posso far altro che prenderne atto.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...