Cassola tra politica e realtà

carlo_cassola-211x300L’uomo che vedete in fotografia, con una splendente camicia bianca, non è un nuovo ministro del governo Renzi. Se Cassola lo avesse incontrato probabilmente non gli sarebbe dispiaciuto conoscere la grande speranza della res pubblica per capire quanto la politica italiana sia mutata così lentamente e sprofondata così velocemente. Ora non accusatemi di fare propaganda, per piacere.

Da quello che ho letto su Cassola, intuisco che in passato debba esser stato uno scrittore molto tollerante. Fu amico nei ’30 dei figli di Mussolini ma poi decise di arruolarsi nella Resistenza.

A suo modo Cassola è stato un anticonformista: convinto delle proprie idee, si è persino permesso di criticare l’opposizione armata che negli anni ’60 gli causò numerosi grattacapi.

Carlo Cassola Foto
Claudia Cardinale e Carlo Cassola

Apprezzati furono i suoi primi racconti, come non ricordare la struggente ambientazione de Il taglio del bosco (Mondadori). Molte critiche invece fioccarono in occasione della pubblicazione de La ragazza di Bube avvenuta da parte di Einaudi nel 1960 e il romanzo vinse nello stesso anno il Premio Strega (nella foto lo scrittore è affiancato da una bellissima Claudia Cardinale – che invidia).

Parlo di questo libro perché è l’ultimo che ho letto. Anche l’unico per dire la verità. Per ora. Sono sicuro che tra le mie mani finirà qualche altra sua intrigante opera.

Parlando de La ragazza di Bube, decreto subito la mia impressione di lettura: mi è piaciuto a metà. La nota più positiva è sicuramente rappresentata dal linguaggio e dallo stile. Per amor del cielo, se dovete acquisire un canone di scrittura, vi prego, incominciate dalla produzione letteraria di quest’uomo. E la nota più negativa? La trama. Non la sopportavo; era davvero troppo semplice. Per non parlare dell’amore eterno di Mara nei confronti di quel (inconsapevole) delinquente di Bube. Una storia troppo piatta, e infatti piace a mia madre. Non c’è nessun colpo di scena, nel senso che le cose vanno come devono andare.

Con questo pippone critico non voglio dire che il libro non si presti a letture più profonde. C’è il tema della Resistenza. Argomento molto strumentalizzato politicamente, anche nel nostro presente. Questo è ed era un tasto dolente. La pubblicazione del libro ottenne molto successo di pubblico ma le critiche degli intellettuali di sinistra furono spietate. Due in particolare:

copertina ragazza bubeItalo Calvino disse: «I romanzi di Cassola sono sbiaditi come l’acqua della rigovernatura dei piatti, in cui nuota l’unto dei sentimenti ricuci nati». Pesante?

Togliatti non fu meno duro, definì lo scrittore romano come “un diffamatore della resistenza”.

Devo dirvi la verità, queste cattiverie mi hanno reso Cassola ancora più simpatico.

Le critiche al romanzo di Cassola derivano dalla convinzione che tutti i partigiani furono degli eroi senza macchia e con un solido codice morale. Sappiamo che storicamente non fu così. Basta leggere Fenoglio per capirlo. Cassola si era solo permesso di far notare alcuni aspetti della resistenza che la retorica politica aveva cacciato sotto il tappeto.

Annunci

Autore: Paolo Castellano

Aspirante intellettuale. Non cerco fama ma solo qualità e belle storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...